Poche ‘fiches’ in mano, ma ora Pioli punta al poker: l’ultima volta la Viola era 1°

da La Repubblica

1



Si è presentata al casinò con poche fiches. Eppure, convinta a scommettere su stessa. Decisa a sedersi al tavolo nonostante il rischio di essere spennata. Un rischio che, dopo le prime “mani”, si era fatto concreto. Poi, all’improvviso, la svolta. La Fiorentina ha calato il tris. Udinese, Benevento, Torino. Tre partite, tre vittorie, fiches in aumento e, adesso, la possibilità di giocarsela sul serio. Rilanciare ancora. Questo è l’obiettivo. Sbancare anche Crotone (oggi alle 15) per un poker che, da queste parti, non si vede da una vita.

I viola infatti non vincono quattro partite di fila da più di due anni. Era il campionato 2015/2016, in panchina sedeva (da poco) Paulo Sousa e, tra la terza e la settima giornata, di successi consecutivi ne arrivarono addirittura cinque. Erano i giorni del “salutate la capolista”. Un sogno breve, ma intenso. Oggi, lo scenario, è totalmente diverso. Anche e soprattutto perché l’allenatore, Pioli, ha i piedi ben saldi a terra. Consapevole della realtà, e felice di farne parte.

1
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Passarella
Ospite
Passarella

Si non male i terzini soprattutto per abnegazione ed impegno. Soprattutto Biraghi, piuttosto legnoso con i piedi, ma corre corre corre e carica i compagni. Troppo infamato dopo Chievo Verona. Certo non è Roberto Carlos né Alonso …ma ricordate Milic oltre che scarsissimo era anche lento e per nulla tignoso. Certo che se penso ai 4 esterni della Rubentus o della Roma mi intristisco un po’ e mi arrabbio se penso a Sportiello, De Silvestri Savic Pezzella Alonso Vecino Veretout Borja Valero Ljiaic Jovetic Kalinic Squadra stellare

Articolo precedenteFormazione dei Tifosi: Eysseric e non Gil Dias, Baba in panchina
Articolo successivoBiraghi-Laurini, il Crotone e quella doppia retrocessione da dimenticare
CONDIVIDI