Pochettino: “Kane un killer, è molto simile a Batistuta”

11



Pochettino

Mauricio Pochettino, allenatore del Tottenham, parla di Harry Kane, paragonandolo a Gabriel Omar Batistuta: “Harry Kane a volte viene messo in paradiso, altre volte non viene neanche considerato. Se giocasse in Italia e fosse italiano sarebbe molto più protetto, gli italiani sono protettivi verso i loro giocatori. Qua se segni sei il migliore, se non segni vieni criticato. Io lo conosco bene Harry, è un killer, un assassino. E’ determinato e pensa solo al gol. Per mentalità è molto simile a Gabriel Omar Batistuta e può ancora migliorare di molto le sue statistiche. Conosco Batistuta molto bene e lo stesso posso dire di Kane, si somigliano molto per mentalità, attenzione e determinazione”.

11
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Vittorio Cecchi Gori Sempre in balaustra
Ospite
Vittorio Cecchi Gori Sempre in balaustra

Si uguale uguale proprio.
Ma sta bono, su.
Vola basso, INFINITAMENTE più in basso.
Ecco, accontentati di Schillaci.

ALESSANDRO1973
Tifoso
Alessandro73

Kane sta a Batistuta come la Littizzetto sta alla Bellucci

Gaesill
Ospite
Gaesill

Non gli può portare neanche il borsone…….

Mielrita
Ospite
Mielrita

Amico, mi sa che hai appena appena un Pochettino esagerato…

olegnaizner
Ospite
olegnaizner

blasfemia.

Daniele
Ospite
Daniele

Come tra mangiare e stare a guardare…

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

Non mi pare, Kane è molto più altruista del Bati, che invece viveva per il gol. E sui piazzati era una belva rispetto a Kane.

Rep
Ospite
Rep

Ne deve mangiare di polenta…

Purple.kalabrians
Tifoso
Slim

Kane è davvero simile a bati,per personalità,forza fisica,temperamento,leadership,è immenso,cosi generoso che potrebbe giocare da solo,perchè alcune partite,le vince da solo…..spero rimanga per sempre nella squadra del suo cuore…..il tottenham….

Julinho
Tifoso
Manlio

Non nominare il nome di Dio invano.

stefano
Ospite
stefano

come no…uguali

Articolo precedenteSerie A, ecco le formazioni ufficiali di Genoa-Napoli
Articolo successivoLa giornata viola: il riassunto
CONDIVIDI