Pres.Barcellona: “Siamo indignati, qualcuno ci vuole danneggiare. I nostri giovani…”

    0



    barcellonaConferenza stampa quest’oggi per Josep Maria Bartomeu, presidente del Barcellona che risponde al blocco del mercato imposto dalla FIFA. Ecco le sue parole: “Il 5 febbraio 2013 abbiamo ricevuto un avviso da parte della FIFA in merito ad una denuncia anonima riguardante il contratto di LEE e altri 41 giocatori. Abbiamo ricevuto un’altra carta dalla FIFA in cui si richiedevano alcune informazioni su altri giocatori della Masia. Il Barcellona ha risposto a tutte le carte, specificando in dettaglio le situazioni. La sanzione arriva 4 mesi e 5 giorni più tardi, e la cosa ci sorprende moltissimo. Ci siamo riuniti e abbiamo deciso di appellarci alla FIFA entro 9 giorni e chiederemo la sospensione della sanzione. Se la FIFA darà parere negativo, ci rivolgeremo al TAS e chiederemo una misura cautelare per poter acquistare il prossimo mercato estivo e dell’inverno che viene. Faremo ricorso insieme alla Federazione spagnola. Nel Barcellona siamo completamente d’accordo con le normative FIFA relative ai minori, la nostra intenzione è quella di proteggerli e preservarli e il Barcellona è un club d’esempio per molti nel mondo. Le cose qui si fanno molto bene e ugualmente c’è gente a cui non va e che cerca di rompere questa situazione. Ma non ce la faranno. Sempre lotteremo contro il traffico di minori. Voglio dire a tutto il mondo, tifosi e giocatori della Masia, che siamo indignati con la FIFA. La FIFA sta castigando l’essenza del nostro club, proprio loro che l’hanno spesso premiata ed elogiata. La Masia conta 238 ragazzini, e tutti quanti ricevono ogni tipo di sostegno: educazione, aiuti medici… La Masia non si tocca! Lotteremo fino alla fine per difendere il nostro club. Da un po’ di tempo si sta cercando di danneggiare il Barcellona, stiamo investigando in questo. Abbiamo sempre avuto una relazione costante con la FIFA, in questi ultimi mesi ci hanno richiesto moltissimi documenti. Incontreremo le persone che vogliono crear danno al Barcellona. Abbiamo sempre rispettato le normative FIFA. La situazione che ha il Barcellona ce l’hanno anche altri club spagnoli e stranieri. Il Barça non ha fatto nulla di male, cerca solamente talenti per tutto il mondo e quando li trova li porta nella Masia. Ci sentiamo trattati ingiustamente dalla FIFA”.