Pres. Spal: “Obiettivo resta la salvezza. Semplici? Grandissimo lavoro, e grandi meriti”

1



Il Presidente degli estensi: “Lazzari voleva restare con noi. Poi vedremo. Semplici? Ha grandissimi meriti in questa nostra storia”

Parla così il Presidente della Spal, Colombarini, a Radio Bruno: “Noi sorpresa? Siamo partiti benissimo, anche meglio delle nostre aspettative. Fare 9 punti è davvero un bel bottino, e ci fa ben sperare per quello che sarà ed è il nostro obiettivo, ovvero raggiungere la salvezza. Magari con un po’ di anticipo rispetto all’anno scorso. O almeno lo speriamo. Paragone col Sassuolo? Può starci, due squadre provinciali, in un mondo come la A, dove nessuno ci sperava anni fa. Loro hanno però un’azienda molto forte, diversa rispetto a noi. Loro hanno fatto passi in avanti con cautela, noi dobbiamo programmare con maggior prudenza. Vedremo. A me piacciono i modelli come il Chievo, l’Atalanta. Ci ispiriamo a loro. Passo dopo passo”.

Stadio rifatto? “Non era mai a norma per la categoria, ogni anno ci abbiamo dovuto metter le mani. L’adeguamento è stato importante, abbiamo aumentato la capienza, e lo abbiamo coperto. A quel punto che c’eravamo, abbiamo fatto anche quello”.

Semplici? “Il fatto che abbia avuto un’esperienza nel settore giovanile viola così importante ci ha portato a prenderlo in Lega Pro. Avevamo tanti giovani, e la sua esperienza sapevamo ci avrebbe fatto crescere. In questi anni ha fatto un grandissimo lavoro. Abbiamo ottenuto risultati anche insperati. Ha grandi meriti di questa cavalcata. Avrà anche delle ambizioni, un giorno, di andare in club dove ci sono più possibilità. Spero che questo giorno sia molto lontano, per ora noi siamo contenti di lui, e lui di stare con noi. Poi si vedrà”.

Lazzari? “Per noi è un simbolo. Rappresenta la nostra ascesa. Siamo molto legati a lui, e lui a noi. Anche in estate, quando c’erano voci di mercato su di lui, ci siamo incontrati, e parlati, e per entrambi c’era la volontà di continuare insieme. Poi se un giorno arriveranno grandissime squadre, allora, ne riparleremo. La Fiorentina a me non lo ha chiesto, se c’è stato qualche contatto tra i viola ed il suo entourage non saprei. Ma lui ha sempre detto di voler restare. E ci ha sempre detto che voleva restare”