Presentazione Stadio, ADV e Cognigni: “Investimento da 420 milioni”. Prima pietra nel 2019, pronto nel 2021. Tutte le parole (FOTO)

dall'inviato, Niccolò Misul - A cura di Marco Pecorini

249



Giornata importante per la Fiorentina: a Palazzo Vecchio Della Valle e Nardella presentano il progetto viola per il nuovo stadio in area Mercafir. Conferenza che inizierà alle ore 11.30. Segui il LIVE SU FIORENTINA.IT.

Ore 13: Vengono svelati i plastici, ecco le foto:

Domanda per i Della Valle: Se non si trovano partner, quanto metterà di soldi la Fiorentina? “Ad oggi non avendo partner mettiamo tutti i 420 milioni noi. Queste operazioni qui si costruiscono con partner finanziari, bancari eccetera. La proprietà poi mette la sua parte, ed i rischi se li prende perché mette le firme”.

Domanda a Nardella: “Variante di Castello? Riguarda un terreno privato, su iniziativa del Comune. Abbiamo il diritto/dovere a distanza di anni di poter valutare se cambiare qualcosa. Noi riteniamo che la variante possa chiudersi in 8/10 mesi, periodo che in parallelo consentirà alla Fiorentina di completare tutto lo studio procedurale, già in fase avanzata. Quanto all’aeroporto, abbiamo già fatto la valuazione: il progetto dello stadio è compatibile sia con il piano di rischio con il nuovo aeroporto, sia con la nuova pista.

Domanda a Daniela Maffioletti: “Il programma che abbiamo fatto porterebbe a mettere la prima pietra nella seconda metà del 2019. Quello che possiamo dire che la costruzione dello stadio durerà 24 mesi dalla posa della prima pietra. Ogni tipo di progettazione, anche nel dettaglio, può essere svolta entro il 2019. Costo dell’impianto? Tutti i dati economici sono contenuti nel piano economico-finanziario, e per il rispetto della procedura sono tenuti coperti per adesso. I 420 milioni comprendono tutte le opere di urbanizzazione e tutte le attività connesse”.

Ore 12.50: Domanda ad ADV: “La Fiorentina continuerà a fare quello fatto fino ad oggi, al quindicesimo anno siamo andati 2 volte in Champions, tante volte in Uefa, due promozioni, i piazzamenti in campionato. Cercheremo sempre di far sognare i nostri tifosi. Non abbiamo vinto trofei, per sfortune o altro. Se togli qualche anno difficile, e se paragoni Firenze alle altre città per grandezza e livello economico, le altre piazze l’Europa non l’hanno mai vista. La nostra famiglia terrà sempre altissimo l’onore di questa città. Poi con uno stadio del genere, potremo parlare un giorno anche di altri obiettivi. Fino ad allora faremo il nostro dovere con i nostri sacrifici fatti”.

Ore 12.47: Domanda al Sindaco Nardella: Aveva detto che c’erano 7 possibilità su 10 di realizzazione concreta dello stadio, perché? “Dopo aver visto tutto, parlato con Cognigni e Della Valle, personalmente porterei a 9 il voto su 10”.

Ore 12.45: Domanda ad Andrea Della Valle: “Il nome dello stadio? Ancora non ci abbiamo pensato, ma sarà legato anche a Firenze”.

Domanda a Dario Nardella: “Vecchio stadio Franchi? Noi abbiamo sempre detto che insieme alla Fiorentina, a cui c’è la concessione dell’immobile, possa mantenere la sua vocazione sportiva. Oggi del calcio, magari in futuro polivalente per altri sport, in un contesto integrato di cittadella dello sport. Un’area sportiva attrezzata, necessariamente il Franchi dovrà avere nuova vita, e sarà una pista parallela che porteremo avanti”.

Ore 12.43: Domanda a Mario Cognigni: “Stiamo valutando dei partner che dovranno partecipare esclusivamente alla realizzazione dell’intervento. Per quanto riguarda gli introiti aggiuntivi è presto per dirlo, si vedrà tra 4 anni. Certo che ne terremo conto nei nostri piani per il futuro”.

Domanda a Dario Nardella: “Fiorentina e Comune continuano a lavorare in assoluta armonia, fermo restando il rispetto delle leggi e dei ruoli. Vogliamo portare avanti contestualmente le due strade: la prima è il completamento della progettazione, la seconda è la variante urbanistica che permetterà di spostare la Mercafir, altra opera strategica di interesse pubblico. Terminati i due percorsi, faremo la conferenza dei servizi e tutto secondo la legge”.

Ore 12.32: Parte il video di presentazione. Ecco le foto:

Ore 12.28: Parla Daniela Maffioletti: “Il progetto che presentiamo oggi, è una sintesi delle migliori opere internazionali, con impiego di nuove tecnologie. Il progetto è stato sviluppato mediante realtà virtuale, con cui abbiamo potuto sperimentare da vicino la visuale da ogni singolo posto a sedere. I posti a sedere saranno a soli 7 metri dal campo, e come catino è il più vicino di ogni altro stadio italiano similare. Ci sarà il wifi, abbiamo previsto pannelli fotovoltaici per la copertura, illuminazione led, sistemi di raccolta acque piovane per irrigare gli spazi verde. Tutto questo per ottenere altissima certificazione a livello internazionale. Abbiamo previsto ristoranti, punti ristoro, family lounge. Abbiamo previsto una grande copertura, che copra tutti i posti a sedere, con materiale moderno che garantisce la protezione dei nostri tifosi ma anche un corretto irraggiamento del manto da gioco. Lo stadio sarà fruibile anche ai tifosi con limitate capacità motorie, in tutti i settori. In numero del 20% superiore rispetto a quanto impone la normativa. Vogliamo che lo stadio viva durante tutta la settimana, per questo ci sarà il museo della Fiorentina, più i 7 mila metri quadrati di area evento”.

Ore 12.22: Parla Dario Nardella: “Non posso nascondere l’emozione per questo momento. Atteso per i tifosi, per la Fiorentina e per l’Italia tutta. Saluto Luca Lotti, che con me, con altri ruoli, ha iniziato questo percorso anni fa. Si è detto di Rinascimento viola, in questi anni siamo andati sempre avanti. Ora siamo ad un punto di svolta, abbiamo imboccato una strada di non ritorno, che porterà Firenze ad avere un nuovo stadio. Diciamo questo in un luogo solenne, non si torna indietro e non si dicono inesattezze. La norma che curai con il ministro Delrio consente di fare stadi e impianti sportivi senza avere alibi. A proposito di primi passi, non posso non ricordare il piano regolatore presentato nel 2012 dall’allora ministro Renzi. Nel 2014, la Fiorentina ha poi manifestato l’interesse di realizzare lo stadio. Nel 2015 abbiamo deciso di demolire la Mercafir, vecchia e non più adeguata. Individuiamo la possibilità dello spostamento, e nel novembre 2016 avvia una procedura della variante urbanistica dell’area Castello, finalizzata a riorganizzare i volumi. Poi la Fiorentina ha presentato a fine 2016 il suo progetto. Un percorso che è arrivato fino ad oggi passo dopo passo, credo sia un modo serio di fare le cose. Un metodo di sobrietà, che ritengo sia quello giusto. Oggi Firenze e la Fiorentina parlano all’Italia sapendo di poter prendere delle decisioni serie. Il nuovo stadio non sarà una cattedrale nel deserto, come succede spesso in Italia. Questo progetto dello stadio si inserisce in una riqualificazione complessiva del quadrante nord-ovest della città. Il nuovo aeroporto, la nuova tramvia. Si potrà raggiungere lo stadio o dal centro o dall’aeroporto stesso. Anche un’interconnessione tramvia-ferrovia da Castello, dalla direttrice Pistoia-Prato. Inoltre con Autostrade abbiamo deciso di avviare i lavori dello svincolo a Peretola, con la terza corsia autostradale, con lavori avviati nel 2018-2019. Si potrà arrivare anche dalla FI-PI-LI, tramite il Viadotto dell’Indiano. Insomma, si potrà arrivare in auto, in bici, in tram, in treno o in aereo. Ringrazio i Della Valle: nella storia di questa città, nessuna famiglia come i Della Valle si è impegnata in maniera così concreto nella realizzazione del nuovo stadio. Nessuno ha lavorato e creduto prima ad un progetto del genere. È un investimento per Firenze, vuol dire creare posti di lavoro. Diamo oggi qui anche una risposta al calcio italiano, con il nostro stile fiorentino: sobrio, fatto di fatti più che di parole. Nonostante le battute, le polemiche e le critiche. Se siamo qui, vuol dire che ci abbiamo creduto. Ci sentiamo sempre con Cognigni, poi Daniela Maffioletti, grande professionista. Ringrazio gli assessori, e poi i cittadini e i tifosi. Ora davvero Firenze deve dimostrare di essere unita, insieme ai Della Valle, ai tifosi, alla parte politica, al mondo dell’economia. Dimostriamo che quando siamo uniti non abbiamo rivali, lo abbiamo dimostrato nella storia”.

Ore 12.07: Parla Mario Cognigni: “Mi unisco ai ringraziamenti del nostro patron. È un evento significativo per la nostra città e la nostra società. Ringrazio tutti, patron, sindaco e cittadini. Ringrazio Daniela Maffioletti, che in questi tre anni ha raccordato le fila, ha portato avanti tutto con entusiasmo, grazie a lei se oggi ci possiamo trovare qui tutti uniti per vedere questo spettacolo che vi garantisco sarà emozionante. Ci siamo confrontati spesso con i giornalisti, per i risultati del campo, per il calciomercato. Oggi l’argomento che è sul tavolo di discussione ci emoziona un po’ di più. E ci crea delle difficoltà anche sul dialogo, perché dobbiamo far sì che i gusti personali lascino parte alla razionalità, perchè è un progetto molto importante a livello di città ed economico-finanziario. In questi anni ho notato scetticismo e diffidenza, come se si pensasse che ci fosse dietro un ritorno. Oggi tutto questo invece si tramuta in una realtà concreta. Una realtà che ci ha già portato a realizzare il centro sportivo funzionale, vorremmo far sì che la zona di campo di Marte diventasse un distretto viola per il settore giovanile. Così che la domenica le famiglie possano arrivare attraverso percorsi pedonali a godersi le partite dei loro ragazzi. Per tutto questo deve esistere grandissimo entusiasmo. Per uscire dalle mura di questa città e confrontarsi a campo aperto con le dirette concorrenti, per superare i limiti strutturali che ci sono oggi. Vi do dei dati del nuovo stadio: 40 mila spettatori, oltre 700 posti coperti all’interno dello stadio per parcheggio auto, di cui più di 100 punti ricarica per auto elettriche, oltre a 1000 posti bici custoditi. Potrà ospitare quindi durante la settimana eventi per un migliaio di persone. È prevista la riqualificazione di un’area di 48 ettari, un centro commerciale, un hotel con 200 camere e parcheggi indipendenti e un parcheggio collegato con la tramvia. Numeri che fanno immaginare l’investimento complessivo. Sapete tutti che per poter competere servono queste strutture. È una struttura che è stata voluta fortemente dal Comune. La novità di cui possiamo parlare oggi è un cronoprogramma, condiviso con il Comune. Ognuno, nella costruzione del cronoprogramma, ha il suo ruolo e le sue responsabilità. Ognuno sa quali sono le proprie attività. Noi abbiamo rispettato due cardini fondamentali in questo progetto: il primo, non aumentare le volumetrie che il Comune ci ha imposto; il secondo, in rispetto alla legge, si tratta di mettere insieme una funzione matematica che consenta che l’investimento sportivo stia in piedi con l’investimento a supporto, di natura commerciale. Questo è un progetto di interesse pubblico, quindi ad oggi stiamo aspettando che ci sia l’approvazione, ma può darsi che qualcuno più bravo di noi presenti un progetto migliore, per la città e per la Fiorentina. Noi parliamo di un progetto complessivo di 420 milioni di euro, comprese le opere di urbanizzazione, con il Comune che mette a disposizione i diritti di costruzione sull’area. In questo investimento si realizzerà anche il parcheggio scambiatore, fondamentale per il traffico cittadino. Qualcuno ha parlato e scritto di uno stadio come un tempio, con i tifosi che vanno a vedere i propri idoli. In un certo senso vogliamo andare in questa direzione. Poi c’è la Mercafir, che non vogliamo penalizzare ma valorizzare. Al momento che il progetto sarà considerato valido, ci metteremo a testa bassa a lavorare affinché questo progetto possa rispettare i termini previsti, e per consegnare quanto prima ai tifosi questo spettacolo. Altro aspetto è che, quando si parla di attività commerciali, si parla di ruolo fondamentale, parte integrante del progetto. Sarà lo strumento necessario per aggregare ed ottimizzare i vantaggio per una città così importante. Quando all’orizzonte vedremo questo meraviglioso arcobaleno, vi garantisco che il colore dominante sarà il viola”.

Ore 11.52: Parla Andrea Della Valle: “Ringrazio il Consiglio Comunale, la Giunta ed i cittadini. Abbiamo oggi un ‘parterre’ emozionante, è veramente un momento storico. Lo è per noi. Mi viene da dire: ‘Dove eravamo rimasti’? Nove anni fa presentammo un progetto, lo ricorderete. Abbiamo perso qualche anno, tante cose sono successe. Oggi presentiamo un progetto operativo, è importante farlo vedere a Firenze e a tutto il popolo viola. Abbiamo ancora dei piccoli problemi, piccole cose da superare. Ci vorrà qualche anno. Vorrei ringraziare il Sindaco, è un simbolo presentare questo progetto qui. Questo dovrebbe essere il primo vero passo per Firenze, e per l’Italia. Anche a Roma stanno facendo il loro progetto, noi siamo sicuramente più avanti. Mi auguro possa essere un bell’esempio, mi piacerebbe chiamarlo ‘Rinascimento viola’. Oggi vedrete tre plastici, per spiegare al popolo viola cosa vuol dire il nostro progetto. Sapete i sacrifici fatti in questi anni, conoscete il mio attaccamento morboso con Firenze. Oggi mettiamo il famoso primo mattone. È una grande opportunità per la città, per noi, per un cambiamento radicale di come si ragiona spesso nel calcio italiano. Abbiamo girato spesso all’estero in questi anni, con stadi nuovi e perfetti, fantastici. In Italia siamo indietro, cercheremo di recuperare in questi anni. Ci metteremo molto cuore, anche lei sindaco ha avuto un’ottima opportunità e ha ricambiato con la disponibilità, quando ha capito che la famiglia Della Valle era disposta a questo, si parla di centinaia di milioni di euro. Vogliamo lasciare qualcosa a questa città, che merita un progetto così importante, che possa diventare storia. Questi investimenti saranno accompagnati da partner finanziari, ancora non c’è niente di concreto. Stiamo cercando partner finanziari ed industriali per questo grande progetto, per una grande città, tra le più belle del mondo”.

Ore 11.31: Arrivato anche il Ministro per lo Sport Luca Lotti.

Ore 11.23: Già all’interno di Palazzo Vecchio Andrea Della Valle.

Ore 11.14: Arrivano a Palazzo Vecchio i dirigenti viola.

249
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
enriquez
Ospite
enriquez

per me lo fanno prima di 4 anni. In fin dei conti, se riflettete bene, c’è poco da fare.

matteo praga
Ospite
matteo praga

Bello bisogna fargli i complimenti stavolta alla proprietà che, come minimo, ha speso dei bei soldi per commissionare un plastico e un video, più la documentazione depositata in comune, diciamo 500.000 euro? forse 1 milione? (vabbeh tanto basta aggiungerli al buco di bilancio da ripianare in estate con la vendita di Kalinic) comunque si a vederlo cosi sembra bello. Detto questo a occhio, per non saper ne leggere ne scrivere, per costruire qualcosa serve sapere: 1. Hai lo spazio? 2. Hai i soldi? 3. Sai come riempire quello che costruisci? 4. Sai quanto ti rende per capire se ci stai… Leggi altro »

Roberto M
Ospite
Roberto M

Dal tuo post si evince che siamo davanti a un esperto in:
1. Amministrazione societaria
2. Amministrazione pubblica
3. Investimenti
4. Architettura e ingegneria
5. Valutazione di impatto ambientale
6. Appalti pubblici
7. Pubblicità e promozione
8. Psicologia
9. Gestione dei soldi altrui
Con tutto questo po’ po’ di competenze, mi spieghi che diamine ci fai a Praga e perché ieri non ti hanno invitato alla conferenza stampa?

claudio.df70
Ospite
claudio.df70

dairagazzi una petizione per intitolare lo stadio a Giancarlo Antognoni.
1) se lo merita
2) perché aspettare che muoia povero cristo
3) saremmo l’unico stadio ad essere intitolato ad una persona vivente

Roberto M
Ospite
Roberto M

“La legge n. 1188/1927 che regola la materia prevede che l’intitolazione di nuove strade e piazze pubbliche, la variazione del nome di quelle già esistenti, nonchè l’approvazione di targhe e monumenti commemorativi a persone decedute da oltre dieci anni, può avvenire soltanto previa autorizzazione del Prefetto. Per le intitolazioni, invece, a persone decedute da meno di dieci anni che si siano distinte per particolari benemerenze, è consentita, a norma dell’articolo 4 della predetta legge, la deroga da parte del Ministero dell’Interno al divieto posto dagli artt. 2 e 3 della medesima legge. Con circolare n. 18 del 29 settembre 1992,… Leggi altro »

Gian
Ospite
Gian

La copertura esterna dotata di pannelli fotovoltaici e l’ illuminazione a LED, come é stato detto, é stata ripresa a modello dall’ Allianz Arena.
.
Ecco alcuni esempi di come rende L’ Allianz Arena
con l’ effetto di luce viola in notturna
.
_____________ ALLIANZ ARENA VIOLA ______________
https://www.google.it/search?
q=Allianz+Arena+Lila&rlz=1C2AOHY_itIT708IT708&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwik54by8szSAhWBRhQKHfzVAKQQ_AUIBigB&biw=1015&bih=625#tbm=isch&q=Allianz+Arena+purple+lights&*&imgrc=0R0_b7AUwE6fKM:
___________________________________________________

qui il video al minuto 2:15
https://www.youtube.com/watch?v=61-jZ2Bg1V8
___________________________________________________

ALLIANZ ARENA che passa dal VIOLA ai colori di Firenze
BIANCO e ROSSO, da brividi !
___________________________________________________

https://www.google.it/search?q=Allianz+Arena+Lila&rlz=1C2AOHY_itIT708IT708&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwik54by8szSAhWBRhQKHfzVAKQQ_AUIBigB&biw=1015&bih=625#tbm=isch&q=Allianz+Arena+purple+lights&*&imgdii=3PbZmOW4JOfFMM:&imgrc=0R0_b7AUwE6fKM:
___________________________________________________
Qui il video con il cambio colore dal viola al bianco, al rosso,
e viceversa. Un sogno !
https://www.youtube.com/watch?v=4H25u5IVl-Y
___________________________________________________

Qui alcune foto
___________________________________________________
comment image&imgrefurl=http%3A%2F%2Fwww.transfermarkt.de%2Fallianz-arena%2Fthread%2Fforum%2F10%2Fthread_id%2F1717963%2Fpage%2F173&docid=rH-2AnBgMF1bQM&tbnid=56U5_yZSEero4M%3A&vet=1&w=1069&h=1073&bih=625&biw=1015&q=Allianz%20Arena%20Lila&ved=0ahUKEwjFxu7z8szSAhUFOxQKHVKsBAQQMwh1KE8wTw&iact=mrc&uact=8#h=1073&imgrc=56U5_yZSEero4M:&vet=1&w=1069
___________________________________________________

comment image
___________________________________________________

El Campero
Ospite
El Campero

E la tramvia? perché non è stata rappresentata nel progetto? E i parcheggi a servizio degli ‘esistenti impianti sportivi che fine faranno? E la bella Villa Pozzolini, ombreggiata da un hotel di quindici piani? Vabbé, lo stadio è molto bello, ma sul contorno hanno riflettuto poco, mi sa…

StadioNuovo
Ospite
StadioNuovo

Concordo su nome proposto da altri. “Il Magnifico”.

Acquario43
Tifoso
Member
acquario43

Mettiamo una lapide ricordo per pappardella, il sindaco che ha parlato, parlato e riparlato della costruzione di un nuovo Stadio!

Acquario43
Tifoso
Member
acquario43

Ho settantaquattro anni! Visto il luogo, gli spostamenti e le opere da finanziare e costruire, son quasi certo di non vederlo, campassi cent’anni!

Acquario43
Tifoso
Member
acquario43

Se le chiacchiere facessero farina a Firenze potrebbero far cessare la produzione di grano!

claudio.df70
Ospite
claudio.df70

IO lo chiamerei Giancarlo Antognoni! Sarebbe l’unico ad avere uno stadio intitolato in vita

Roberto M
Ospite
Roberto M

Da novant’anni esiste una legge che lo impedisce. Devi essere morto da almeno dieci anni, salvo casi eccezionali (ma eccezionali sul serio). Altrimenti sai che carte false avrebbe fatto il Cavaliere per ribattezzare il Meazza?

Articolo precedenteADV: “Ci vorrà qualche anno, ma con oggi si parte. Vogliamo lasciare qualcosa a Firenze”
Articolo successivoAncora ADV: “Cercheremo sempre di far sognare i tifosi con i nostri sacrifici”
CONDIVIDI