Primavera, i progetti della Fiorentina: ecco quello che sarà della cantera viola

0



E’ il giorno della prima squadra, che partirà stamattina per Moena. Fra i 33 convocati di Montella, ci sono anche tre conoscenze del settore giovanile viola: Luca Lezzerini, Leonardo Capezzi e Jacopo Petriccione. La convocazione di tre classe ’95, fra i più presente della trascorsa stagione, ci dà lo spunto per fare un’analisi del futuro immediato di tanti giovani talenti viola. A partire proprio dai tre convocati con i grandi.
Partendo dalla porta, il futuro di Luca Lezzerini è tutto da scoprire: intanto, starà con Montella e gli altri tre portieri in ritiro, perché come da consuetidine, ormai, la Fiorentina vuole lavorare con quattro portieri nella preparazione estiva. Poi, si prenderà una decisione: il ragazzo andrà quasi certamente in prestito. Molte le richieste giunte dalla Lega Pro (oltre ad una chiamata da Arezzo e Fortis Juventus in Serie D, coi granata che speravano nel ripescaggio fra i professionisti per giocare al meglio le proprie carte), dove Lezzerini potrebbe andare a fare preziosa esperienza come già il suo ex compagno Bacci ha fatto in questa stagione al Tuttocuoio. L’alternativa? Non un ruolo in prima squadra (reparto coperto da Neto, Tatarusanu e Lupatelli), anche perché a 19 anni si ha soprattutto bisogno di giocare per crescere, piuttosto una permanenza nel settore giovanile, a far da chiocchia come fuoriquota in Primavera (un ruolo già toccato ad Empereur lo scorso anno). O Lezzerini, o Petriccione: da quel che ci risulta, anche il talentuoso centrocampista ex Siena potrebbe essere scelto come fuoriquota nella Primavera che verrà. Altrimenti, anche per lui, sarà prestito in Lega Pro. Discorso diverso per Capezzi: l’ex capitano della Primavera ha già esordito con la prima squadra ed è sicuramente la promessa in vetrina di questa Fiorentina. Montella lo valuterà approfonditamente, ma per il bene del ragazzo si proponderà per accettare le tantissime richieste di prestito arrivate in viale Fanti: su tutte, Pistoiese e Perugia. Gli altri classe ’95, che non andranno in ritiro, si disperderanno per mezza Italia in prestito: alcuni seguiranno Leonardo Semplici, che se dovesse sedersi sulla panchina del Tuttocuoio, porterebbe con sé quasi sicuramente il classe ’94 Alan Empereur. Per Fazzi, il futuro è fra Pescara, Entella e Pisa: queste, al momento, le tre società più forti sull’esterno alto viola, con i toscani un passo avanti a tutti gli altri. Anche su Venuti c’è il Pisa di Pino Vitale, ma sul terzino destro hanno emsso gli occhi anche Perugia, Crotone e Pistoiese. Tanti apprezzamenti che sottolineano quanti di buono fatto dalla Fiorentina a livello giovanile, con la speranza di ritrovarsi il prossimo anno, in ritiro, con nuovi Bernardeschi e Piccini, o con piccoli tesoretti come Babacar.
Infine, chiosa finale sull’allenatore del prossimo anno: potrebbe essere Federico Guidi a salire dagli Allievi per guidare la Primavera, un allenatore giovane e preparato che bene ha fatto nei suoi trascorsi nelle altre categorie giovanili e che potrebbe sostituire Semplici in un filo rosso ideale che la Fiorentina vorrebbe prolungare in stile Barcellona. Dagli Esordienti alla Primavera, una scala per gli allenatori che via via possono crescere e salire di categoria. In pieno stile cantera.

Autore: Guido Barucco (@guidobarucco) – Redazione Fiorentina.it