Primavera, Roma alle finali col rischio. La Fiorentina attende il sorteggio di domani

1



A dieci minuti dalla fine di Roma-Genoa, secondo e decisivo turno dei playoff, i campioni d’Italia erano fuori dalla Final Eight. Il Genoa era in vantaggio al Tre Fontane con un gol segnato nei primi minuti del match da uno spagnolo, Raul Asencio, sotto gli occhi di un altro spagnolo, il d.s. giallorosso Monchi, che oggi pomeriggio assisterà all’altro Roma-Genoa del weekend: alla fine, però, la rimonta (2-1) dei ragazzi di Alberto De Rossi regala ai giallorossi la possibilità di difendere lo scudetto nelle finali al via domenica 4 in Emilia, tra Sassuolo, Carpi e Reggio Emilia, quest’ultima sede della finale e dove la Roma, un anno fa, sconfisse la Juve ai rigori e vinse il tricolore. Pareggia Soleri, con una conclusione centrale (deviata), ma il gol che vale la qualificazione lo segna un difensore, Eros De Santis, con un colpo di testa che non dà scampo al portiere Rollandi.

Oggi alle 14 a Bogliasco (diretta Sportitalia) la Sampdoria ospita il Toro guidato da un altro romano, ed ex Roma, Federico Coppitelli. Alla Final Eight, al via domenica 4 giugno, sono già qualificate Atalanta, Chievo, Fiorentina, Inter, Juventus, Lazio e, da ieri, la Roma. Sorteggio dei quarti domani a mezzogiorno a Bologna: Lazio, Juve, Inter e Atalanta le teste di serie che non potranno incontrarsi nei quarti, né saranno possibili accoppiamenti tra squadre provenienti dallo stesso girone eliminatorio. Così scrive La Gazzetta dello Sport.