Primavera, Sottil trascina la Viola: nuova chance Scudetto. Il tricolore manca da 35 anni

6



FIORENTINA PRIMAVERA-TORINO 31-05-2018. ESULTANZA DI DIAKHATE. SILPRESS/GALASSI SILVANO

Stesso stadio, nuova occasione per aggiornare la storia. Un anno dopo la Fiorentina torna a giocare la finale per lo scudetto Primavera, scrive La Gazzetta dello Sport. L’appuntamento è fissato: sabato, ore 20.45 al Mapei Stadium di Reggio Emilia, che alla giovane Viola evoca ricordi dolceamari. Dodici mesi fa eliminò la Juventus ai rigori in semifinale prima di cadere nel match per il titolo contro l’Inter. Ieri a Sassuolo Sottil ha ripreso per mano la Fiorentina, trascinandola verso quella che potrebbe essere una rivincita tricolore, ammesso che oggi l’Inter incerottata (mancheranno Pinamonti, Odgaard, Brignoli e Danso) superi la Juventus, in gran forma in questa post season.

Non ha segnato Sottil, ma è stato l’incubo dell’Atalanta, con l’assist per Gori e i continui strappi in fascia. Vuole riportare a Firenze lo scudetto Primavera che manca da 35 anni. Il 2-0 della Fiorentina sull’Atalanta è sorprendente fino a un certo punto: Bigica ha stravinto la sfida delle panchine, presentandosi con una difesa attenta, un centrocampo che ha girato a perfezione sotto la regia di Diakhate (autore del 2-0) e sfruttando la verve di Sottil e il fiuto del gol di Gori, arrivato al 24° gol stagionale, Viareggio Cup inclusa.

La coppia d’oro della Viola ha lasciato il segno al 17’, quando Sottil è scappato sulla sinistra e regalato a Gori il tap-in che ha fatto saltare i piani della Dea. Bigica ha vinto anche nelle scelte a gara in corsa, pescando dalla panchina Meli, protagonista nel raddoppio: suo il destro in diagonale spinto in rete da due passi da Diakhate. Ora la Fiorentina deve trovare la chiave per invertire la rotta dopo le due sconfitte in finale in 12 mesi, sempre contro l’Inter: prima per lo scudetto 2017, poi al Viareggio 2018. L’appuntamento è fissato: vietato sbagliare.

6
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Aristarco Scannabue
Ospite
Aristarco Scannabue

Ma basta con questa storia, chi trascina la Primavera è Gori non Sottil.

Prospero
Ospite
Prospero

sarebbe bello essere in tanti a Reggio ,trasferta vicina ,sabato sera e bel tempo.

Pippo
Ospite
Pippo

Peccato che con maganjic si giochi in 10!!!!incomprensibile come continui imperterrito a giocare con Caso in panchina!!!

Aristarco Scannabue
Ospite
Aristarco Scannabue

Tranquillo Pippo, per la finale è squalificato.

Ziociccio
Tifoso
ziociccio

mi pare che per la finale sarà squalificato…..

drummer
Ospite
drummer

Speriamo non si sentano già appagati!

Articolo precedenteLetica per la porta: conferme in Croazia. La prima scelta resta Meret
Articolo successivoSpalletti chiede Chiesa a Suning. Offensiva della Juve: 50 milioni più Mandragora e Pjaca
CONDIVIDI