Provaci ancora Drago. Caccia al secondo clean sheet di fila, contro la squadra con la quale fece il record storico di parate

4



Dopo aver tenuto la porta inviolata contro la Juve per la prima volta in carriera, Dragowski cerca il bis contro chi fece il record storico di parate

OBIETTIVO BIS Così così contro il Napoli, il migliore in campo a Marassi, inoperoso o quasi contro la Juventus. L’inizio di stagione di Bartłomiej Dragowski è più o meno riassumibile così. In numeri 7 gol incassati, e un solo clean sheet, quello messo a referto proprio contro Juventus sabato scorso. Caccia, dunque, al secondo per il portiere polacco che sa benissimo che qualcosa, se non molto, di un risultato positivo a Parma contro l’Atalanta passerà anche dalle sue parate.

INCUBO PER GASPERINI Se lo ricorda benissimo Gasperini il buon Drago, che l’anno scorso mise a rischio la qualificazione in Champions della Dea con una prova da record contro i nerazzurri quando vestiva la maglia dell’Empoli e a Bergamo mise a referto ben 17 parate, dato record mai registrato negli ultimi 15 anni di Serie A. Una serata da incubo misto ad esaltazione per Dragowski, che a quella prestazione ne mise in fila un’altra serie importante, tra cui anche il volo su Vlahovic al Castellani in Empoli-Fiorentina, che hanno poi convinto la Fiorentina stessa a fare del polacco il numero uno della porta viola per questa stagione.

DOPO LA SCALATA SERVONO CONFERME Aver scalzato Lafont nelle gerarchie non era certo cosa scontata, così come il no a Viviano che a Firenze sarebbe tornato di corsa. Il tutto unito ad altri no arrivati da Pradé a offerte milionarie arrivate dalla Premier League, e con tanto di rinnovo contrattuale con conseguente aumento dell’ingaggio. E adesso, Dragowski, prova a ripetersi. Già una volta ha rappresentato per Gasperini un vero e proprio incubo. E l’obiettivo è ripetersi. Magari mantenendo la porta inviolata come fatto anche contro la Juve sabato scorso, primo vero clean sheet storico da quando è l’estremo difensore della Fiorentina dal suo arrivo, visto che solo da subentrante era riuscito a terminare una partita senza raccogliere palloni in fondo al sacco.

4
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
paolorV
Ospite
paolorV

Ho molti dubbi su Dragowsky, ma la sua miglior partita è stata quella contro la Juve, Non è stato inoperoso, l’uscita sul retropassaggio di Ceccherini era più facile sbagliarla che azzeccarla, ha dimostrato molta attenzione e reattività. E pure la parata che ha fatto seguito alla ribattuta di una sua uscita di pugno, non era facile.

fagiano
Ospite
fagiano

Scrivere in Italiano, la lingua piu bella del mondo, no? perchè americanizzarci per forza? a me me lo baciano!

Gigi
Ospite
Gigi

Ancora con il lenzuolo pulito ??????
Oppure il foglio pulito ????????
Scrivete in italiano onde evitare figure cacine
Consiglio amichevole

Teodorico
Ospite
Teodorico

Il problema è che litigano anche con l’italiano 😀

Articolo precedenteCentro sportivo: allenamento sotto gli occhi di Daniele Pradè e Commisso Jr
Articolo successivoTecnici professionisti di seconda categoria: tra i promossi Marchionni, Gamberini e Donadel
CONDIVIDI