Pruzzo: “Bene la vittoria di ieri, zona Europa League obiettivo massimo”

4



Roberto Pruzzo

Roberto Pruzzo, ex attaccante presente alla Fiera del Libro alla Fortezza da Basso, ha parlato a Lady Radio della vittoria della Fiorentina con il Borussia: “Di ieri sera la Fiorentina prende di buono la vittoria, con la consapevolezza che a Firenze servirà attenzione perché il Borussia può metterti in difficoltà. In campionato la squadra è indietro, davanti corrono forte. Credo che con un po’ di continuità l’obiettivo Europa League sia il massimo perseguibile. Chiesa? Ero rimasto al padre che era un grande attaccante. Lui ha caratteristiche diverse ma mi ha colpito la sua personalità. Kalinic? Mi piace molto, lavoro molto per la squadra ma forse dovrebbe fare più gol, per come intendo io il ruolo di attaccante”.

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
Viola 1951
Ospite
Member

Sorpresa gradita, non sapevo che Pruzzo fosse un genio.

Gigliocaldo
Ospite
Member

le solite banalità leziose di pruzzo, ha scoperto l’acqua calda recuperare 11-13 punti a roma o napoli è impensabile, magari recuperarne 3-4 a lazio e atalanta si, se una delle prime tre vince la coppa italia basterebbe arrivare sesti, confido negli scontri diretti, ma a proposito di kalinic non sono d’accordo quando viene servito decentemente le sue giocate le fa, non come col borussia sempre solo, lo vorrei vedere pruzzo se invece di gente come nela, falcao, maldera, ancelotti, conti, prohaska che gli facevano arrivare palloni su palloni anche dalle fasce avesse avuto olivera, tello, milic e tomovic quanti gol avrebbe fatto…

Murray Rothbard
Tifoso
Active Member

Caro Pruzzo, il tuo massimo dovrebbero essere i giardinetti o il circolino a guardare quelli che giocano a briscola perchè in coppia non ti vuole nessuno

alebg
Ospite
Member

Purtroppo ha ragione..

wpDiscuz
Articolo precedenteSerie A, al via la 25° giornata: stasera Juventus-Palermo
Articolo successivoBabacar: “Contro il Milan serviranno pressing, cattiveria e mentalità. Montella mi insegnò…”
CONDIVIDI