Punto, ed a capo. Ammettere gli errori è il primo passo da fare. Parlare di ‘modello Atalanta’ adesso non può far arrabbiare i dirigenti viola

103



Stagione finita a Bergamo, ieri sono partiti i processi un po’ per tutti. Serve mettere un punto e ricominciare da capo per l’ennesima volta. Ma la competizione sportiva deve essere messa al primo posto, pur salvaguardando le logiche del bilancio. C’è chi lo fa molto bene in Italia

Il giorno dopo è stato ancora più doloroso. La stagione della Fiorentina è terminata ad aprile, in una serata iniziata alla grande, ma ben presto resasi clamorosamente in salita. La squadra di Montella ci ha provato ad aver la meglio dell’Atalanta, ma è bastato davvero poco per mandarla al tappeto. Fragilissimi i ragazzi viola, tatticamente e mentalmente. La gente ha apprezzato l’impegno messo in campo, anche se ieri sono iniziati i (giusti) processi per una stagione che può definirsi fallimentare.

Già, perché se a fine aprile non hai più niente da chiedere alla stagione è segno che qualcosa non è andato per il verso giusto. La Fiorentina ha certificato la terza annata consecutiva avara di soddisfazioni. Fuori dall’Europa, adesso fuori anche da un sogno cullato per mesi. Come spesso accade, le colpe sono da dividere un po’ fra tutti. Dalla proprietà, alla società, passando per tecnici e giocatori. Nessuno pare esente da critiche, chi più chi meno.

Adesso c’è da mettere un punto, questo sembra evidente a tutti. Lo chiedono i tifosi, devono farlo necessariamente i fratelli Della Valle. Se Andrea è davvero il fratello di riferimento per quanto riguarda il mondo viola, lo faccia lui. Il segnale c’è già stato, chiaro: la scelta di riportare Montella in panchina è stata sua. I più attenti lo hanno visto come un tentativo di ricollocare la sua figura al centro del villaggio. Poco, però, per convincere la piazza che sia il modo giusto per ripartire. Gli scettici ci sono: l’Aeroplanino sarà tornato perché ha avuto delle garanzie tecniche da parte della proprietà o perché non aveva grosse alternative e doveva rilanciarsi? Domanda alla quale, adesso, è impossibile rispondere. Ma la risposta arriverà presto in sede di mercato estivo.

Dal punto, come detto, bisogna ripartire. Il primo passo è quello di ammettere gli errori per cercare di non replicarli. Il concetto dell’autofinanziamento può essere anche condivisibile in tempi di Fair Play Finanziario, ma c’è quel fastidioso esempio Atalanta che torna prepotente sempre davanti agli occhi. Monte ingaggi più basso (di circa 10 milioni di euro), ma risultati di gran lunga migliori. In Italia pare che ci sia ancora spazio per fare un buon calcio a costi relativamente bassi. Serve un’idea, servono persone innamorate del calcio, serve un allenatore che chiede ed un direttore sportivo che fa di tutto per accontentarlo. E se non arriva al primo della lista in un determinato ruolo, magari prende il secondo o il terzo. Cose semplici, logiche, perché nel calcio c’è poco da inventare. Ma dalle parti di viale Fanti sentir parlare di ‘modello Atalanta’ fa arrabbiare e non poco, fondamentalmente perché ‘noi siamo la Fiorentina’. E questo, oggi, sembra davvero poco condivisibile. Prendere spunto da chi lavora bene è solo sinonimo d’intelligenza.

Eppure, a Firenze, questa logica sembra essersi smarrita da tempo (la prima Fiorentina di Montella fu costruita così ed i risultati si sono visti…). Basti pensare a come è nata questa stagione, con Pioli disposto a tutto pur di trattenere un regista come Badelj e con Pantaleo Corvino che lo ha voluto convincere a giocare un calcio senza regista puro. Piccole (o grandi?) distonie che hanno fatto deragliare fin da subito una stagione che già da Moena si preannunciava complicata.

Nelle prossime settimane servirà ridare serenità all’ambiente. Servirà parlare alla città, magari cambiando anche qualche interprete per ripartire con una nuova idea di calcio. Ed a proposito di Pantaleo Corvino, nel mirino ci è finito chiaramente anche lui. Anzi, forse è quello più bersagliato dalle critiche. La Fiorentina, un paio di mesi fa, fece sapere chiaramente che il dg sarebbe rimasto in sella anche per la prossima stagione e fino a quando lui stesso avrebbe voluto, salvo poi affidargli soltanto il Settore Giovanile una volta persi gli stimoli per gestire la prima squadra. Non è da escludere che quel momento possa arrivare già la prossima estate. Nessuno si sente di mettere la mano sul fuoco su una sua permanenza come direttore generale. Sono giorni di riflessione per tutti, anche per lui, che di certo non può essere soddisfatto di come sono andate le cose in questa stagione a livello sportivo.

103
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
tomcat
Ospite
tomcat

Ma noi la qualificazione ce la siamo giocata nella partita di andata, giocata in maniera cervellotica da parte di piolo. Con Montella si vinceva a Firenze e ce la giocavamo anche a bergamo, ma di cosa si parla? Vincere a bergamo e’ difficile per tutte le squadre, e poi con 2 palle gol enormi tirate addosso al portiere e la papera di Lafont, ce la potevamo giocare, ma la skifezza e’ stata la partita di andata. Ci sono ancora vedovelle di piolo? io lo avrei cacciato a gennaio. Forza viola e forza Montella

Mr.Pool
Member
Mr.Pool

Togliti dai tre passi den den.
Colpa di pioli, ancora.ti ricordo che hai perso.
Ti consiglio più che un “forza viola” un “forza Dellavallese ,forza Diego Incassa per noi” ehm, incassa per te! Plusvalenza alé!
Cambia sport

axl
Ospite
axl

hai fallito su tutta la linea….guarda che ci sono
tanti sport

Parterre Firenze
Ospite
Parterre Firenze

Quindi, anche secondo il.tuo punto di vista è colpa dei dv.
Gira e rigira si casca sempre lì.
Forse chissà, succederà……

LaFleur
Tifoso
lafleur

No gente potete dire tutto quello che volete, ma la partita di andata ce l’ha fatta pareggiare 3-3 pioli con le sue boiate, ma ve lo devo ricordare io la nefandezza di Hugo a uomo su Ilicic fino a centrocampo lasciando praterie nella nostra difesa?? Ve lo devo ricordare io che dopo due anni di difesa a 4 ha voluto mettere la difesa a 3 quasi mai provata prima??? Io sono il primo che si è stancato dei DV, ma peggio hanno fatto pioli e Corvino, il primo perché non ha saputo allenare ed insegnare calcio, il secondo perché ditemi… Leggi altro »

tomcat
Ospite
tomcat

grazie per i pollici verso, quante vedove di piolo!!!! Avanti viola

Parterre Firenze
Ospite
Parterre Firenze

Mamma mia che gente in questa foto…..

Sugosa Plusvalenza
Ospite
Sugosa Plusvalenza

Ammettere gli errori? Ma se dopo averne prese quattro dall’hellas era colpa dell’humus (tifosi)…

diaz
Ospite
diaz

Ammettere gli errori. Per quanto mi riguarda l’errore principale è questo:
“se vuoi essere il presidente della Fiorentina devi fare il presidente della Fiorentina”.
Non l’avete fatto e noi ne paghiamo le conseguenze: DV go home!

Vitellozzo da Frittole
Ospite
Vitellozzo da Frittole

Che i giocatori dell’Atalanta sono costati meno, guadagnano meno e rondono più dei nostri è un dato di fatto, ma che corvino riconosca che i loro dirigenti sono più bravi non ci credo, uno più uno per corvino non fa mai due. Se è un uomo si dimette. Sempre comunque forza viola.

Dario78
Ospite
Dario78

Secondo me una gran parte della tifoseria ha una gran confusione in testa, colpa anche della società che non è mai stata brava nella comunicazione… assemblare la squadra più giovane d’Europa e far passare il messaggio che l’obbiettivo è l’Europa League non è corretto…. se il concetto è investire in giovanissimi calciatori per costruirci i campioncini in casa ( così disse corvino) non si può pensare che siano subito pronti per degli obbiettivi importanti, il messaggio dovrebbe essere compriamo calciatori giovanissimi di prospettiva per cercare di farli crescere il più possibile senza porci nessun OBBIETTIVO per il momento, dove arriviamo… Leggi altro »

Fantasma
Tifoso
Fantasma

“…l’ajax ci ha messo sette anni ad arrivare dove sono arrivati”…allora, l’ultimo scudo l’hanno vinto nel 2014 e nel 2016 hanno disputato la finale di Europa League…non dovete dar retta a tutte le cazzate che sentite dire in giro…

Mr.Pool
Member
Mr.Pool

Fantasma hai ragione,ma erano 24 anni che non giocavano una semifinale Champions, e 14 un quarto di finale, tieni conto, che sono la juve d’olanda con piu di 30 scudetti vinti,quindi praticamente la giocano ogni anno la Champions, in questi 24 anni, tolti gli ultimi 2/3 dove stanno raccogliendo i frutti, o non passava il girone o retrocedeva in Europa League o se passava il girone,usciva subito agli ottavi. Pur avendo un monte ingaggi simile al nostro,nel campionato olandese sono quelli che spendono di piu col psv. Quindi,non bisogna credere a tutto quello si sente dire, è vero, ma basta… Leggi altro »

le stagioni della marchigianina
Ospite
le stagioni della marchigianina

ooooh, siamo entrati nel magico periodo dell’anno in cui si parla di “ricominciare”, di “nuovo ciclo” e di “progetto”. quindi ora è il momento di salutare la mitica “ultima spiaggia” che ci ha fatto compagnia negli ultimi mesi: a presto, ci si ribecca il prossimo inverno!

nicola
Ospite
nicola

aria fritta per i buon lettori di fiorentina.it

Diego Della Sega
Ospite
Diego Della Sega

Prima il Modello Udinese, ora il modello Bergamo?
Beh, indovinate un po’?
A me girano i coglioni, Il modello Atalanta fa cagare.
Io vorrei il modello FIO-REN-TI-NA. Punto.
Qualcuno può accompagnare i Della Valle alla porta, per piaciere?

Gigi
Ospite
Gigi

Per rinascere
Una sola medicina
STADIO VUOTO

Alebg
Ospite
Alebg

Il primo passo invece sarebbe alzare il monte ingaggi di almeno 15 milioni di euro.

Stefano58
Ospite
Stefano58

Se serve per dare 2 milioni a giocatori come Pjaca lasciamo stare……….

Articolo precedenteLonghi: “Chiesa via solo su proposta indecente. Mercato viola attento alle plusvalenze”
Articolo successivoDe Zerbi: “Fiorentina vorrà rifarsi dell’eliminazione dalla Coppa Italia. Chiesa…”
CONDIVIDI