Quando un ciclo si crea solo sul risparmio…con le plusvalenze non si fanno buone fondamenta

334



Le prossime 24 ore saranno le ultime utili per riflettere su quello che è accaduto in questa sessione di calciomercato. Poi, da lunedì, parlerà il campo. La marcia di avvicinamento a Verona-Fiorentina inizierà dopo la domenica libera concessa da Pioli. E sarà al Bentegodi che la vera stagione della Fiorentina prenderà il via. La sosta per le nazionali consentirà al tecnico viola di assestare al meglio innesti, giovani, e acquisti last minute. E perché no anche qualcosa a livello tattico. Poi il campo darà le sue risposte. Perché non è per forza detto che i soldi vincano le partite o facciano conquistare traguardi. Certo, aiutano. Ma è sicuramente vero che quando un progetto, o meglio un nuovo ciclo, riparte solo e soltanto all’insegna della riduzione dei costi, ed una conferenza stampa post mercato si incentra quasi esclusivamente sullo spiegare dove l’attivo verrà destinato, le premesse non sono certo idilliache.

Ma che la Fiorentina fosse in autofinanziamento lo si era capito. Certo, il comunicato di disimpegno da parte dei fratelli Della Valle ci ha messo il carico. Qualità senza risparmio, o risparmio senza qualità? La domanda sorge spontanea. E la risposta sta nei fatti. E cioè nel come ogni singola operazione sia stata portata avanti all’insegna dell’abbattimento dei costi fissi, cioè del monte ingaggi. Non si va più a cercare un giocatore prima di tutto per qualità e doti, ma principalmente per costi. E non di cartellino, perché l’estate di mercato ha portato a Firenze il secondo acquisto più oneroso dell’era Della Valle dopo Cuadrado, ovvero Simeone. Ed altri colpi tutt’altro che low cost come Hugo e Benassi. In tre 36 milioni di euro cash sborsati dalla Fiorentina per i cartellini. Ma sugli ingaggi… su quelli i paletti sono ben più rigidi. Di fatto, con l’attivo del mercato, Corvino potrà pagarci tutto il monte ingaggi o quasi per la prossima stagione.

Politica gestionale agli antipodi rispetto a quella di chi lo ha preceduto. Ciclo, quello, dove gli ingaggi erano schizzati verso l’alto, per esborsi a livello di cartellino molto più ridotti. Prendere un calciatore di un club più importante, magari in prestito, pagando un copioso ingaggio, per esempio in stile Micah Richards, Aquilani o Pizarro, con ingaggi superiori al milione e mezzo di euro netto ma presi a 0 non è nelle corde del dg salentino. O meglio, non è più nella politica societaria. Meglio spendere 2 – 3 milioni cadauno per una manciata di giovani sperando che più di uno diventi un futuro prospetto importante. Magari da rivendere per farci il mercato e pagarci anche i costi gestionali.

E le fondamenta, quando si opera così, non possono essere certo considerate solide. Tanto che la Fiorentina che è nata, e che si presenta alla terza giornata con 0 punti in classifica, è ancora una grossa incognita. Ma tanto è. L’azienda Fiorentina opera così. Adesso, a Pioli, il compito di trasformare tale filosofia aziendale in una squadra di calcio.

334
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
philedone
Ospite
philedone

Articolo dal contenuto quanto meno discutibile e dal titolo assolutamente demenziale : in qualsiasi azienda di qualsiasi natura le migliori fondamenta sono costituite proprio da importanti ricavi, di cui , nel calcio, le plusvalenze costituiscono una voce imprescindibile (specie per squadre del livello della Fiorentina)

Insider
Ospite
Insider

Commento di una imbecillità totale. In campo non vanno le plusvalenze e noi non tifiamo Tod’s. Se DDV vuole arricchirsi a dismisura si dedichi a mille altre imprese ma lasci stare il calcio, notoriamente un’attività sportiva e non finanziaria per speculatori senza scrupoli. Che ci siano poi presunti tifosi viola che tifano per il bilancio della premiata ditta braccini & braccialetti mi sembra veramente inconcepibile

Mario
Ospite
Mario

Povero insider, se Cecchi gori aveva un bilancio così! Nn fallivi! Ma ha voi nn interessa, nn siete tifosi, siete gobbi travestiti! E uccellacci neri! Pensa alla tua Juve! Gobbaccio!

deno
Ospite
deno

…ma vanno via o no???…se veramente vanno via non è possibile parlare di cicli e progetti…ci potrebbero dire a che punto è la vendita alla luce di questo calcio mercato???

forzaviola
Ospite
forzaviola

W corvino….W la Fiorentina!

oh nacchero...
Ospite
oh nacchero...

oh bravo maranza , difendilo

Insider
Ospite
Insider

W la tu sorella!

LEMAC
Ospite
LEMAC

Corvino e ci metto pure Freitas, il quale dovrebbe andare a vendere frittelle piuttosto che fare calciomercato, ha svolto solo un compito bene ed era quello di smantellare la squadra. Point. Tra l’altro gli è capitato pure di vendere Vecino quindi l’introito è stato di gran lunga maggiore. Ma quanto fare il compratore lascia molto a desiderare, anzi moltissimo. Ha preso solo qua e là quanto gli scaltri procuratori gli hanno proposto senza una precisa strategia di squadra e forse senza nemmeno consultare Pioli. Cioè nn pensando a quello che serve veramente. Se così fosse stato nn avrebbe atteso che… Leggi altro »

LaFleur
Tifoso
LaFleur

Comunque a riprova del fatto che ci troviamo di fronte ad un progetto ECONOMICO e non VINCENTE è dato dal fatto che al corvo il contratto è stato rinnovato ( fino al 2020!!!) prima ancora di vedere i risultati sportivi del campo…….ed io aggiungo OVVIAMENTE!!…..

Ha ragione un utente qui sotto che tesse le lodi a Petrachi del Torino, quello vuol dire saper fare il DS….

La fortuna di Corvino si chiama Bojinov……..

Stefano
Ospite
Stefano

Ecco,immaginati te che fenomeno deve essere Petrachi se sono anni che scrivete che la società Viola costruisce squadre di merxa e rose ridicole e che questo invece è un gran Ds che,aiutato dal grande Cairo,costruisce fior di squadroni e nonostante ciò continuano ad arrivarci sempre dietro. Se anche con questo smantellamento e con l’arrivo di una marea di ragazzi nati dal 1994 al 2000 e con un allenatore nuovo,il Torino non riuscisse ad arrivarci davanti di almeno dieci punti (come minimo),poi voglio leggere i tuoi commenti sul grande Petrachi.

steveo
Ospite
steveo

Capisco che Gnigni, la Gazza Ladra analfabeta, il latifondista marchigiano e il fratellino impedito fanno i loro interessi, ma ci hanno raccontato un mare di bugie e sono diventati indifendibili

Minatore
Ospite
Minatore

steveo, se non stavi nascosto dietro un nik, avresti usato le stesse espressioni, diciamo alquanto pittoresche, per queste persone?

Alessandro_Toscana
Tifoso
Alessandro_Toscana

Se queste sono persone, io sono un alieno…..povero minatore, appecoronato ai ricchi epotenti, sei squallido!

steveo
Ospite
steveo

Te ti chiami Minatore? Minatore Minatore?

Minatore
Ospite
Minatore

No, ma non offendo nessuno. Esprimo la mia opinione, più o meno valida come la tua e quelle di tutti, senza offendere. Tutto qua.

steveo
Ospite
steveo

Va bene, ti si farà una statua, “Il Minatore anonimo. Colui la cui cacca non puzza”. Poi si mette al Piazzale Michelangelo.

Il Duca
Ospite
Il Duca

tutto molto opinabile, se permetti: solo il tempo darà ragione o meno.

Francesco
Ospite
Francesco

Posso dire una cosa? Mi sono rotto le “edizioni straordinarie” di sentire apostrofare i giornalisti…. giornalai.
Ho fatto il giornalaio per 11 anni e posso assicuravi che è un mestiere non facile, quindi per favore evitate questo accostamento

matteo praga
Ospite
matteo praga

Piu che comprensibile

Francoviola
Tifoso
francoviola

Sicuramente sono duro di comprendonio, ma non capisco perchè queste scelte non potrebbero essere la base per un dignitoso futuro. Giovani di belle speranze uniti a meno giovani di discreta esperienza sono un buon mix e i conti in ordine in Societa danno serenità a chi la deve dirigere. Piuttosto, si dovrà trovare il giusto schieramento che mi auguro non si basi su un centrocampo a due soli interpreti. Un po’ di fiducia non guasterebbe. Ricordo che i “campioni” che se ne sono andati sono arrivati ottavi, ergo… E poi non vi ricordate da dove arrivavano gli sconosciuti Valero e… Leggi altro »

Luigi M
Ospite
Luigi M

Controlla i numeri. La squadra dello scorso anno ha segnato 63 reti in pratica quante l’Atalanta che è arrivata quarta. Il reparto che è andato male è la difesa che ha preso 16 reti più della stessa Atalanta.
I numeri hanno sempre ragione.

ale-san-frediano
Ospite
ale-san-frediano

Dipende da cosa intendi per dignitoso futuro. Il campionato atroce dell’anno scorso e l’ultimo posto di quest’anno sono eloquenti. Campionato passato peraltro frutto di una politica di mercato differente da quella di quest’anno, ma ugualmente scellerata: l’anno scorso non si vendeva nessuno. Quest’anno s’è venduto tutto, o quasi e ricomprato la stessa vagonata di scommesse, oggetti misteriosi, giovani sconosciuti, ex fenomeni sul viale del tramonto e varia gente assolutamente inadatta al campionato Italiano. Se poi ci aggiungi una proprietà barricata dietro una cortina di ostile indifferenza e una dirigenza che candidamente ammette politiche di mercato strampalate come quelle di cui… Leggi altro »

Robert Parish
Ospite
Robert Parish

Ripeto a tutti coloro che portano come esempio o paragone di acquisti da squadre retrocesse Valero e Gonzalo, che questi giocavano in una squadra retrocessa per problemi societari e che 1 o 2 anni prima con quella squadra avevano fatto la CL

Rep
Ospite
Rep

Corvino… impara dal giovane DS del Torino Petrachi, come si costruisce una squadra con pochi soldi, anzi guadagnandoci… lui con 2,5 milioni fissi, ha acquistato 4 ottimi difensori: Glick, Maksimovic, Bruno Peres e Darmian, rivenduti a cifre astronomiche a Napoli, Roma, Monaco e Man. Utd…E poi leggetevi il resto, l’ articolo di oggi su Calciomercato.com: Torino miniera d’oro: 150 milioni già pronti, mosse perfette dopo Darmian 03 settembre 2017 alle 18:30 di Fabrizio Romano Chiamatelo capolavoro. L’operazione perfetta, perché nel calcio bisogna saper vendere e reinvestire, riuscire in entrambe le cose è mestiere per pochi. Chiedere per credere a Gianluca… Leggi altro »

Francesco Londra
Ospite
Francesco Londra

Bravo..Corvino avrebbe preso l’equivalente di Olivera,Toledo e Crostoforo..

Stefano
Ospite
Stefano

Corvino avrebbe preso anche dei pipponi,fatto sta che questo fenomeno di DS,col suo compare Cairo,non sono riusciti ad arrivarci davanti neppure nello scorso,scadente,ridicolo campionato,giocato con quelli che voi definivate una massa di bidoni. Vediamo quest’anno. Se non ci arrivano davanti neppure quest’anno,mi sa che Petrachi è un pochino più scarso di Corvino. Te che dici?

Andrea
Ospite
Andrea

…..mi dici quante volgendo negli ultimi 15 ann Il Torino è arrivato davanti alla Fiorentina? Di cosa parli??

bidonez
Ospite
bidonez

toro sempre dietro…

Minatore
Ospite
Minatore

Le cessioni nostre di Bernardeschi ecc., si chiamano plusvalenze, quelle del Torino si chiamano affari, misteri… La bravura del DS Petrachi ha fatto si che il Torino arriva regolarmente dietro la ns. squinternata squadra. Ma il Torino vende bene, non fa plusvalenze. Altro mistero.

Articolo precedenteNazionale, Spinazzola infortunato. Ventura al suo posto convoca Zappacosta
Articolo successivoVerona, domani la ripresa a porte chiuse. Pecchia vuole inserire i nuovi
CONDIVIDI