Quattro giorni per l’Europa. Rimpianti e consapevolezze: la Fiorentina c’è

9



Poteva essere un turno favorevole per la corsa europea. Le distanze su Milan e Atalanta, invece, restano inalterate per la Fiorentina, con un punto comunque guadagnato sulla Sampdoria. Un’occasione sprecata, probabilmente, contro la Spal, anche se i viola non hanno mai rinunciato a cercare la vittoria, provando e sfiorando fino alla fine il gol. Venti tiri verso lo specchio, 7 in porta più le occasioni ‘ciccate’ da Simeone che non rientrano nelle statistiche di fine gara.

Insomma, rimpianti sì ma nessun ridimensionamento. Il gruppo c’è, sta tenendo botta anche mentalmente. La squadra ha trovato una sua idea di gioco, attacca e subisce poco (appena 2 gol incassati nelle ultime 8 gare). Qualche problema di precisione è tornato evidente, anche se non bisogna dimenticarsi che una settimana prima la Fiorentina aveva vinto a Roma segnando due gol sui tre tiri totali. Cinismo dà, cinismo toglie. Niente sfortuna, piuttosto maggiore o minore capacità di finalizzazione. Nel campionato italiano, del resto, contro squadre di bassa classifica è facile restare a secco. La stessa Spal aveva fermato ultimamente anche Juve e Atalanta, Milan e Napoli nelle ultime settimane hanno perso punti con il Sassuolo, la Samp contro Chievo e Crotone.

La Fiorentina stessa ha perso 15 punti contro squadre di bassa classifica. Non pochi, senz’altro. Nonostante tutto, comunque, ad oggi sarebbe Europa per i viola. Grazie ad un gruppo che ha finalmente trovato la sua anima, il filo comune, consapevolezze tecnico-tattiche e di spirito. E che anche dopo lo 0-0 con la Spal ha ricevuto gli applausi dei suoi tifosi. “Per Firenze, per Davide, per la storia. Forza ragazzi”, recitava uno striscione in Fiesole. Al di là delle vittorie consecutive e del record del 1960 che non sarà eguagliato, questo gruppo è comunque già nella storia. Firenze è unita intorno alla squadra, la famiglia Della Valle è sempre più vicina al gruppo e lo stesso Andrea è tornato allo stadio.

Segnali importanti che proiettano la Fiorentina verso l’ultimo mese e mezzo di campionato. Il primo crocevia è in questa settimana: quattro giorni per l’Europa, tra Lazio e Sassuolo. Difficoltà e insidie diverse, ma entrambi ostacoli duri da superare. Che senz’altro rappresenteranno esami importanti per capire il ruolo dei viola nella corsa europea. Da una pretendente alla Champions ad una in lotta per la salvezza: dal Franchi a Reggio Emilia, nel giro di 96 ore.

Ci sarà bisogno di tutti per raccogliere il massimo in quattro giorni di fuoco. Della forza del gruppo e dei singoli, dei titolari e delle seconde linee (domenica Falcinelli, Eysseric e Gil Dias hanno dato ossigeno all’attacco viola, ma anche sprecato moltissimo). Della spinta di Firenze, e dell’orgoglio di rappresentare il viola lontano da casa. Giusto andare partita dopo partita, non guardare troppo il calendario e non dare niente per scontato (la vittoria a Roma e il pari interno con la Spal sono i migliori esempi di questi concetti). L’Europa, però, è un obiettivo dal quale la Fiorentina non può nascondersi.

Partire in pole position nel rush finale, o ritrovarsi a rincorrere: molto si deciderà in questa settimana. Il Milan andrà a Torino e poi riceverà il Benevento, l’Atalanta andrà a Benevento e poi riceverà il Torino, la Samp ospiterà il Bologna e poi sfiderà all’Olimpico la Lazio. Avversari che si intrecciano in questa settimana clou in chiave europea. Si entra nel vivo. E la Fiorentina c’è.

Commenta la notizia

9 Commenti on "Quattro giorni per l’Europa. Rimpianti e consapevolezze: la Fiorentina c’è"

avatar
ultimi più vecchi più votati
Aliush
Ospite
Member

Sicuramente devo rivalutare la stagione a 6 giornate dalla fine.
Anche se ciò è dovuto alla carica improvvisa della squadra per la tragedia di Davide in primis e al fatto che molte squadre che credevo meglio sono scionfate all’improvviso (Sampdoria, Atalanta, Torino e Udinese che se va avanti così batte il record di sconfitte del Benevento).
Però dai, anche se si dovesse andare in Europa? Ce lila vedete i braccini organizzarsi per preparare una squadra degna delle coppe? Col doppio preliminare a fine luglio e i Mondiali di mezzo?

Domenico, Roma
Ospite
Member

In un post precedente ho inserito la biografia di Cheik Diabate, il colosso maliano centravanti del Benevento autore finora di 3 doppiette consecutive in campionato. Ma soprattutto un uomo che ha dovuto affrontare nella vita dolori e sofferenze inenarrabili. Ecco, vorrei persone così nella mia squadra, non fighetti da playstation e ragazzini viziati schiavi dei procuratori. Gente che sa soffrire, lottare e combattere.

Torino_Viola
Ospite
Member

S’é fatto 0-0, non 1-1.
Peccato per il pareggio, ma la squadra ha una grinta che non di vedeva da anni. Con un poco di mira in più si vinceva. Sempre Forza Viola.

CLAUDIO1
Ospite
Member

L’ERRORE DI PIOLI E’ NON CAPIRE CHE PUO’ CONTARE POCO SU TEREAU E ESSERYC, MA PUO’ CONTARE POCHISSIMO SU FALCINELLI, E PUO’ CONTARE ZERO SU GIL DIAS…. GIL DIAS E’ UN GIOCATORE MONTATO DI TESTA, COMPLETAMENTE FUORI DAGLI STANDARD DI QUESTA FIORENTINA,… CREDE DIU ESSERE RONALDO IN REALTA’ NON E’ NEANCHE I TACCHETI DI RONALDO…. SPRECONE, ECCENTRICO, SUPERFLUO, IN UNA PAROLA INUTILE. MEGLIO TENERE IN CAMPO UNO CHIESA SEMIDISTRUTTO CHE UN GIL DIAS FRESCO…. NON LO DICO IO, LO DICONO I NUMERI.. HA GIOCATO 16 PARTITE, NON HA INCISO IN UNA SOLA PARTITA. ZERO

Game Over
Tifoso
Member
In Europa se fai una squadra da Europa sennò meglio non fare preliminari di niente e prepararsi per fare un campionato dignitoso. Rimango dell’idea che questa squadra sia andata oltre i suoi limiti e spero che lo faccia fino in fondo alla stagione, ma per me realmente resta da ottavo-decimo posto come valore effettivo della rosa. Certo hai trovato alcuni buoni giocatori ma se poi a giugno dai via Chiesa e Badelj come credo sarà dove vuoi andare a far ridere in Europa? Dopo il girone dove incontri squadre da ricovero vieni buttato fuori. DV pochi discorsi, o investono e… Leggi altro »
VIA I DV
Ospite
Member

VIA I DV!!!

piero
Ospite
Member

che palleeeeee.BASTA

Domenico, Roma
Ospite
Member
Scusate se vado un po’ ‘fuori tema’, ma vorrei farvi leggere questa mini-biografia di Cheik Diabate, l’attuale centravanti del Benevento in prestito dall’Osmanlispor. Attaccante che vorrei tanto vedere in viola per aumentare la ns, efficacia in zona gol. È una bella storia, non solo calcistica, ma anche umana. A 13 anni perde la madre, pochi mesi dopo il suo migliore amico in un incidente: “Stavamo giocando insieme a biliardino, mi ha detto ‘vado a mangiare, ci vediamo dopo’. Non è più tornato”. Qualche anno dopo vedrà anche il papà e il fratello morire davanti ai suoi occhi per una grave… Leggi altro »
michele
Ospite
Member

Grande Domenico!! Alziamo tutti lo sguardo

Articolo precedenteDiritti tv, Lega A: “Soluzione controversia sia rapida”
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI