Quell’abitudine alla mediocrità che non si adatta all’orgoglio viola

da La Repubblica

15



Il rischio adesso è di abituarsi alla mediocrità. Di pensare che, in fondo, dopo tre vittorie consecutive una sconfitta con il Crotone ci può anche stare. E che perdere quattromila spettatori a partita è fisiologico perché i nuovi progetti hanno bisogno di tempo per essere capiti e metabolizzati. La Fiorentina non può essere il diminutivo di se stessa. Non lo è mai stata, neppure nei momenti più difficili. La mediocrità non è fatta per questa città, sempre e comunque oltre. Specialmente nel calcio, dove l’orgoglio molto spesso ha appiattito le differenze.

Invece adesso sembra che tutto sia così banalmente ovvio. Scontato. Inevitabile. Che squadra e società attraversino euforia e delusione con lo stesso atteggiamento. Eppure, se si guarda cosa ha espresso finora il campionato, la Fiorentina non è messa così male. Nessuno chiede lo scudetto, ma una squadra che lotti e si sbatta, e poi alla fine si faranno i conti. E non una squadra che trasformi la mediocrità in alibi. Mancano i leader. Giocatori che sappiano scuotere il gruppo quando cala la tensione. Uomini che abbiano un peso, in campo e fuori, e che facciano sentire la loro personalità. Una “mancanza” che probabilmente ha anche Pioli.

Lasciamo stare la società, lì il vuoto è abbastanza evidente. Il punto è che l’ovvio sembra diventato una regola e c’è il rischio che il campionato viola si appiattisca in una normalità che non piace a nessuno. La Fiorentina deve violare l’anonimato, uscire dal banale, trovare la forza di diventare squadra nel senso vero, pieno. Dare un calcio alla mediocrità e riprendersi il suo spazio. La partita con la Roma può essere una buona occasione.

15
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
michele
Ospite
michele

Eh certo, a Firenze siamo abituati a ben altro…

Fabrizio.66
Ospite
Fabrizio.66

La mediocrità non è un rischio, purtroppo è già una realtà. E se questi non vendono sarà sempre peggio.

Enrico
Ospite
Enrico

Non si chiede lo scudetto… Ma una proprietà che abbia voglia e passione…non quattro ragionieri…

Fiesolesempre
Tifoso
Fiesolesempre

Non deve diventare un’abitudine? Una proprietà assente e rinunciataria senza ambizioni se non quelle immobiliari legate allo stadio, un DG premiato per aver speso 70 milioni e non aver preso un giocatore che faccia la differenza anzi che non vada in panchina, un allenatore mediocre 6 esoneri sono innegabili, una tifoseria assente e che accetta qualsiasi evenienza, dei giocatori che non venivano apprezzati nelle loro squadre ..Biraghi Dickx Benassi Sportiello Gil Dias, altri soventemente rotti ..laurini Saponara ..altri bidoni dalla nascita esserich Gaspare Cristoforo, altri che in coppia hanno portato la loro squadra alla retrocessione veretout e sanchez… Mediocrità allo… Leggi altro »

fabio
Ospite
fabio

D’accordissimo 40 punti maledetti il prima possibile, il resto è grasso che cola.

paolo re
Ospite
paolo re

Per uscire dallo stato di mediocrità occorrebbe molto di più di quello che la proprietà attuale è disposta a dare. E all’orizzonte, visto quello che, per l’appunto, ha detto Lucchesi ieri, non mi sembra si intravedano chissà quali grosse aspettative da cullare, tutt’altro. Il sogno dei tifosi per una Fiorentina vincente targata Della Valle è bello che andato, si è frantumato nel gennaio del 2016. Ecco perchè il pericolo di assuefazione, che io definirei meglio come rassegnazione, non è una semplice ipotesi giornalistica ma un dato di fatto che si è già radicato in molti. Occorrerebbe un cambio di rotta… Leggi altro »

marco mugello
Ospite
marco mugello

Una persona intelligentissima si adatta perfettamente alla configurazione e alle leggi naturali della foresta dove è entrato, perchè non si può mandare il Nilo in salita… non conviene..!.. una, intelligente si , ma un po meno intelligente, cerca di adattare le proprie azioni non alla situazione reale, ma a quello che percepisce della situazione. continuando a ragionare secondo i suoi schemi mentali consolidati.

paolo re
Ospite
paolo re

Come ho già chiarito, ho dato erroneamente una valenza di dichiarazione societaria alle esternazioni di Lucchesi, mentre in realtà non ne fa più parte. Me ne scuso.

si ruzza
Ospite
si ruzza

Finchè dura l’oppressione di questi rettori marchigiani … bisogna avere pazienza.

fabio
Ospite
fabio

Rettore perchè? Presa l’HC si diventa subito rettori? Non lo sapevo, comunque è interessante.

si ruzza
Ospite
si ruzza

(cit. Decameron, Boccaccio)

Mariani
Tifoso
gigliato-bis

Con la Roma ritmo e aggressività da ultimi dieci minuti a CROTONE

IrBudelloDiToPa
Tifoso
IrBudelloDiToPa

prendi un allenatore mediocre, dei giocatori mediocri, come fai a non fare una stagione mediocre quando addirittura la società è assente o troppo impegnata a tavola? Aggiungiamo poi che ormai almeno un terzo dei tifosi è diventato solo un tifoso del bilancio e della plusvalenza ed è ecco che la mediocrizzazione è completa

marco mugello
Ospite
marco mugello

Che fine ingloriosa i Della Valle… Sembravano Dei Greci venuti dall’Olimpo a conquistare il mondo… invece, sbaglia sbaglia, da una trave hanno fatto uno stuzzicadenti…. il resto, trucioli per forni per pizze napoletane… (Ogni allusione sulle fortune del Napoli è assolutamente casuale? No, proprio no!.)

Potini
Tifoso
Potini

“Non siamo abituati a rimanere secondi a lungo” dovrebbe entrare di diritto nello Zanichelli come esempio di paradosso.

Articolo precedenteWomen’s, Öhrström: “Tutti al Franchi con il Wolfsburg. Dobbiamo trovare il nostro gioco migliore. Italia-Svezia? Tifo per…”
Articolo successivoCile, bufera sul ritorno da ex di Pizarro: “E’ un traditore”. Si mobilitano i sindacati
CONDIVIDI