Qui Livorno: Nicola mescola le carte. Sempre 3-5-2 ma cambiano gli attori in campo

    0



    livorno

    Potrebbe essere un Livorno decisamente rinnovato quello che domenica alle 18 sfiderà la Fiorentina nella tana del Franchi. Davide Nicola in questi giorni al chiuso del centro Coni ha provato diverse alternative e, pur confermando il modulo abituale basato sul 3-5-2, o 5-3-2 a seconda delle situazioni, alcuni protagonisti potrebbero cambiare. Non tanti, questo è ovvio, perché anche a livello numerico non è che ci sia molta abbondanza. Però qualcosa varierà. Intanto l’assenza di Emerson in difesa chiamerà Rinaudo alla guida del reparto arretrato, con Ceccherini a sinistra e l’argentino Valentini in netto vantaggio su Coda. A centrocampo a destra potrebbe essere impiegato Mbaye, che avrebbe l’opportunità di utilizzare il suo piede naturale e non avere quel «blocco» che molte volte si è visto quando è stato impiegato sull’out mancino. A sinistra quindi scalerebbe Schiattarella, con il trio centrale composto da Luci, Benassi e Duncan. Il vero ballottaggio sarebbe dunque quello tra il giovane italiano dell’Inter e l’ex capitano del Catania Biagianti, che effettivamente non ha brillato. A quel punto davanti Greco sosterrebbe Paulinho, con Siligardi in panchina e pronto ad entrare a gara in corso.