Radio Sportiva, firmato accordo per assunzione di undici giornalisti

8



Lieto fine per la vertenza di Radio Sportiva – si legge nella nota pubblicata sul sito dell’AssoStampa – È stato firmato l’accordo con il quale si sottoscrive l’assunzione a tempo indeterminato di undici giornalisti. Si chiude così, con un successo, la lunga vertenza della radio con sede a Prato, autentica eccellenza, con il suo milione di ascoltatori, nel panorama nazionale delle radio locali, che fino ad ora contava tutti i giornalisti precari. L’Associazione Stampa Toscana e la Priverno srl, editrice di Radio Sportiva, dopo la riunione tenutasi in Regione due giorni fa, hanno proseguito il tavolo delle trattative che è culminato con la sottoscrizione di un accordo firmato congiuntamente dall’amministratore delegato della Piverno Srl, Marzia Boddi, e dal presidente dell’Associazione Stampa Toscana, Sandro Bennucci, che prevede l’assunzione di undici giornalisti, sei full-time e cinque part-time.

L’accordo è stato siglato anche dalla Regione Toscana, che ha seguito la vicenda con il consigliere per il lavoro del presidente Enrico Rossi, Gianfranco Simoncini. La Regione ha da subito sostenuto l’opportunità di un accordo che garantisse la stabilizzazione e l’occupazione dei giornalisti. “È un accordo che ha una importante valenza simbolica – ha commentato il presidente Rossi – La firma di oggi, oltre a regolarizzare gli undici giornalisti di Radio Sportiva, rappresenta un segnale chiaro contro il precariato nel mondo del giornalismo, che sappiamo essere ancora fin troppo macchiato da questo problema. Ho apprezzato in questo senso il lavoro svolto all’Associazione Stampa Toscana, che ha tutelato i diritti dei lavoratori, e quello dell’azienda, per aver accettato di divenire un esempio virtuoso a livello nazionale. Un fronte, quello della tutela del lavoro giornalistico, che alla Regione sta a cuore e al quale ha dato un contributo importante con la legge 34 del 2013, che sostiene le imprese di informazione locale, promuovendo il diritto al pluralismo e la qualità della professione”.

“Un passo storico – ha commentato Bennucci – per l’importante radio locale che ha sede in Toscana e per la stessa Associazione Stampa Toscana che è riuscita, insieme con la Priverno srl, a far raggiungere ai suoi iscritti un risultato che al giorno d’oggi rappresenta un fatto più unico che raro”.