Ranieri e Leicester: “Forse io troppo fedele ai giocatori”

7



“Forse sono stato troppo fedele ai giocatori. Quando raggiungi qualcosa di così importante, vuoi dargli una possibilità, e poi una seconda ed una terza. Ma ora è il momento di dire che basta così”.

L’ex allenatore della Fiorentina Claudio Ranieri si prepara a portare grosse novità nella squadra, almeno a leggere la parole del tecnico italiano al Daily Star, dopo l’ennesi sconfitta del Leicester, ieri sul campo dello Swansea che ha vinto la sfida salvezza. I campioni d’Inghilterra in carica, mai a segno nel 2017 e con una serie di cinque ko consecutivi, sono ad un solo punto dalla zona retrocessione.

Le telecamere allo stadio Liberty hanno inquadrato il miliardario thailandese Vichai Srivaddhanaprabha, proprietario del club che raramente assiste alle partite di persona, scuotere il capo mentre guardava la squadra affondare. “Non ho in programma di parlare con lui – ha detto Ranieri – ma se vuole io sono qui”.

“E’ difficile spiegare cosa succede nella testa dei giocatori – ha aggiunto l’allenatore romano – Quando parlo con loro, tutti sono fiduciosi, pronti a reagire, ognuno cerca di dire qualcosa di positivo per spronare gli altri. Ma poi torniamo al punto di partenza”.

Lo spogliatoio, però, non gli ha voltato le spalle, assicura il centrocampista Danny Drinkwater: “Certo che ha il nostro pieno sostegno. Dobbiamo uscire tutti insieme da questa situazione e se continueremo a lottare ce la faremo. Siamo un gruppo di ragazzi onesti e lavoriamo duramente. Sappiamo che i nostri tifosi sono delusi e noi lo siamo più di chiunque altro”.

7
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Niccolo\'
Ospite
Niccolo\'

proverei a prenderlo per un anno e tentare la cavalcata per la champions, Ranieri non gioca bene, ma si vincerebbero più partite con pochi gol presi. Per un anno direi che possiamo levarci di torno il ki-ti-kaka

erny
Ospite
erny

Ma come si fa a vincere il campionato e anno dopo lottare per non retrocedere

cinico
Ospite
cinico

vado a memoria, ma nella sua carriera, Raniera fa bene il primo anno poi crolla..o non raggiunge gli obiettivi..; detto ciò spero che si salvi.

Up the Violets
Ospite
Up the Violets

Solito errore di Corvino (con l’aggravante che Ranieri è “solo” un allenatore, mentre questo dovrebbe essere il pane quotidiano di un d.s.), ha sopravvalutato la stagione precedente. Nessuno pensava che il Leicester potesse diventare una grande, ma tra i soldi della vittoria del campionato, quelli della Champions, quelli del nuovo e ricchissimo contratto televisivo e mettiamoci pure quelli presi dal Chelsea per Kanté, avrebbe potuto potenziare notevolmente la squadra. Sarebbero bastati un terzino e un centrale più forti di Simpson e di Huth-Morgan, un mediano al posto di Kanté, un’ala sinistra meglio di Albrighton, una seconda punta sul livello di… Leggi altro »

Ivo
Ospite
Ivo

A me è venuta subito in mente l’inter del triplete, piena di senatori vecchi e spremuti. Dove Moratti per troppo attaccamento decise di tenere praticamente tutti e da lì iniziò il crollo della squadra. Nel calcio, come in tutte le cose, bisogna capire quando è il momento di vendere. E soprattutto bisogna capire che a volte serve cambiare qualche giocatore, per immettere energie fresche. Dopo tanti anni in una squadra è fisiologico che un giocatore possa avere un calo, e adagiarsi, quindi si deve esser bravi a rinnovare ogni tanto gli uomini. L’esempio classico è Ilicic. Era chiaro che non… Leggi altro »

Renzo
Ospite
Renzo

Effetto Benaluoane

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

caro drinkwater, l’acqua fa ruggine

Articolo precedenteNevio Scala: “Fiorentina favorita con il Borussia, innamorato di Sousa”
Articolo successivoEuropa League: il programma completo dell’andata dei 16esimi di finale
CONDIVIDI