Ranieri: “Ieri è morto il mio sogno. Nessuno potrà portare via ciò che abbiamo ottenuto”

14



Ciò che è successo ieri ha lasciato tutti a bocca aperta: Claudio Ranieri esonerato dal Leicester, dopo l’incredibile e straordinaria vittoria dello scorso campionato. Ora arrivano le prime parole dell’allenatore italiano, rilasciate a Press Association Sport: “Ieri il mio sogno è morto. Dopo il successo in Premier League il mio sogno era di restare al Leicester, il club che amo, per sempre. Purtroppo non sarà così. Voglio ringraziare mia moglie Rosanna e tutta la mia famiglia per l’incessante supporto nel tempo passato qui. Il mio grazie va a Paolo e Andrea, che mi hanno accompagnato in questo bellissimo journey. A Steve Kutner e Franco Granello, che mi hanno dato l’opportunità di diventare un campione. Ma soprattuto devo ringraziare il Leicester Football Club. Questa avventura è stata entusiasmante e vivrà dentro di me per sempre. Grazie a tutti i giornalisti che ci hanno seguito per raccontare la più grande storia di calcio. Il mio più sincero ringraziamento va a tutti coloro che lavorano nel club, ai giocatori, allo staff e a chi è stato parte di ciò che abbiamo fatto. Ma soprattutto ai tifosi. Mi avete fatto entrare nei vostri cuori dal primo giorno e mi avete voluto bene. Vi voglio bene anch’io. Nessuno potrà mai portare via ciò che abbiamo ottenuto e spero che voi ci pensiate ogni tanto, sorridendo, e che lo farete ancora. E’ stato un momento meraviglioso di felicità che non dimenticherò mai. E’ stato un piacere e un onore diventare campione con voi”. (fonte gianlucadimarzio.com)

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
Viola 1951
Ospite
Member

Sinceramente non mi fa compassione….. Io per 3,5 mln di buonuscita andrei via dall’azienda a sputi e pedate nel cu……

Lupo viola
Ospite
Member

L’unico che ci ha fatto alzare due trofei…

Viola 1951
Ospite
Member

Sì, ma i giocatori non erano questi…..

Gian Aldo Traversi
Ospite
Member

Claudio Ranieri, grand’uomo, grande coach. Se invece che il giornalista avessi fatto il regista l’avrei scelto per fargli indossare la tunica di Ottaviano, la corazza aurea di Cesare che le famiglie gentilizie etrusche di Arezzo gli donarono. Claudio Ranieri, faccia e cuore da romano antico. Sarei felice che tornassi a lavorare a Firenze. Che gran coppia d’intenditori di calcio sareste tu e Antognoni.

Viola 1951
Ospite
Member

Se non ricordo male da noi, alla fine, fu mandato via a furor di popolo……Purtroppo è il destino degli allenatori come Lei ben saprà. I “ritorni” generalmente non funzionano mai né da giocatori né da allenatori.

tamburo di latta
Ospite
Member

mi correggo: irripetibile

www.casaccaviola.com
Ospite
Member

Grande Claudio !!!! Da noi non si pole sognare quindi penso che la tua candidatura sia impossibile….. AAAcerco VECCHIE VECCHISSSIME maglie di Fiorentina ed altre squadre contattami ad [email protected]

SignaViola
Ospite
Member

Torna a sognare da noi!!!!!!

Donamasi59@gmail.com
Ospite
Member

Grande Claudio meriti il meglio

go1951
Ospite
Member

Claudio..hai la stima di tutti e vorrei da viola rivederti nella nostra panchina….l’unico errore che hai fatto..vista la tua esperienza….è stato quello di non aver dato le dimissioni subito dopo la tua fantastica cavalcata…….quella magia sarebbe rimasta una favola eterna .

Massimiliano
Ospite
Member

Sei un signore Mister Ranieri

Conte Verde
Ospite
Member

A Firenze, il sogno invece non è mai nato da quando ci sono i marchigiani. Infatti, non solo in 15 anni non si è vinto nulla di nulla, ma non siamo neanche mai stati competivi per lo scudetto. Siamo stati però Campioni d’Italia di Bilancio, e abbiamo anche alzato alcune Coppe Plusvalenza. La bacheca del ragioniere è piena, insomma.

lele bucchío
Ospite
Member

I braccini non ti meritano

Tiziano
Ospite
Member

Grandi parole per un grande uomo

wpDiscuz
Articolo precedenteFoschi: “Tutti sapevano che questo sarebbe stato un anno difficile, Corvino preso per questo”
Articolo successivoBenassi: “Lunedì gara tosta, ma che bello il gemellaggio”
CONDIVIDI