Rapporti freddi con Gonzalo. L’ag.: “Non lo vogliono più. Entro un mese nuova squadra”

da La Nazione

84



SE NON FOSSE che, una volta tanto, il Tianjin Quanjian non c’entra nulla, potremmo tranquillamente scomodare la lunghissima ed invalicabile muraglia cinese per spiegare in altri termini quello che da settimane resta l’ingombrante ostacolo tra la Fiorentina e Gonzalo Rodriguez a proposito del rinnovo di contratto del centrale argentino. Le trattative tra il direttore generale dell’area tecnica Pantaleo Corvino ed il manager del capitano viola, del resto, si sono interrotte ormai lo scorso 30 novembre, quando – al termine di un secondo meeting al centro sportivo con la dirigenza viola – José Raul Iglesias (per tutti «el Toti» in patria) ha dichiarato di punto in bianco di non voler prendere in considerazione l’offerta della Fiorentina per il prolungamento del suo assistito, che comprendeva una riduzione di circa il 25% del suo attuale ingaggio più la prospettiva di restare in viola fino al giugno 2019 in base alle presenze che Gonzalo avrebbe collezionato a partire della prossima stagione.

UNA PROPOSTA, quest’ultima, respinta pronti-via al mittente e sulla quale né la Fiorentina né il procuratore dell’argentino sono tornati ad aggiornarsi, a distanza di quasi due mesi. E adesso il tempo stringe davvero. Anche perché Gonzalo, di questo passo, non solo si svincolerà a parametro zero al termine di questo campionato ma in linea teorica tra poco più di dieci giorni (per la precisione dal 1° febbraio) potrebbe già liberamente firmare con un qualsiasi altro club.

UNA VIA che sembra ormai essere deciso a percorrere il manager dell’argentino, che è tornato a parlare della vicenda legata al rinnovo del numero 2 viola: «In questi mesi non ho ricevuto nessuna telefonata da parte della Fiorentina – ha spiegato Iglesias – e questo comportamento mi fa pensare che ormai al club non interessi più formulare una proposta di rinnovo per Gonzalo. Da tempo peraltro stiamo valutando varie proposte e sono certo che entro un mese definiremo tutto con una nuova squadra».

PIÙ CHE STALLO, dunque, quella attuale è una situazione davvero gelida. Le società in ballo sono tante e tra queste restano in prima linea anche le due milanesi, ma sotto questo aspetto Iglesias non si sbilancia: «Sui nomi non voglio dire nulla; quello però che posso confermare è che in tanti hanno chiesto informazioni su Gonzalo e dopo la prestazione di domenica contro la Juventus a maggior ragione». Ad oggi, dunque, i margini per sbrogliare questa intricata matassa sembrano sempre più ridotti all’osso.

84
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
GiancarloMiami
Tifoso
GIANCARLO

Non ha senso in questo momento, mica hanno gia un pezzo di novanta in tasca

FabriViola
Ospite
FabriViola

Come vorrei che questo malcontento e disgusto dal web passasse alle piazze.
Il web non fa rumore, le piazze? Chiedetolo ai Pontello…. Forza Fiorentina difendiamola da questi SOPRUSI!

Singleton
Ospite
Singleton

Teniamo Gonzalo e Kali ( se i cino non sborsano i 50 mil). VIA i DV da Firenze con Sousa, gnignini ed il Corvo buono solo a vendere e che si è fatto fregare tutti i giovani interessanti. VIA QUESTA ……. DA FIRENZE!

Mario z
Ospite
Mario z

Corvino non siamo al mercato di San Lorenzo e i saldi sono finiti, vergognatevi una riduzione del 25 % almeno potevate ridurli lo stipendio del 10%. Si vede che anche lui non è più da con la testa. Gonzalo è l’unico che in difesa ne capisce.
Prederanno senz’altro uno scadente che costa meno come hanno fatto nel passato. Prade, ne ha fatti di sbagli ma ha anche portato buoni giocatori. Il più grande sbaglio dei fratelli della valle è stato riprendere corvino.!

Carlo66
Ospite
Carlo66

Il problema non è di per se il valore assoluto di Gonzalo, che in ogni caso dopo ovviamente Astori è l’unico difensore puro accettabile in rosa, ma è l’atteggiamento di una società che non da alcun tipo di valore a chi porta la fascia da capitano. E questa ne è l’ennesima riprova. Si chiede esperienza, responsabilità, spirito di appartenenenza e rappresentanza ad un giocatore investito della fascia da capitano, ma tutto entro i trent’anni, perchè poi non vale più la pena di perderci del tempo…. Succederà con Astori, con Borja Valero (incredibile a dirsi ma sono certo che succederà). Ci… Leggi altro »

Deyna
Tifoso
Deyna

Caso Gonzalo: indipendentemente da cosa si pensi sulle condizioni del giocatore, proporgli in sede di discussione un dimezzamento dello stipendio maldestramente camuffato, non accettando le sue più che ragionevoli proposte, significa essere una società di contabili, senza alcun senso dello sport. Si tratta il nostro Capitano come un preservativo usato da gettare dal finestrino, a metà stagione [anzi, dall’inizio, e il calo di rendimento ho paura sia stato causato anche da questo…], cosa che non può non avere inevitabili ripercussioni negative sullo spogliatoio e sui risultati sportivi. Ah già, ma chi se ne frega dei risultati sportivi?

francesco
Ospite
francesco

se si manda via gonzalo vuol dire che in societa’ di calcio non se ne intende nessuno!!!!!

Andre31
Ospite
Andre31

Mandiamo via il nostro miglior difensore?!?!?!? ma voi siete pazzi!

TIROLUMIDO
Ospite
TIROLUMIDO

VERGOGNA DELLA VALLE.
FORZAVIOLASEMPRE

PerseoViola
Tifoso
perseo_Viola

E chi dovrebbe sostituirlo?Tomovic?? ë pur sempre il capitano e senza di lui andiamo pure peggio, sarebbe stato giusto rinnovargli il contratto alle stesse condizioni per un altro paio d’anni e intanto cercare un sostituto (visto che da anni cerchiamo un difensore e siamo sempre al solito punto)

Articolo precedenteKalinic, oggi nuovi incontri (forse decisivi) a Milano. Il ruolo di Ramadani
Articolo successivoSousa prepara la partita contro il Chievo. Pochi cambi, tranne Kalinic
CONDIVIDI