Rapporti sinceri ed un gioco piacevole, così Pioli stregò Bologna

1



Sarà una partita speciale quella contro il Bologna per Stefano Pioli, che sabato affronterà il suo passato. Nel 2011 l’attuale tecnico viola fu chiamato dall’allora presidente rossoblù Guaraldi come terza scelta – dopo Ballardini e Delio Rossi – in soccorso di una squadra in difficoltà che aveva raccolto un punto in cinque partite con Bisoli; tradito due anni e tre mesi dopo da un paio di suoi giocatori ed esonerato dallo stesso Guaraldi, resta nel mezzo la splendida prima stagione del tecnico di Parma sulla panchina dei felsinei, in cui riuscì a portare la squadra fino al 9° posto con 51 punti a un soffio dall’Europa. Così riporta il Corriere dello Sport-Stadio.