Rassegnatevi, o voi che lo bramate! Firenze e Montella faranno un altro giro…

0



«Non c’è alcuna possibilità che io lasci la Fiorentina». Parola di Vincenzo Montella. Una frase pronunciata neanche troppi giorni fa, l’11 marzo scorso, alla vigilia dell’andata degli ottavi di Europa League, che aveva l’obiettivo di mettere a tacere le tante, troppe voci di mercato intorno al tecnico viola. Che, tra l’altro, prima della partita col Sassuolo del 14 febbraio scorso, si era anche lasciato scappare una battuta che tra le righe nascondeva una grossa verità: «Di Francesco? Ho voglia di batterlo, perché ultimamente si parla un po’ troppo di lui…». Un ‘avvertimento’. Un monito. Come a dire: occhio, la panchina viola è (ancora) mia.

Ma il calciomercato (anche quello degli allenatori) non va mai in vacanza. E ogni anno, quando si arriva a marzo, si inizia a parlare di quello che sarà il valzer delle panchine al quale assisteremo alla fine della stagione. Con Tizio che prenderà il posto di Caio, e Sempronio che a sua volta prenderà il posto di chissà chi… Poi, puntualmente, questo grande valzer, non c’è mai. Nel giro di poche settimane, di pochi mesi, siamo passati da un Montella che avrebbe certamente lasciato la Fiorentina a fine giugno, ad un Montella che sicuramente proseguirà sulla panchina viola (confermato dal tecnico stesso da frasi piuttosto esplicite) ad un Montella che nutrirebbe ancora dubbi circa il suo futuro. Che dire: decidetevi. Ora, le cose sono due: o il tecnico gigliato è molto lunatico – e non sembra proprio essere il suo caso –, oppure qualcuno cerca di creare casi che non ci sono. Che non hanno senso.

C’è chi lo ha piazzato al Napoli per il dopo Benitez. Chi lo spinge al Milan, perché a Berlusconi pare piacere molto (chissà che novità, visto che sono due anni che il Milan è attratto dalle doti tecniche dell’allenatore della Fiorentina…). Chi pensa possa decidere di andare all’estero. E chi – ultimamente – lo vede bene anche sulla panchina della Sampdoria. Del resto, dopo le dichiarazioni del presidente Ferrero (“Chi mi piacerebbe per il dopo Mihajlovic? Montella mi piace molto. E anche Di Francesco”) e la cena (innocua) che lunedì scorso il patron blucerchiato e il tecnico hanno consumato in un locale di Firenze, non era difficile ipotizzare che qualcuno avrebbe iniziato a farsi qualche film. Dunque, ricapitoliamo: Benitez via da Napoli. Al Napoli piacciono Spalletti e Montella. Ma Montella piace anche alla Sampdoria. Così come piace Di Francesco che, però, potrebbe sempre accettare Firenze, se Vincenzino dovesse decidere di chiudere la sua esperienza in riva all’Arno. Ma occhio al Milan, che è sempre vigile e potrebbe spuntarla su tutti gli altri. Anche se c’è una clausola per avere l’‘Aeroplanino’…. Poi, c’è qualcuno che deve ancora farsi avanti? Qualche altra ipotesi? Diventa perfino difficile starci dietro, a tutte le simpatiche (o fastidiose, dipende dai punti di vista) supposizioni che sono state fatte fino ad oggi. E che verranno ancora fatte fino alla fine della stagione…

Ma rassegnatevi, o voi che lo bramate! Montella, che piaccia o non piaccia, non si muoverà da Firenze. Dovrebbe succedere una catastrofe sportiva, per far cambiare idea a lui e alla società. Ora che gli intenti sono tornati ad essere comuni. Ora che si sta parlando di vittorie. Ora che c’è la concreta possibilità di alzare un trofeo. Ma soprattutto ora che si sta pianificando il futuro e che si stanno gettando le basi per definire (e rifinire) la Fiorentina 2015-16. Scusateci, ma chi volesse volare con Montella, dovrà aspettare ancora un po’. Perché Firenze si godrà un altro giro. Un’altra corsa…

Autore: Michela Lanza – Redazione Fiorentina.it