Ravanelli: “La Juve ha paura di Cuadrado, Conte meglio di Montella. Io e Firenze…”

    0



    fabrizio-ravanelliLunga ed interessante intervista, concessa da Fabrizio Ravanelli a Radio Blu. L’ex attaccante della Juventus parla del triplo confronto di marzo tra viola e bianconeri e non solo: “Saranno partite molto difficili per tutte e due le squadre. La Juventus sta facendo un’annata strepitosa, ma abbiamo visto come la Fiorentina abbia messo in difficoltà la squadra di Conte in campionato. La Juventus è favorita in Europa League, ma il doppio confronto è aperto a qualsiasi risultato. La Fiorentina? Quando si ha un tecnico così bravo, una società solida e dei professionisti in campo c’è tutto per centrare gli obiettivi stagionali. Sia la partita in campionato che quelle di Europa League sono aperte a qualsiasi risultato, anche se ultimamente la Juventus ha ritrovato una certa freschezza fisica. Gomez? Ha la possibilità di migliorare giorno dopo giorno, è normale che ci voglia del tempo. Sicuramente contro la Juventus sarà più in forma rispetto a ieri sera. L’uomo più pericoloso della Fiorentina credo sia Cuadrado, fa assist e gol, supera sempre l’avversario. E’ lui quello che fa più paura alla Juventus. La rimonta dell’andata? A me non era mai successa una cosa del genere, anche se può capitare. Spero non ricapiti più, perché quando la Juventus va in vantaggio di due gol la partita non la può perdere. Borja Valero? E’ un giocatore importantissimo, ha una qualità cristallina. Pizarro lo conosciamo tutti, è un giocatore stimato da tutti i critici del calcio. Verratti? Andrebbe bene per tutte e due le squadre, che fanno partire il loro gioco da Pirlo e Pizarro. La squalifica di Borja Valero? Credo che sia esagerata, è un giocatore corretto ed educato. Gli arbitri? Anche per la mia esperienza francese posso sicuramente dire che quelli italiani sono i più bravi. Trapattoni mi voleva a Firenze? Io mi ero già messo d’accordo con il ds Governato, poi purtroppo non se ne fece niente, perché credo che Cecchi Gori e la tifoseria non accettarono il mio passato bianconero. Sarei sicuramente venuto volentieri a Firenze, in una grande squadra ed in una città che era vicina a casa mia. Chi è più bravo tra Montella e Conte? Conte. La Panchina d’Oro? La ridarei ancora a Conte, i risultati parlano per lui”.