Ribery-Caceres: quando svincolato vuol dire colpo. Da Toni a Vieri, fino ad Alonso-Pek-Aquilani

17



Ribery-Caceres stanno facendo la differenza alla Fiorentina. Entrambi arrivati a parametro zero. E non sono i primi che da svincolati hanno fatto le fortune viola

Si scrivono parametri zero, in alcuni casi si leggono colpi di mercato, in altri bidoni e/o meteore. Alla prima categoria appartengono sicuramente Franck Ribery e Martin Caceres. Il francese e l’uruguagio, rimasti svincolati il primo dal Bayern Monaco e il secondo dalla Lazio via Juve, hanno avuto un impatto ottimo con la maglia viola. Da quando il numero 7 è entrato in pianta stabile nell’undici di Vincenzo Montella la Fiorentina non si è più fermata. Titolare dalla terza giornata in poi, 2 gol, 1 assist, record di dribbling riusciti rispetto a quelli effettuati con la difesa del Milan che è ancora lì a cercare di capire come fermarlo, e una standing ovation che a San Siro in pochi si sono presi da avversari. Per non parlare del ‘franck sound’ come lo ha battezzato qualcuno, con quel coro anni ’90 che in origine era di Schwarz. Coincidenza? No. Per niente.

La Lega lo ha omaggiato come miglior calciatore del mese di settembre 2019 in A, e guarda caso, da quando è entrato in campo dal 1’ lui, la Fiorentina ha messo in serie 3 vittorie e 2 pareggi. E curiosamente, questa striscia positiva, è iniziata quando Montella è passato alla difesa a tre, con l’altro parametro zero arrivato in estate, ovvero Martin Caceres.  

Piacevoli scoperte, entrambi, in grado di spazzar via scetticismi e dubbi in pochi giorni. Un po’ come fece Luca Toni quando tornò a Firenze all’ultimo giorno di mercato. Ci mise meno di due minuti per far gol al debutto dopo il ritorno a parametro zero nel 2012. E poi ci sono i Marcos Alonso, che arrivò a zero dopo aver terminato il proprio accordo col Bolton, i Ciprian Tatarusanu, portiere titolare per tre anni a Firenze dopo lo svincolo dalla Steaua. A zero arrivò anche Facundo Roncaglia, così come, David Pizarro, Alberto Aquilani e Massimo Ambrosini. Tutti nell’era Pradè, sempre molto attento al colpo a parametro zero. E se nacque una Fiorentina bellissima nel primo ciclo Montella, molto fu merito proprio degli innesti del cileno e dell’ex Liverpool, che assieme a Borja Valero dettero vita ad un centrocampo innovativo e ad un calcio spagnoleggiante che riscosse consensi in tutta Europa.

A volte parametro zero vuol dire anche meteora, come nel caso di Oleksandr Iakovenko, di cui si ricorda solo la prorompente compagna, o Joan Verdù, ricordato per quel gol fantastico all’Atalanta su assist di esterno di Kalinic. O ancora Gustavo Munua, che giocò solo una volta in Europa League.

Ai tempi di Pantaleo Corvino, invece, a parametro zero arrivarono Christian Vieri, collezionando 39 presenze e 9 reti, Fabio Liverani, che divenne presto leader del centrocampo di Cesare Prandelli, e Arturo Lupoli.

17
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
MontecatiniViola
Ospite
MontecatiniViola

È la differenza di visione del calcio: Corvino prendeva solo giovani (alcuni di assoluto valore che oggi ci ritroviamo in rosa), per fare plusvalenze. Pradè, giocatori pronti.. Basta pensare va badelj, per non dargli un aumento di ingaggio, via a zero ed investi 5 mln su Norgaard. cervellotico!!!!!

Wade81
Ospite
Wade81

Più che cervellotico vergognoso. Come i risultati sul campo…

Flavio
Ospite
Flavio

Su Roncaglia ho seri dubbi che sia arrivato a parametro zero. Se non ricordo male passò, prima di approdare alla Fiorentina, in una squadra, così detta fantasma, per cui la Fiorentina dovette spendere dei soldi.

Marco77
Ospite
Marco77

Mi pare di ricordare 500k euro per l’acquisto

stini
Ospite
stini

BRAVO . Dai non c’è due senza tre prendici…. IBRA .
Facci sognare.

Modena
Ospite
Modena

Per completare la rosa mancherebbe solo un centrocampista a parametro zero del livello dei due sopracitati.

Marco77
Ospite
Marco77

Speravo in Marchisio, ma purtroppo si è ritirato

Gaetano
Member
Gaetano

C’era Bertolacci, è andato alla Samp…

Milan51
Tifoso
Il braccino americano

Allora c’è anche lo scarsissimo Montolivo, riserva al Milan come Bertolacci.

Rep
Ospite
Rep

Prade numero uno

Purple
Ospite
Purple

Per i colpi a zero euro Prade` è il migliore d’Italia…solo lui può fare certi colpi…ha intuito e soprattutto savoir faire, talmente che riuscirebbe a convincere anche gli eschimesi a comprare ghiaccioli da lui

Massimo
Ospite
Massimo

Veramente un rubapensione totalmente nullo c’è: Boateng!

Socrates. Democrazia Corinthiana
Ospite
Socrates. Democrazia Corinthiana

I fatti ti smentiranno.
Saluti Viola .
Strisciato

massimo
Ospite
massimo

Strisciato sei te e strisciatini i tuoi nipotini!

Marco77
Ospite
Marco77

Intanto non è arrivato a parametro 0, quindi sei fuori luogo in questo articolo

OKKKKEY
Ospite
OKKKKEY

nelle prime settimane della stagione è stato molto utile per proteggere, incoraggiare e dar fisuìducia ai ragazzini ( vedi l’ingreso in campo contro il Napoli) , inolte penso che tornerà utile anche piu avanti quando ci sarà da gestire anche situazioni piu scomode rispetto all’entusiasmo attuale. mai sputare sull’esperienza e temperamento!

Milan51
Tifoso
Il braccino americano

E Ghezzal?

Articolo precedenteNardella: “Lavoro per l’obiettivo stadio alla Mercafir”
Articolo successivoQuattordicesima per spese sul mercato, ma ottava per risultati. Solo in due meglio dei viola
CONDIVIDI