Riorganizzazione, budget e strategie: le prossime mosse. Anche DDV al vertice viola

    0



    Empoli Andrea Della Valle CognigniL’APPUNTAMENTO è per la prossima settimana. Non c’è un giorno preciso, per la verità, perché la certezza è che la Fiorentina – intesa nel suo complesso – è concentrata sulle prossime due delicate sfide che tanto diranno sul destino agonistico di questa stagione. Poi, esaurita l’onda lunga (o corta) dei risultati con Udinese e Juventus il futuro viola diventerà il presente. Appuntamento, dicevamo, tra la proprietà (intesa come Andrea e Diego) e i vertici dirigenziali per mettere nero su bianco sull’assetto tecnico e dirigenziale.

    L’IPOTESI Franco Baldini – da più parti si continua a insistere in questo senso – resta sempre in piedi, ma prima di effettuare nuovi innesti bisognerà chiarire e definire ruoli e incarichi e, soprattutto, valutare le posizioni di tutti i dirigenti attuali, iniziando da Pradè, per finire ad Angeloni, senza tralasciare il futuro di Rogg. Se le decisioni in tal senso hanno l’ultimo via libera da parte di ADV, i consigli di Diego non passano mai sotto in secondo piano. Ecco perché non è escluso che anche DDV possa avere voce in capitolo.

    LA PRIMA mossa sarà quella di confermare Sousa sulla panchina viola, indipendentemente dal fatto che il tecnico ha un altro anno di contratto con la Fiorentina e l’opzione su quello successivo. Andrea è stato chiaro su questo punto e anche il tecnico portoghese dovrà, lontano dai riflettori, ‘giurare’ fedeltà alla causa viola. Poi via libera alla definizione del budget per la prossima campagna acquisti. Dal vertice viola la società è decisa a uscire più compatta di prima, rafforzata dalla volontà dei Della Valle di rilanciare. Come detto sarà proprio il conclave a dettare le linee guida. Sul tavolo tanti temi caldi, come le prime operazioni in entrata (e in uscita) come il riscatto di Astori (al Cagliari dovranno andare 5 milioni, altrimenti in caso contrario la Fiorentina dovrà comunque pagare 3 milioni di penale). Poi si dovrà valutare attentamente se riscattare Tello oppure no. E il parere dell’allenatore sarà vincolante in questo senso, mentre sul prezzo non si dicuterà. Al Barcellona dovranno andare 7 milioni, altrimenti l’esterno tornerà in Catalogna.

    L’ESITO del vertice non ha bloccato le operazioni della dirigenza che sta comunque lavorando per il futuro. Aspettando la benedizione della famiglia Della Valle.

    Commenta la notizia

    avatar
      Subscribe  
    Notifica di
    Articolo precedenteFiorentina, il programma di oggi: alle 13 conferenza Sousa, poi rifinitura
    Articolo successivoMetodo-Sousa: i segreti della preparazione. E gli infortuni…
    CONDIVIDI