Rogg: “Piena sintonia con Sousa. Abbiamo idee chiare”

    0



    Andrea RoggParla così a La Nazione il Direttore Generale della Fiorentina Andrea Rogg:

    E’ cambiato qualcosa all’interno della Fiorentina dopo la sconfitta contro la Lazio? E ci sarà un cambio di ritmo nelle strategia di mercato? «No, abbiamo fatto un girone d’andata di cui tutti devono essere orgogliosi, la città ed i tifosi, la società, i giocatori, l’allenatore e lo staff tecnico. La sconfitta non cambierà il nostro modo di operare e le nostre ambizioni: investire per migliorare la rosa inserendo giocatori in grado di farlo, privilegiando giovani di grande prospettiva per poter continuare a competere con ogni avversario. Senza contare che resistiamo alle lusinghe e all’interesse dimostrato nei confronti di molti nostri giocatori non vendendoli. Il tutto nel rispetto della sostenibilità economico/finanziaria dettata dai nostri fatturati e dal fair play finanziario Uefa».

    Milinkovic-Savic resta un nome difficile da dimenticare. Sabato è stato impossibile. «Ho già chiesto scusa per come è andata. Avevamo tutti gli accordi necessari, compresi quello con il club proprietario e il giocatore stesso, poi lui ha cambiato idea… Da questa storia ho imparato una lezione: mai più porterò a Firenze un possibile rinforzo senza avere prima la sua firma».

    Passiamo al mercato e facciamo un po’ di nomi. «Su questi non posso sbilanciarmi. Comunque l’intenzione di tutti è quella di migliorare la squadra con acquisti funzionali».

    In un’intervista il presidente esecutivo Cognigni ha parlato di «acquisti di prima fascia». «I giocatori che arriveranno dovranno aggiungere valore a una squadra che ne ha già tanto. Per questo dovranno essere sicuramente di prima fascia. Il presidente si riferiva alla funzionalità del loro innesto, al contributo che dovranno dare per arricchire un contesto già elevato. Poi sul concetto di prima fascia bisogna intendersi: per esempio Kalinic non sembrava un nome da prima fascia e poi invece lo è diventato. Per cui: più che i nomi, dovranno essere di prima fascia i giocatori».

     

     

    Chi arriverà? «Niente nomi. Posso dire che stiamo lavorando con le idee chiare e che abbiamo concordato con Sousa tutti gli obiettivi. C’è un podio di giocatori in ogni reparto, più quattro opzioni di riserva. La nostra speranza è quella di arrivarci il prima possibile, ma siamo disposti ad aspettare un tempo ragionevole per assicurarci i rinforzi migliori».