Rossi: “Ho un conto in sospeso coi tifosi viola. Non sono ingrato. Sousa..”

    0



    rossiCosì Giuseppe Rossi a RadioBruno nel giorno della sua presentazione con il Levante: “E’ stata una bella sorpresa, cono contento di essere qui e non vedo l’ora di giocare. Domani è una gara da tre punti, dobbiamo dare l’anima per quello. In casa bisogna cercare sempre di vincere. L’allenatore mi ha detto le varie cose che cerca nel gioco, come attaccare e difendere. Perché il Levante? Perché è la prima squadra che mi ha cercato, una soluzione bella, una città che conoscevo già, in un campionato che mi piace tanto e che conosco. Spogliatoio? Mi hanno accolto bene, vedo voglia nei miei compagni. Molto dispiaciuto di aver lasciato la Fiorentina, mi trovo benissimo con i tifosi viola, mi hanno sempre sostenuto. Ho un conto in sospeso con loro.. a giugno si vedrà. Conte? La Nazionale è un qualcosa che devo meritare, non vedo l’ora di dimostrarlo. La continuità è quello che mi manca, sono pronto mentalmente e fisicamente. Sousa? Il mister ha fatto delle decisioni pensando alla squadra, è giusto così. Bisogna dargli merito del suo lavoro. Normale che quando uno non gioca non è felice, a me se togli il calcio sto male… Ingratitudine? Mi dispiace se qualcuno la pensa così, ma devo trovare la felicità e il sorriso, che mi è mancato in questi mesi. Non potevo restare a fare pochi minuti. E’ arrivata questa possibilità di andare in prestito, mi serviva a livello psicologico tornare a giocare. Percentuali sul ritorno a Firenze? Ci torno sicuramente, sono in prestito… ed è una cosa che mi fa molto piacere. Ma ora voglio dare il massimo qui”.