Rossi: “Sto benissimo, che emozione la prima da ex contro i viola. Sogno ancora l’azzurro”

3



Ecco la Fiorentina, il momento che Giuseppe Rossi aspettava da dicembre, da quando è tornato nel calcio italiano. Tutti ora vogliono vedere Pepito in campo. «E io ci sarò – ribatte sorridendo -. Sto bene, mi sto allenando alla grande e spero di giocare. Già da domenica mi auguro di avere più minuti in campo. Vorrei fare una grande partita. Per me sarebbe un momento speciale: giocare contro la Fiorentina per la prima volta da ex viola sarà una bella emozione». Parla così Pepito a La Gazzetta dello Sport.

Sarebbe la seconda volta da avversario. I viola li sfidò nel 2007, con il Parma. «E’ vero, era aprile, vincemmo 2 a 0, con due gol miei. Quella sfida la ricordo benissimo».

Ricorderà anche l’ultima da avversario al Ferraris contro il Genoa, in maglia viola. «Sì, la prima e unica, visto che qui non ho mai giocato contro la Sampdoria. Vincemmo 5 a 2 e segnai due gol».

I due gol sono una costante. Cose le fa pensare? «Sono bei ricordi. Spero di tornare a farli i gol e di tornare a quei livelli in campo».

Visti i precedenti rischia intanto di far paura alla Fiorentina? «Ora penso di più ad accumulare minuti nelle gambe e a far felici compagni e tifosi».

121 minuti in 6 presenze. Pensava di giocare di piu? «Tutti si aspettano di giocare di più. Per recuperare dopo un lungo infortunio serve ritrovare continuità. Ho cercato dii allenarmi bene e farmi trovare pronto ma ci si è messo di mezzo l’infortunio muscolare, il primo della mia carriera, proprio nel momento sbagliato. Ora però ho recuperato bene».

Ballardini ha detto che deve tornare ad essere un atleta. «Io credo che si debba procedere a un passo alla volta. Serviva recuperare bene? L’ho fatto. Era necessario che mi integrassi con la squadra e l’ambiente? L’ho fatto. Dovevo riuscire a fare ciò che mi era richiesto negli allenamenti? L’ho fatto. L’atto finale deve essere il ritorno in campo, per chiudere il cerchio e tornare ad essere un atleta».

Adesso si aspetta di giocare? «Io penso a farmi trovare pronto. Se c’è la possibilità di giocare 10 minuti o 90 voglio rispondere presente. Spero di trovare i minuti che servono per sentirmi di nuovo un giocatore».

E magari ritrovare il gol. «I gol li ho sempre fatti, non diventeranno un’ossessione. Voglio essere in campo e sentirmi partecipe del gioco. Sento la fiducia dei compagni ed è la cosa più importante».

Lei ha pure l’affetto dei tifosi. Quelli del Genoa fremono non appena si alza per scaldarsi. E pure gli avversari le sono vicini. A Roma l’hanno coccolata. «A Roma è successa una cosa incredibile che non dimenticherò mai. Ero lì e non sapevo come reagire, cosa fare per ringraziarli. Sono momenti che in pochi hanno vissuto. Non so perché accada. penso che tutti mi siano vicini per quello che ho passato. Vorrebbero vedermi divertire. Sento anche la grande attesa dei genoani. Un motivo in più per tornare ad essere al top».

Il suo futuro sarà al Genoa? «A fine campionato ne parleremo e decideremo. Qui mi trovo bene, c’è una tifoseria straordinaria, un gruppo solido e giovani interessanti come Omeonga, Salcedo e Biraschi. Insomma, tutti i giocatori sognano di vincere, di giocare in Champions. Io continuo a sognare anche il ritorno in azzurro. Ma qui ora ci siamo salvati a quattro giornate dalla fine, vorrei provare il prossimo anno a fare qualcosa di meglio».

C’è una cosa che tutti vogliono sapere. Che Rossi potremmo vedere domenica in campo? «Io sto benissimo, alla grande. Se non mi credete provate a chiedere ai miei compagni, soprattutto ai difensori».

3
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
oggettivo
Ospite
oggettivo

che palle con sta nazionale… magari se quando eri a Firenze non avessi forzato il rientro, non ti saresti ristroncato e potevi continuare a fare il fenomeno… invece nulla da fare. pepito pensa al genoa, sono loro che ti pagano

Violaceo
Ospite
Violaceo

Se questo stà bene (quasi mai) , e gioca , sono volatili per diabetici , io lo rimpiango ancora , uno forte cosi’ nella Viola , sarà dura rivederlo

riccardo
Ospite
riccardo

azzurro? perché no? forse i tornei sono la sua dimensione, talento cristallino – in tutti i sensi – per l’europeo -se le ginocchia reggono- potrebbe essere un buon giocatore assieme al pazzo balotelli.

Articolo precedenteGenoa-Fiorentina, oltre 650 biglietti venduti per il settore ospiti
Articolo successivoPioli ritrova Dabo, ma il francese andrà in panchina. Conferma per Saponara
CONDIVIDI