Saponara, l’occasione per la rivincita nello stadio che non l’ha capito

di Giampaolo Marchini - La Nazione

9



SEDICI minuti per sentirsi subito parte del gruppo e, soprattutto, per entrare nel vivo della squadra. Riccardo Saponara, nello scampolo di partita contro l’Udinese, ha fatto in tempo a essere il primo ad abbracciare Bernardeschi dopo il rigore trasformato dal numero 10 viola. Una sorta di ‘investitura’ considerato che Berna a San Siro non ci sarà perché il giallo rimediato contro i friulani farà scattare la squalifica (era in diffida). E quella di Milano potrebbe essere l’occasione giusta per Saponara per essere per la prima volta titolare con la maglia della Fiorentina. E’

DAVVERO strano il destino, anche quello dei calciatori. Saponara ritorna nello stadio che non l’ha capito. O meglio, non l’ha sostenuto quando da Empoli Ricky era arrivato a Milano – sponda rossonera – per fare il grande salto, dopo stagioni importanti con la maglia azzurra. Ma l’impatto con una grande squadra è stato difficile. Poche presenze con i rossoneri e pochissime soddisfazioni. Poco propenso a sopportare le pressioni. magari semplicemente è difficile riuscire a lasciare il segno giocando solo scampoli di partita, tra dito, più facilmente, dalla voglia di essere utile alla causa e quindi portato a strafare. Ma questo fa parte del passato.

UN PASSATO che Riccardo ha già dimenticato, rigenerato dalla cura empolese. Ora l’occasione con la Fiorentina. La seconda occasione per essere protagonista con un club importante come la Fiorentina e farlo alla prima da titolare contro il Milan avrebbe davvero un sapore tutto particolare. Sousa permettendo, ovviamente. L’allenatore portoghese ci starebbe pensando, piazzandolo dietro Kalinic, insieme a Chiesa e Borja Valero, che contro l’Udinese si scambiava la posizione con Vecino. Insomma, nella posizione dove può anche essere pericoloso con il suo tiro. Il sacrificato, in questo caso, sarebbe Ilicic che nelle ultime partite è stato ai margini della squadra. Lo sloveno sta pagando soprattutto l’esplosione dei ‘ragazzi’ terribili e anche il modulo. Anche contro l’Udinese Ilicic è rimasto in panchina.

E’ VERO che nel mezzo c’è una sfida importantissima come quella di Europa League contro il Borussia. Ma è probabile che Saponara inizialmente in Germania andrà in panchina. Ecco perché la partita di campionato è davvero quella giusta per essere subito protagonista. E soprattutto per l’Europa potrebbe ritornare in ballo proprio il numero 72 viola. Difficile decifrare le intenzioni di Paulo Sousa che in ogni occasione confeziona sempre una sorpresa negli undici iniziali. Le ultime proprio sabato sera con Babacar al posto di Kalinic e, soprattutto, Milic per Maxi Olivera, dopo che il difensore croato era scomparsa dai radar da lungo tempo. Per Milano, dunque c’è tampo, ma Saponara spera di mettere a posto i conti con i rossoneri, anche se lui non lo confesserà mai. Come è giusto che sia.

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
Ivo
Ospite
Member
Quando arrivi in queste squadre devi entrare dalla porta principale, cioè come giocatore pienamente affermato, sennò è difficile ritagliarsi uno spazio e il rischio di bruciarsi è grosso. Lui è passato dalla serie B al Milan. Nei top team, se arrivi da giovane talento e non da giocatore affermato dei vi stare tanto tempo in panca all’inizio, poi ti danno un paio di chance e se non le sfrutti subito ritorni in panchina per 2 mesi. E con le pressioni che ci sono là non è facile per un ragazzino fare bene. Pensiamo anche al Berna, si parla di Bayern, Chelsea e via dicendo, ma il giocatore non è minimamente pronto per fare la differenza a questi livelli in modo continuativo. Gli consiglio, per la sua carriera, di aspettare altri 2 annetti. Il percorso perfetto è stato quello di Bale, è andato al Real dopo 2 ottime stagioni al Tottenham… Leggi altro »
Andrea
Ospite
Member

Ha qualità e fisicita’,se farà suo il ruolo di mezzala in stile hamsik diventerà un giocatore di livello europeo

Gian Aldo Traversi
Ospite
Member

Vecino è un Merlo appena meno classico, ma più robusto e con più bordata. E’ un veltro elegante altro che cagnaccio! Lautréamont vuol leggersi quello che ho vergato di Cobham, il possente batterista di Miles (sul pdf, un’intera vetrina: si può far dare la mia e-mail dalla redazione di Fiorentina.it)?

Ilcontedilautreamont
Tifoso
Member

Con piacere Gian Aldo, basta che la redazione collabori nello scambio delle nostre email, in quanto residente in Cina, non posso aprire una miriade di siti italiani, soprattutto quelli giornalistici, tutti benedetti dalla censura neo-maoista.

Gigliocaldo
Ospite
Member

speriamo saponara segni il gol vittoria per la viola e che giustizia sia fatta

Bargan
Ospite
Member

Speriamo di vergargliele. È sempre bello vedere Galliani con la bile ingrossata.

Ilcontedilautreamont
Tifoso
Member

Il motivo del fallimento al Milan è presto detto. E’ andato a giocare nei due più terribili anni rossoneri, quello dell’ultimo Allegri e quello di Inzaghi. Quest’ultimo poi non lo vedeva nemmeno con il microscopio a scansione elettronica, e se è per questo nemmeno con lo stesso strumento i tifosi milanisti vedevano un barlume di gioco a centrocampo, ma quel genio dell’allenatore non ne voleva sapere e tanto bastò una sola prestazione del giocatore che venne rimandato al mittente nel mercato di gennaio. E Pippo Inzaghi ha continuato forse ad allenare? Si, in Lega Pro! Vi era sicuramente una fetta importante del tifo milanista che lo voleva in squadra, giacché a molti apparve che il blocco dei titolari fosse a fine ciclo e occorreva rilanciare con le giovani promesse, ovvero quello che sta facendo oggi quella stessa dirigenza infanticida. Spero che contro il Milan segni una doppietta.

Uccio
Ospite
Member

avendo in rosa bernardeschi e hagi molto giovani e piu’ fantasiosi con + classe forse credo mi piacerebbe che “qualcuno 2 ci lavorasse alla pirlo con due cagnacci come vecino e Sanchez ai lati

VIA I DV
Ospite
Member

GRANDE SAPONARA, VIA I DV

wpDiscuz
Articolo precedenteLe gare che valgono una stagione: Borussia, Milan e non solo
Articolo successivoRoma; Gandini: “Futuro Spalletti? Valuteremo insieme”
CONDIVIDI