Scartati alla Fiorentina, talenti fuori da Firenze

di Matteo Magrini - Corriere Fiorentino

31



Rimpianti per Mancini, Zaniolo e altri. Storia di giovani calciatori cresciuti nelle giovanili della Fiorentina ma esplosi lontano da Firenze

«Chi non fa… non falla». Traduzione: soltanto chi non fa, non sbaglia. Vale nella vita, e vale nel calcio. Soprattutto, vale per chi è chiamato a fare delle scelte. E così, può capitare di perdersi qualche talento per strada.

Tu chiamali, se vuoi rimpianti. Come riporta il Corriere Fiorentino, in questi giorni tutta Italia parla di Gianluca Mancini. Il ragazzo (che scherzo del destino ha esordito in A proprio contro la Fiorentina) gioca (parecchio) bene, è titolare nell’Atalanta, è un punto di riferimento dell’Under 21 di Di Biagio e che sarà aggregato con la Nazionale maggiore per la partita con gli Usa.

IL CASO. Una storia, la sua, che ha fatto discutere. Soprattutto l’estate scorsa quando, dalla Procura Federale, arrivò il deferimento per Atalanta e Perugia. Il motivo? Una valutazione al ribasso del suo cartellino al momento del passaggio dal club umbro a quello nerazzurro con lo scopo (secondo l’accusa) di abbassare il più possibile il premio da riconoscere alla Fiorentina (ai viola spettava il 50%). Le due società, poi, son state assolte. Oltre al danno, la beffa. E un rapporto con la società di Percassi compromesso.

IL GIALLOROSSO. E poi Zaniolo. Qualche anno nel settore giovanile della Fiorentina poi, al momento del salto in Primavera, il taglio. «La società ci disse che non era all’altezza», ha raccontato suo padre. In realtà, la storia è diversa. È vero, come sostiene Zaniolo senior, che suo figlio non fosse troppo apprezzato. Tanto che, con gli Allievi, non era nemmeno un titolarissimo. Fu lui però, nell’estate del 2016 a chiedere di essere liberato. Corvino (appena tornato) acconsentì. Fidandosi, non avendolo avuto sotto mano in prima persona, del giudizio di chi lo aveva preceduto.

Andò all’Entella, quindi all’Inter che, storia del giugno scorso, l’ha sacrificato sull’altare di Nainggolan. Oggi, Zaniolo, è sul punto di esplodere. Ha esordito in Champions (al Bernabeu), è stato convocato in Nazionale e (pure lui) ha giocato per la prima volta dal 1’ in Serie A al Franchi, contro la Fiorentina.

L’INTERISTA. A proposito. Ve lo ricordate Danilo D’Ambrosio? Era, il terzino oggi all’Inter, una della pianticelle più preziose per Corvino che però, tornato a Firenze, non lo trovò. Un peccato perché, oggi, è uno dei terzini più affidabili del campionato. Fino alla vendetta del 25 settembre scorso. Quel gol, a San Siro, costato alla Fiorentina una sconfitta a dir poco immeritata.

LO SPAGNOLO. Altro giro, altro terzino. Quello di Cristiano Piccini è ormai un tormentone. Bocciato da Montella e Sousa, è stato ceduto al Betis nell’estate del 2015 per 1,5 milioni. Eppure, per i due anni successivi, i viola avrebbero potuto riacquistarlo esercitando (per 2,5 milioni entro il 2016, per 3 nel 2017) un diritto di recompra. Non è andata così e ora Piccini gioca la Champions (col Valencia), ha esordito in Nazionale, e ha una clausola rescissoria da 80 milioni.

Una lista che rischia di dover essere aggiornata col nome di Ianis Hagi. Appena convocato dalla Romania e, soprattutto, votato miglior giocatore del campionato. Rispedito in patria (per 2 milioni più il 30% sulla futura rivendita) a causa dell’impazienza sua e (soprattutto) di papà George, presto potrebbe tornare nel calcio dei grandi. Dicono lo voglia la Roma. Ma nel calcio, ci sta. «Chi non fa…non falla». E parlare col senno del poi è sempre troppo facile.

31
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
unus
Ospite
unus

E’stato meglio puntare su Tomovic e soprattutto sull’immenso ed inimitabile Maxi .

Marcello
Ospite
Marcello

E Seferovic con Rebic dove li mettiamo?

PPincopallino
Ospite
PPincopallino

Non è che puoi contrattualizzare da professionista tutti quelli che escono dalla Primavera…. comunque anche Biraghi era dell’inter, e quindi?. Che articolo del cavolo.

arterioi(certaldo)
Ospite
arterioi(certaldo)

Biraghi s’e’ pagato baraccone

Morenmao
Ospite
Morenmao

Un solo rimpianto, Mancini è fortissimo! FVS

el Che
Ospite
el Che

che cazzata di articolo.
ma siano onesti per cortesia, questi cosidetti “talenti fuori” siederebbero in panchina a Firenze.
Li abbiamo dati via perche abbiamo di meglio. E se abbiamo perso delle plusvalenze chissenefrega.
Strano che quando c’e’ da criticare i lenzuolai si trasformino in ragionieri! Ma fate festa gobbi!

Argentinos
Tifoso
argentinos

Grande Che, te si che hai capito tutto!

mixer
Ospite
mixer

Ci vuol coraggio ad affermare che abbiamo di meglio.Mi riferisco in particolare a Zaniolo e Mancini.Il bello del calcio è leggerlo in ottiche diverse. Comunque il più grave errore di valutazione degli ultimi anni ha un solo nome: Rebic

Lucabilly1963
Tifoso
lucabilly1963

uno che si chiama el che andrebbe interdetto, farlo scrivere e` criminale.

Aristarco Scannabue
Ospite
Aristarco Scannabue

Zaniolo e Piccini giocano in CL e Mancini in EL e sarebbero riserve a Firenze? Ma si può essere più i…….i?

unus
Ospite
unus

E Maxi non si tocca ! Noi ” Di Meglio ” abbiamo il discount dove in genere il Corvo acquista.

Julinho
Tifoso
Manlio

Ma cosa devono dire allora l’inter che ha quasi regalato Coutinho che poi è stato ceduto per più di cento milioni al Barcellona oppure il Manchester che ha perso Pogba a parametro zero per poi ricomprarlo a 120 milioni.

Argentinos
Tifoso
argentinos

Il commento del servo

Lucabilly1963
Tifoso
lucabilly1963

da Manlio il commento del lecchino di turno

Pizzulaficu
Member
pizzulaficu

Un articolo da parco delle rimembranze caro Magrini, in tutte le squadre succedono queste cose, gli errori imperdonabili non sono questi ma quelli di avere visto centinaia d’acquisti senza capo né coda invece di pochi ma di valore. Si compra a dozzine come con le uova e le omelette sono sempre da pattumiera.

Gian Aldo Traversi
Ospite
Gian Aldo Traversi

Non sono i presidenti di calcio a dover decidere sulle questioni tecniche. Altro che sciabolino, tu sei un cretino!

doc rob
Ospite
doc rob

io mi domando se quelli che hanno postato le solite lagne da checchelle hanno letto l’articolo che poi hanno commentato

Sciabolino
Ospite
Sciabolino

Societa’ d’incompetenti Della Valle in testa a tutti , di scarpe forse ne capiranno anche , ma nel calcio fanno proprio pena…. Andatevene incompetenti

el Che
Ospite
el Che

e te vattene subito dietro di loro gobbo!

Argentinos
Tifoso
argentinos

Ma il. Che o non era un rivoluzionario??! Te mi sembri parecchio aziendalista. Forse prima di suggerire agli altri di cambiare squadra, potresti pensare a cambiare nome

Articolo precedenteIl giovane Alberto, il pallone smarrito e una giornata al centro sportivo con Chiesa & compagni
Articolo successivoBiraghi: “Importante fare esperienza a livello europeo. Felice di far parte di questo gruppo”
CONDIVIDI