Commisso: “Chiesa non sarà il mio Baggio. Società? Datemi tempo. Investire col FFP è dura, spero la UEFA ci aiuti”

177



Dopo un ampio antipasto, Rocco Commisso si presenta ufficialmente alla città di Firenze.

Prende la parola Rocco Commisso: “Ringrazio tutte le persone che lavorano per Mediacom, gli advisors di JP Morgan, Chimenti, tutti i miei figli, Joe. Nonostante il business via cavo sia molto veloce, non pensavo si potesse chiudere in maniera così veloce. In due mesi abbiamo chiuso tutto. Con tutti i rischi associati, lo abbiamo voluto fare velocemente. Quando ho incontrato i dipendenti ho spiegato: anche adesso dobbiamo fare le cose veloci. Lo stesso ho detto al sindaco Nardella ieri. So che è un mondo molto diverso, un modo diverso di fare business, ma ci proverò”.

“Ormai della mia storia sapete tutti: sono emigrato presto verso gli USA. Saluto tutti i miei paesani, per tutto quello che mi hanno dato. Il calcio mi ha dato tanto, mi ha permesso di . Mi ha dato una borsa di studio quando non avevo soldi. Il mio percorso nel calcio è iniziato nel 1967, anche se l’università non mi aveva visto giocare mi diede la possibilità di studiare e di fare un buon lavoro. Ho anche avuto la possibilità di allenare ragazzi, non ho giocato a livello professionistico perché non ero bravissimo. Dopo aver costruito il mio business posso finalmente tornare alla mia passione del calcio e dedicarmi alla Fiorentina”.

“Quello che ho trovato qui è una cosa inimmaginabile. A New York nessuno mi riconosce, vengo qui e tutti sanno chi sono. È indescrivibile. Sono stato gigliato dal sindaco, sono molto orgoglioso di portare avanti questo progetto. Venni qui nel 1973 per vacanza, ho visto così tante belle donne che pensai di fare tutta la vita il playboy qui. Due settimane dopo ho conosciuto mia moglie e sono sposato da 45 anni”. 

Come è avanzata questa trattativa e cosa mi ha convinto a comprare la Fiorentina? La prima offerta che ho fatto per la Fiorentina è arrivata nel 2016, nessuna risposta. Anche nel 2017 la famiglia Della Valle, che ringrazio con grande rispetto per i grandi sacrifici e investimenti e per come ci hanno dato la squadra, non mi ha risposto. Nel 2018 ho smesso di pensare alla Fiorentina, pensavo non volessero vendere. Non volevo perdere tempo. Ho provato con il Milan, ma è arrivato Mister Li, che poi è sparito. Ho fatto quest’investimento perché la città è bellissima, nonostante avessi ricevuto molte chiamate, anche di città del sud. Ci tengo a far sapere che non voglio far promesse che non posso mantenere. Abbiamo risorse per fare bene, abbiamo negoziato un buon prezzo per entrambe le parti, mi piacciono i rischi altrimenti non sarei qui”.

“Nuova dirigenza della Fiorentina? Non posso dare risposte precise. Sarò qui per altri 2-3 giorni, parte del mio team ripartirà oggi alle 18, mio figlio Joe resterà con me. Dovete darmi tempo, ad esempio Montello so che è in India e non posso parlarci. Siamo stati molto veloci, Berlusconi ci ha messo 2 anni per vendere, io 2 mesi. Perciò ho bisogno che mi diate tempo. Oggi ho parlato con i dipendenti: io sono molto leale, non sono qui per mandare via nessuno. Rocco in 23 anni di Mediacom non ha mai fatto un licenziamento. E sono anche qui per imparare, aiutatemi ad imparare. Ma sono molto veloce ad imparare, non insegnatemi troppo perché potrebbe essere pericoloso”.

“Bellissima notizia? Non possiamo ancora dirla. Non riguarda giocatori, non riguarda Salah. Salah non ritornerà nella Fiorentina. Forse qualcosa in America…”.

“Chiesa? Ho intenzione di tenere Federico Chiesa, almeno quest’anno. Non voglio fare di Chiesa il Baggio dell’esperienza di Rocco. Mi hanno assicurato che non c’è nessun precontatto e nessun accordo per il trasferimento di Chiesa. Non ho ancora parlato con lui, ma è in ritiro e domani deve giocare”.

“Sogno per Firenze e per la Fiorentina? Non prometto nulla. Sogno di investire in Italia. Ho 69 anni, devo farlo ora perché non so quanto ci sarò. Io sono Rocco, le decisioni le prendo io e non devo chiedere conto a nessuna banca. Non credo di essere stupido, gli investimenti che voglio fare sono intelligenti. Vediamo cosa succede, cerchiamo di risolvere gli aspetti alle infrastrutture. Non aspetterò altri 10 anni come la Roma, voglio fare veloce”.

Annuncio che la Fiorentina sarà in America tra un mese. A luglio giocherà con squadre come l’Arsenal nel precampionato estivo nell’International Champions Cup”.

“Che cosa porto di vincente nella Fiorentina? Non voglio essere arrogante, devo essere attento a ciò che dico. Devo imparare, essere accettato, essere umile. Così mi hanno cresciuto i miei giocatori. Non mi piace perdere, ma per le cose ci vuole tempo. Non dirò mai che vinceremo subito. Per me è importante rimarcare che una squadra italiana per la prima volta nella storia è stata rilevata da un emigrato dall’Italia”.

“Luca Scolari in dirigenza? Arriva Buffon? Inventate cose che non esistono. Il problema è vostro, non mio. Il problema in Italia è che qualcuno racconta storie riferite di persona in persona, che diventano completamente inventate. Non ho avuto il tempo di parlare Né con Montella né con Corvino. HO bisogno di tempo. Il motivo per cui resterò qui altri giorni è per affrontare queste situazioni. Non vuol dire che in 2 giorni avrò tutte le soluzioni. Capisco le pressioni, ma non voglio prendere decisioni stupide, ci vuole tempo. Sia Montella che Corvino hanno dei contratti, stesso discorso di Chiesa. Affronteremo tutte queste situazioni”.

“Squadre e giocatori che mi piacciono di più? L’Italia, quando vince. Club? Quando ero in Italia tifano la Juventus perché vinceva sempre. Ero qui nel 2006 a villa San Michele a guardare con gli americani l’Italia che vinceva il Mondiale contro la Francia. Siamo andati sotto il Duomo, nessuno voleva riportare a casa per nessun prezzo. Sono tornato a casa alle 6 di mattina, è stata una delle più belle notti di tutta la mia vita. Come squadra oggi, la Premier League non mi interessa. Nella Liga guardi Barcellona, Real e basta. In Francia c’è solo una squadra, non ho mai guardato il calcio tedesco. Ecco perché il calcio italiano è il mio calcio ed è il calcio in cui ho voluto investire. Il problema che c’è qua in Italia è che la Juventus sta monopolizzando tutto, io vorrei competere per offrire un’alternativa”.

“Come far crescere i ricavi della Fiorentina? E’ un problema del calcio ora come ora. Il problema è il fair play finanziario: se non ha introiti non puoi comprare grandi giocatori, se non investi in giocatori non cresci, se investi in giocatori violi le norme del FFP. Speriamo che i massimi esponenti della UEFA, che fanno favori a PSG, Manchester, Milan, facciano qualche favore alla Fiorentina. Io sarò il più grande lottatore per questo. Ho lavorato duro, non sono un petroliere, mi sono guadagnato da solo. Cercheremo di fare di tutto per avere quegli introiti. Inter, Roma hanno incrementato quegli introiti, vogliamo fare così. La Juventus fattura 450 milioni, noi partiamo da 100. Ci vuole tempo. Chiedo loro di darci l’opportunità di competere”.

Sono a grande favore del calcio femminile, ci punto molto. Da noi la squadra maschile e quella femminile giocano nello stesso stadio. In America e in altri paesi c’è un grande incremento per chi guarda questo sport”.

“Calcio storico? Mi ha già invitato il sindaco Nardella”. 

“Firenze passionale? In un giorno me ne sono reso molto conto. Sono stanchissimo, mi arrivano messaggi da mille persone. Fino a un certo punto lo accetto, ma devo dormire perché sennò non prendo buone decisioni. Ho bisogno di un po’ di pace per fare un buon lavoro, lavoro molto duro. Con Mediacom sono a un buon punto, che mi permette di occuparmi di questo nuovo progetto. Mediacom è stata la prima società USA a fornire 1 GB di velocità a tutte le case italiane, abbiamo battuto grandi aziende. Poter offrire ciò è impressionante”.

“Fiorentina attuale? Siamo un gruppo, un team, dobbiamo fare squadra. Ho visto la partita col Genoa, ho visto tanta paura nei giocatori, giocatori che potevano essere formidabili e che non riuscivano a fare le cose più semplici. Ovviamente mancava un po’ di fiducia, ma la stessa cosa era successa con Pioli e dopo con Montella. Non accetto mentire, rubare, barare. Ma se un lavoratore sbaglia, si può accettare. Basta che lavori. Se non hanno avuto successo forse è colpa della leadership”.

“Quanto tempo dedicherò alla Fiorentina? La volontà è di venire, ma non voglio promettere. Ho tante cose da fare: la famiglia, la salute. A New York ci sono due grandi team: i Red Bulls e i CFC (del City). In 2-3 settimane sono stato allo stadio più volte che la somma di quante volte i presidenti delle altre due squadre di NY hanno visto le loro squadre. Loro hanno pensato: dobbiamo fare qualsiasi cosa perché Commisso non abbia successo. Non c’è stata altra squadra, come i Cosmos, che ha cercato di migliorare l’immagine del calcio in America. Il calcio in America oggi è uno schifo. C’è una causa con l’MLS, conoscete tutte le motivazioni. In lega non ci sono promozioni e retrocessioni. Per ciò che è successo siamo stati retrocessi dalla lega B alla lega D. Grazie assai, ci vediamo presto, vi do qualche altra risposta. Ma lasciatemi dormire”.

177
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Roberto
Ospite
Roberto

Era e rimarrà un tifoso della Juventus, ma l’aria viola entra nel cuore e nell’anima prepotentemente, che nessuno riesce a venirne più fori, come è successo a me.
GARRISCA AL VENTO IL LABADO VIOLA ecc. ecc.. Tifoso Comasco

Raska.
Member
Raska.

Il FFP è stato creato ad arte proprio per questo: impedire ai club diversi dai soliti 7-8 di poter competere seriamente, malgrado proprietà ricchissime. Devono vincere sempre i soliti.

PolemicoViola
Ospite
PolemicoViola

Il FPF è chiaramente un’istituzione farlocca fatta per privilegiare i club con grossi bacini d’utenza, sebbene costruita in teoria per tutelare quelli economicamente più deboli. Non si può investire di tasca propria più di tot ma è permesso godere dei diritti TV in più dati semplicemente dal numero di tifosi, senza che vi siano misure compensative per le società più piccole da questo punto di vista. Quindi in sostanza non cambia niente, c’è comunque una discriminante ingiusta. Rocky avrà il suo bel daffare, e i suoi bei rischi, a cercare di combattere questo sistema mafioso, che fu a suo tempo… Leggi altro »

Piero
Ospite
Piero

Sicuramente é un personaggio nel senso bello del termine. Simpatico, ironico e pure furbo.
Sono felice sia arrivato qui.
Però, nella sua conferenza, un paio di passaggi mi hanno un pò colpito.
1) Business
2) Prima della Fiorentina ha cercato di acquisire altre società.
Questi due punti mi lasciano perplesso sul valore aggiunto che può avere un presidente tifoso.
Di Certo, questo i soldi li ha e pure tanti.
Spero solo che non veda la Fiorentina solo come un business…
Non mi interessa quanti pollici versi beccherò, ho espresso il mio parere.
Per il momento sono felice del suo arrivo.
Forza Viola Sempre e Comunque.
Fiorentino emigrato a Padova…

for the love of god
Ospite
for the love of god

mamma mia, bello chiesa per carità; poi magari fosse anche solo la metà di Baggio….

Iomiricordo
Ospite
Iomiricordo

Ecco se riuscisse a smontare il fair play finanziario sarebbe cosa santa. È una delle cose più infami mai viste, nato per portare equilibriorende di fatto impossibile alle squadre piccole di crescere e competere perché solo ai grandi è concesso di spendere

piero
Ospite
piero

Occhio che quando c’è un cambio di proprietà il fair play finanziario permette grosse spese come è stato per il milan e il psg, sta scritto nel regolamento uefa e non capisco perchè noi non si debba usufruirne come hanno fatto tutti.
Perchè nessuno lo ha riportato al signor Commisso?

Joe Bastianich Ds
Ospite
Joe Bastianich Ds

E’ un grande personaggio.
Speriamo riesca ad ottenere i risultati che tutti ci auguriamo.
Sarebbe curioso sapere che cosa pensano di lui i suoi dipendenti in Mediacom.
Sono già orgoglioso del nostro presidente.
Speriamo venga spesso a Firenze.
La sua simpatia è contagiosa.
Rocco, canta con noi.

Alex / Milano
Ospite
Alex / Milano

Da una intervista del 2017. “Se nel 2010 non mi sono unito a Di Benedetto per entrare nella Roma è anche per la mia lealtà alla Juve. Non l’unica ragione, però. A me piace essere al centro di un progetto e non avrei avuto controllo.”

Grottaferrataviola
Ospite
Grottaferrataviola

Lo sponsor del Cosmos è Fly emirates, Dubai, il cui fondo sovrano possiede il 25% di Toscana Aeroporti; la sponsorizzazione del Milan termina nel 2020….scommettiamo che non finisce qui?!?!

Articolo precedenteDalla Spagna: Muriel non rientra nei piani della Fiorentina di Commisso
Articolo successivoCommisso ai tifosi: “Non potevo immaginare che Firenze avesse questo calore. Grazie”
CONDIVIDI