Serie A, slitta a oltre capodanno il bando per i diritti tv 2018-2021

fonte Ansa

3



Diritti tv

Slitta oltre capodanno la pubblicazione del bando per la vendita sul mercato nazionale dei diritti tv della Serie A per il triennio 2018-21. Secondo quanto filtra al termine della riunione odierna della commissione diritti tv della Lega, si è preferito posticipare ai primi giorni di gennaio l’appuntamento, inizialmente previsto per la fine di dicembre, per non costringere i manager dei potenziali acquirenti a lavorare alle offerte durante il periodo natalizio.

Al momento è il 4 gennaio (non è escluso si possa andare qualche giorno più in là) la data ipotizzata per l’assemblea che dovrà deliberare il testo definitivo dell’invito a offrire, da cui i club contano di incassare un miliardo di euro a stagione: poi i soggetti interessati avranno tempo fino a lunedì 22 gennaio per presentare le offerte economiche per i cinque pacchetti, su cui non sono state apportate clamorose novità rispetto al primo bando annullato a giugno.

3
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
si ruzza
Ospite
si ruzza

Poverini …. i manager a lavorare a Natale … sia mai.

Claudio da Sasso
Ospite
Claudio da Sasso

Un miliardo all’anno per il.campionato italiano? E cosa ha da offrire questo campionato? Sette campionati vinti dalla stessa.squadra, distribuzione dei soldi non in base alla classifica, dove squadre che per anni sono arrivate dal settimo al nono posto prendono più della seconda e della terza. Il campionato la cui nazionale avrà la possibilità di rigiocare un mondiale tra più di quattro anni, ovvero otto dopo l’ultimo. Il campionato che viene giocato in stadi risalenti agli anni 30/50 del secolo scorso, dove l’ultima in classifica ha un punto dopo 15 giornate. Se ci riescono veramente complimenti, perché sarebbe un vero miracolo

Simone Magnani
Ospite
Simone Magnani

Bravo Claudio! E sottolineo i due conflitti di interessi:
1) Il proprietario del club che ha imposto l’iniqua ripartizione delle risorse è il main sponsor della FIGC, dalla quale dipende l’AIA (Associazione Italiana Arbitri)
2) Il proprietario dell’attuale capolista ha versato 240.000.000 di Euro per trasmettere la Serie A in Cina
Serie A: C o m p e t i z i o n e r i d i c o l a

Articolo precedenteIl Milan corre ai ripari: “Benevento non è la Cavese. Squadra contenta di Gattuso”
Articolo successivoAg. Rossi: “Nessun margine per ritorno a Firenze ma piazza sempre gradita”
CONDIVIDI