Sette giorni alla ripresa.. E l’addio silenzioso dei protagonisti del ciclo-Montella

0



La data del 30 giugno segna canonicamente il trapasso calcistico da una stagione all’altra. Tanti contratti in scadenza, accordi che finiscono e nuovi progetti all’orizzonte. Perché il giorno successivo, il 1 luglio, apre ufficialmente il calciomercato, con il formale deposito in Lega dei primi nuovi contratti. Prendiamo il caso della Fiorentina, che nel giorno di oggi vede ai saluti (in molti casi si tratta d’addio) diversi protagonisti degli ultimi anni. Punti cardine del ciclo-Montella, che ha riportato ai vertici del calcio italiano ed europeo la Fiorentina dopo un biennio di buio.

Un addio particolarmente silenzioso, per leader in campo e fuori dell’ultimo triennio. Da Pizarro ad Aquilani, fino a Neto e Vargas: quattro pilastri del gruppo di Montella, da domani ufficialmente ex viola. O forse, qualcuno, ufficiosamente, visto che per il Pek c’è ancora da valutare l’intenzione di gioco del neo tecnico Paulo Sousa (ricordando poi che l’anno scorso il cileno firmò il rinnovo addirittura ad inizio luglio), così come per Vargas (definito “un esempio per il gruppo” e uomo spogliatoio anche dalla società) il prolungamento potrebbe non essere ancora un’ipotesi da abbandonare (anche per la duttilità tattica del Loco).

E poi da valutare le situazioni di Diamanti e Gilardino, la coppia in prestito dal Guangzhou (società ambiziosa che ieri ha ufficializzato il centrocampista Paulinho dal Tottenham, ex obiettivo viola) che difficilmente tornerà in Cina: per i due ex Bologna il prestito a Firenze scade oggi, vedremo se potrà essere allungata l’opzione di riscatto e soprattutto se i tempi di riflessione potranno portare ad una conferma.

Lazzari, Lupatelli, Rosi, El Hamdaoui, Kurtic e Richards gli altri che hanno già lasciato i propri armadietti in riva all’Arno.

Senza contare il vero e proprio ago della bilancia del futuro viola: Mohamed Salah. Sul piano tecnico, questa sera scade il prestito annuale dal Chelsea, ma da casa viola assicurano che – grazie agli ottimi rapporti con i Blues l’opzione di rinnovo del prestito ed il diritto di riscatto in favore dei viola (entrambe le proposte fatte all’egiziano) potranno essere esercitate anche nei primi giorni di luglio. In ogni caso, questa sarà la settimana decisiva per Salah: prima di inizio ritiro, la Fiorentina si aspetta una risposta definitiva.

Ritiro che prenderà il via martedì 7 luglio, quando è fissata la partenza viola per Moena. Prima, però, altri importanti appuntamenti: il primo per le visite mediche, il 4-5 luglio, con il ritrovo di gran parte del gruppo agli ordini del neo tecnico Paulo Sousa (ed i primi importanti incroci tra i componenti della nuova Fiorentina), il secondo per i tifosi viola, che nella suggestiva piazza Santo Spirito (la sera del 6 luglio) potranno ammirare le nuove maglie ufficiali firmate Le Coq Sportif (a proposito, altro accordo che parte dal 1 luglio).

Dopo un mese di naftalina, insomma, i colori viola sono pronti a riemergere dall’armadio. Anche perché da domani, 1 luglio, partirà anche la campagna abbonamenti 2015/2016, e sarà curioso capire la risposta dei tifosi dopo settimane di tormentoni tra Montella, Paulo Sousa e Salah. Nel frattempo, tra una settimana, spazio agli allenamenti e alle prime tracce della nuova Fiorentina di Paulo Sousa. Ed a quel punto qualche dettaglio sarà più chiaro, dai lumi su Salah alle idee di gioco del tecnico portoghese.
Ultimi sette giorni di attesa, poi si riparte.

Autore: Marco Pecorini – Fiorentina.it

Commenta la notizia

avatar
Articolo precedenteSONDAGGIO FI.IT: Paulo Sousa, vi convince la scelta? VOTA!
Articolo successivoMercato portieri, Storari si avvicina al ritorno a Firenze
CONDIVIDI