Si riparte dal Franchi. L’obiettivo di Pioli: ricreare il ‘fortino’. E tornare alle medie Sousa-Prandelli

17



L’anno scorso appena 29 punti casalinghi, per l’Europa serve tornare al rendimento di Sousa e Prandelli.

Si riparte dal Franchi. Tre mesi e mezzo dopo quel Fiorentina-Cagliari 0-1 che segnò la fine della rincorsa europea. Una rimonta fino ad allora incredibile, figlia del dolore per la perdita del Capitano Astori. Una partita però ‘stregata’, contro i sardi, con i nervi a mille e il traguardo così agognato che si allontanava con il passare dei minuti. Con Veretout che perse la testa nel finale con un calcione costato tre giornate di squalifica.

Non ci sarà, di fatto, il centrocampista francese, al debutto davanti ai tifosi viola. Ancora da scontare due turni di stop per quella sciocchezza all’ultima al Franchi. E difficoltà che aumentano per la Fiorentina contro il Chievo. Primo impatto della nuova Fiorentina con la nuova stagione e con i tifosi: curiosità per vedere all’opera i nuovi, per rivedere rotolare quel pallone che, nonostante tutto, tiene a galla la passione di migliaia di fiorentini, e ha legato fin qui oltre 18 mila tifosi che si sono abbonati per la nuova stagione.

L’obiettivo di Pioli è ovviamente partire bene, perché solo i risultati possono dare convinzioni del lavoro fatto. E magari allentare quell’aria di contestazione che comunque, dopo un’estate non totalmente serena, aleggia sul debutto al Franchi. Soprattutto con la presenza di Andrea Della Valle in tribuna. Buon calcio e soprattutto vittorie potrebbero dare fiducia a tutti. Lo sa bene Pioli, così come lo sapeva bene Paulo Sousa, che proprio sfruttando l’avvio sprint nel 2015/2016 (l’estate del dopo Montella e delle mille polemiche) riuscì a portare – inaspettatamente – una ventata di entusiasmo. Il portoghese, del resto, sfruttò molto bene anche il ‘fattore-Franchi’: 38 punti casalinghi nel suo primo anno, 38 nel secondo, con una media esatta di 2 punti a partita in casa nei due campionati.

Mica male, considerando il ritmo-Pioli al Franchi, che conta appena 29 punti in 19 partite di A: una media di soli 1,53 punti a partita. Solo nel 2011/2012 (l’anno di Mihajlovic-Delio Rossi-Guerini e del rischio retrocessione) e nel 2004/2005 (l’anno del ritorno in A) la Fiorentina fece (poco) peggio in casa (28 punti al Franchi in entrambi i campionati). Insomma, la Fiorentina di Pioli, se vuole puntare all’Europa, deve soprattutto far tornare il Franchi ad essere un ‘fortino’, come veniva chiamato ai tempi di Prandelli. O qualcosa di simile, quantomeno. Difficile, del resto, arrivare a ripetere i numeri del quinquennio 2005/2010: 48 punti interni nel 2005/2006, 47 la stagione successiva, 40 nel 2007/2008, 44 nel 2008/2009 e 30 nel 2009/2010. Una media generale, considerando anche il calo a picco degli ultimi mesi prandelliani, di 2,2 punti a partita (con picchi di 2,58 e 2,47 nelle due migliori stagioni, rispettivamente con ben 16 e 15 vittorie interne).

Sì, a quei tempi il Franchi era un vero ‘fortino’. Termine che tornò d’attualità con Montella: nel 2012/2013, ben 43 punti nelle 19 gare interne, con una media di 2,26 punti a partita. Poi gli anni successivi la Fiorentina si specializzò nei record da trasferta, e al Franchi arrivarono 31 punti nel 2013/2014 e 33 punti nel 2014/2015. Medie comunque superiori al primo anno di Pioli.

Per questo il tecnico viola ha l’obiettivo di invertire il trend e far diventare davvero il Franchi una base di partenza per l’Europa. Ripartendo da quello 0-1 contro il Cagliari per superare limiti e difficoltà. Ripartendo da un Fiorentina-Chievo che fa tornare il magone in gola: fu, la scorsa stagione, l’ultima partita di Davide Astori. Ultime immagini del Capitano in maglia viola, quel 25 febbraio. Assist per il gol partita per Biraghi, gli abbracci e i sorrisi con i compagni. Non una partita come le altre, domenica al Franchi.

17
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Lucumone
Ospite
Lucumone

Tutto il popolo viola unito per spingere la squadra!
95 minuti Forza Viola!!!!!
Io c’è!

Massimo
Ospite
Massimo

Sousa lasciamolo perdere, una *********!

www.casaccaviola.com
Ospite
www.casaccaviola.com

Quest anno la squadra dovrà essere maggiormente trainante dello scorso … la stagione passata venivamo da una rivoluzione estiva per cui il pubblico era molto caloroso e tendeva a “coccolare “i giocatori … quest anno la squadra dovrà fin da subito infiammare lo stadio … .. AAAACERCO vecchie maglie Fiorentina anni 80-90 e vecchie sciarpe gruppi tifosi, contattatemi ad [email protected]

Bomber
Ospite
Bomber

Visto e considerato il fatto che non abbiamo nessun “ cronometrista “ in rosa…..fossi in Pioli almeno per le prime partite giocherei semplice: Catenaccio con un bel 5 2 3 puntato su ripartenze dei velocisti con lanci lunghi e inserimenti dei centrocampisti per le palle messe in mezzo dalle fasce. Poi se riesce a trovare una quadratura con un centrocampista di rottura davanti alla difesa e 2 incursori mediani che riescono a fare anche un po’ di possesso palla si potrebbe anche far divertire con un 4 3 3/ 3 4 3 oppure un bellissimo 4 2 4 …considerando che… Leggi altro »

Massimo
Ospite
Massimo

442 sempre!

marco mugello
Ospite
marco mugello

Le squadrette in casa ci mettono in difficoltà, ci vuole un Toni per scardinare di forza un catenaccio serrato… nel secondo tempo butti dentro palle su palle, tutti dentro, l’area diventa intasata ma l’esterno dell’area è tutto nostro e ogni due minuti puoi fare un cross, prima o poi Toni ne becca una e fa goal!!! Ricordiamo che il vituperato Baba è andato in doppia cifra praticamente con i soli secondi tempi alla disperata…. un goal ogni 130 minuti… questa capacità è la cosa che manca maggiormente in attacco… ci vorrebbe un secondotempista mostro, in casa… tipo quel colosso russo… Leggi altro »

Bomber
Ospite
Bomber

Tu dici di Dziuba….L ho visto dal vivo a San Pietroburgo nello Zenith….
Fortissimo fisicamente e quasi inmarcabile nel corpo a corpo su palle alte…tecnicamente ruvido ma per me vale almeno 20 milioni

Barbaro
Ospite
Barbaro

Ciao, sono un tifoso viola di campagna e volevo chiedervi qual’è il posto migliore per parcheggiare la macchina allo stadio?

Gianni
Ospite
Gianni

dipende l’ora di arrivo. In genere se vai dal viale volta verso piazza Edison trovi posto, sennò la salita che porta a Fiesole. Se arrivi da ultimo…auguri.

SATANELLO VIOLA
Ospite
SATANELLO VIOLA

SCOMMETTIAMO CHE FACCIAMO 6… PER L’AMICO PSEUDOVIOLA SOTTO

Pier
Ospite
Pier

Questa è una delle Fiorentine più scarse non vedo come si possa paragonarla a quella di Prandelli o del primo anno di Montella. Qui siamo a livello Mihajlovic o Pioli dello scorso anno. Quello che è incredibile è che si vuole raccontare un’altra realtà. Poi può succedere di tutto e che questa squadra stupendo tutti arrivi al 4/5 posto come che invece vada in serie B ma sulla carta tutti sappiamo che vale il 8/9 posto, il resto sono prese di giro.

michele
Ospite
michele

No pier…no dico, prendere in giro te, proprio te, come possono anche solo pensarlo…

Urs
Ospite
Urs

A tutto il tifo Viola in Svizzera: se hai Swisscom TV, per altri 29 Franchi al mese potrai vedere tutto lo sport (anche nella tua casa di montagna, se hai un iPad, PC o laptop). Almeno vedrai TUTTE le partite della Fiorentina e tutto lo sport coperto da Swisscom TV. Basta paraboliche, decoder e rogne varie….,,

. Arrivederci SKY!

Gallo Viola
Ospite
Gallo Viola

TUTTI ALLO STADIO!

Il Depresso
Ospite
Il Depresso

Un fortino disarmato…se tra Chievo e Udinese facciamo 4 punti e’ tutto grasso che cola…

Lorenzo
Ospite
Lorenzo

se giochiamo come lo scorso anno….. la vedo dura!!!!!

Biliapolis
Tifoso
biliapolis

Per me, senza Badelj giochiamo peggio, il modulo è palla avanti e spera in un intervento divino.

Articolo precedenteADV carica il gruppo: obiettivo Europa. I dettagli dei colloqui con Pioli, Corvino e Cognigni
Articolo successivoDiks tra i pre-convocati dell’Olanda U-21 per le gare con Inghilterra e Scozia
CONDIVIDI