Siena, Beretta pensa all’undici di Catania. Attenzione allA sorprese dell’ex D’Agostino

    0



    BerettaUn’ultima seduta, la sgambatura in programma questa mattina, poi Beretta sceglierà gli uomini che alle 21 affronteranno la Fiorentina. L’ipotesi più probabile è che il tecnico bianconero decida di affidarsi all’undici che ha sconfitto il Catania agli ottavi. Attenzione alle sorprese: già la lista dei convocati ha registrato qualche novità. Tra i 24 uomini c’è di nuovo Gaetano D’Agostino. E ci sono pure Belmonte, alla prima ufficiale dopo la squalifica di sei mesi per il calcioscommesse, e l’ultimo arrivato in casa Siena Gianvito Plasmati.
    In tribuna dovrebbe pertanto finire il terzo portiere Bucuroiu. Se l’allenatore della Robur deciderà di affidarsi al detto, «squadra vincente non si cambia», stasera al cospetto dei viola si presenterà un 3-4-3 esperto e spregiudicato che nel tempo è stato in grado di abbinare, come piace al mister, gioco e risultati. In porta allora Simone Farelli, tra i maggiori protagonisti di Catania. Nel pacchetto arretrato spazio a Matheu, Giacomazzi e Dellafiore. A centrocampo riecco il quartetto Angelo (diffidato), Pulzetti, Valiani e Feddal. Davanti il tridente Rosina, Paolucci, Giannetti. Due i ballottaggi: sulla corsia mancina Feddal sente il fiato sul collo del croato Milos, che quando impiegato, sia a destra che a sinistra ha sempre fatto bene, mentre Rosseti scalpita per togliere il posto a Paolucci.