Simeone e quella voglia di segnare in viola. Finora troppo solo davanti

di Matteo Dovellini - La Repubblica

3



La voglia è quella di chi indossa una maglia e si vuole identificare con quei colori, con una tifoseria che ti scruta e incita, con una città pronta ad abbracciare un nuovo attaccante sorridente e argentino. «Mi piacerebbe diventare come Batistuta», disse nel giorno della sua presentazione. Giovanni Simeone, ventidue anni e figlio di Diego Pablo che col Re Leone ha condiviso i successi della nazionale albiceleste, ha in mente un solo obiettivo: segnare. Presto. E dunque trovare la prima rete in maglia viola e sbloccarsi così in campionato dopo due gare da titolare e due sconfitte tra Inter e Sampdoria che hanno messo in evidenza le difficoltà della Fiorentina a trovare gioco, equilibri e gol.

I viola hanno sborsato 18 milioni di euro per portare a Firenze il figlio d’arte argentino che anno scorso ha siglato 12 reti in 35 partite con la maglia del Genoa in campionato. Indimenticabile la doppietta alla Juventus In Argentina la chiamano “garra” e a Simeone di certo non manca. Sono bastate le prime due di campionato per verificare la voglia e l’entusiasmo del Cholito. Così come sono bastate le prime apparizioni nelle quali ha giocato per rendersi conto che Pioli dovrà trovare le giuste soluzioni per non lasciarlo troppo solo.

3
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Francesco
Ospite
Francesco

Proviamo 3-5-2

Sinapsilondon
Tifoso
Sinapsi - London

Vai Simo vai!!!! Al Grifo in doppia cifra anche qua devi ripeterti vai Simo!! Sono sicuro verrà fuori una bella squadra ma dobbiamo ancora pazientare FORZA VIOLA SEMPRE

Rocco54
Ospite
Rocco54

Simeone non è più solo. una volta bocciato Babacar, ma non si è capito come mai nemmeno davanti a 18 milioni sia potuto rimanere, ma questi sono i misteri di questa povera Fiorentina, i dirigenti PRIVI di PROGRAMMAZIONE, hanno rimediato mettendosi in casa in poche ore due pezzi, assolutamente diversi tra loro in tutto, Thereau, usato garantito, una macchina vicina alla rottamazione ma ancora in grado di stupire (e lo farà), e il gioiellino (ora sono tutti gioiellini, una volta erano giovani di belle speranze) Lo Faso. sulla squadra Fiorentina, che dire, dopo 2 partite stare a zero punti dispiace… Leggi altro »

Articolo precedenteDelneri: “Thereau, prima lo supportavamo, poi lo sopportavamo. Meglio Maxi Lopez”
Articolo successivoLo Faso: “Ho sposato il progetto giovani, mi ispiro a Ronaldo. Ecco il mio ruolo”
CONDIVIDI