Simeone-Genoa, vai con la legge dell’ex. Il Franchi si aspetta un’esultanza dal Cholito

da Tuttosport

2



Lo scorso gennaio allo stadio Franchi, con la casacca del Genoa, ha segnato una doppietta contro la Fiorentina. Ma domani pomeriggio il Cholito Simeone indossa l’altro colore e sfida il suo passato. E i tifosi viola si aspettano che accada l’opposto e che l’attaccante argentino possa fare altrettanto, facendo un dispetto alla sua ex squadra. Certamente una gara speciale, condita di emozioni e ricordi da mettere in un cassetto per gli interi 90 minuti di gioco.

La scorsa stagione Simeone ha realizzato 12 reti in 35 presenze. Due di queste, il 29 gennaio 2017, contro Sportiello che quel giorno difendeva i pali al posto dell’infortunato Tatarusanu, e venne beffato dal Cholito prima su azione e poi sul rigore del definitivo 3-3. Freddezza e qualità in una serata in cui i tifosi genoani vedevano brillare il proprio campioncino. Il Cholito ha già conquistato buona parte di Firenze, per le prestazioni e ancor più per il suo carattere che spicca per grinta, determinazione e fame di gol. È andato in gol consecutivamente al Franchi nelle ultime 3 gare contro Torino, Roma e Sassuolo. Sempre a segno. Ha marcato e poi si è fatto coinvolgere dalla gioia proveniente dagli spalti.

Esulterà questa volta in caso di gol? Difficile a dire con certezza perché Giovanni Simeone questa settimana ha preferito rimanere tranquillo e non rilasciare dichiarazioni. Il suo compagno di reparto Thereau, prima della sfida contro l’Udinese, aveva chiaramente detto che avrebbe esultato in caso di gol. Ha fatto una doppietta e poi ha gioito, senza esagerare. A Firenze la speranza è che anche per Simeone possa valere la legge dell’ex.

2
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
DeiXo
Ospite
DeiXo

Ma chi se ne frega se esulta o no, l’importante è che segna

Ponzio
Tifoso
ponzio

Speriamo, una partita non facile, la squadra dovrà sorprenderci e vincere per confermare un trend positivo

Articolo precedenteLa nuova vita di Rossi: il ritorno al Franchi, un ex da applausi
Articolo successivoLa Uefa boccia il Milan: prossimo mercato low cost. Le possibili sanzioni…
CONDIVIDI