Simeone: “M’ispiro ad Icardi. Adesso voglio segnare anche al Franchi”

1



Ospite speciale negli studi di Radio Bruno Toscana, l’attaccante della Fiorentina Giovanni Simeone si è reso protagonista di una lunga intervista in cui si racconta a 360°. Queste le dichiarazioni:”Si sta bene a Firenze, c’è tanta storia è tanta arte. È bello vedere quello che hanno lasciato artisti come Brunelleschi. La tifoseria e la passione per il calcio si respira ovunque. Vedere la bandiera dell’Argentina al Franchi fa sempre piacere. Il cognome non mi pesa, io e mio padre siamo giocatori diversi. Figli d’arte in viola? Sono bravi ragazzi e non hanno problemi con il cognome. I risultati? Quando si perde si vede tutto nero, ma siamo una squadra giovane che nelle prime partite doveva ancora conoscersi. Ho fiducia in questa squadra, l’unica ricetta è il lavoro. I gol? Dopo quelli al Bentegodi voglio segnare presto  anche in casa. L’attesa per arrivare a Firenze? Ho aspettato tante settimane che si concretizzasse il trasferimento, l’attesa è stata un po’ lunga ma sono contento che poi sia accaduto. Dal primo momento che ho saputo di questa possibilità non ho mai avuto dubbi sul volere venire alla Fiorentina. I miei modelli? Tra quelli di adesso Icardi, ma anche  Suarez, Morata e Falcao, che seguivo già dai tempi del River. Troppo isolato in attacco? No, assolutamente, anche se dobbiamo ancora lavorare. La mia mentalità è lottare sempre, senza mollare mai. Chiesa? È giovane e deve crescere, ma lui lo sa e si allena tantissimo. Credo che possa diventare un grande giocatore, quando prende la palla lui pensa sempre a tirare e a volte glielo dico di guardarmi (ride), però se poi tira e fa gol va benissimo. Obiettivo stagionale? Pensiamo alla partita con l’Udinese, “partido a partido”. Cosa ti piace fare nel tempo libero? Gli altri sport mi interessano poco. Leggo, mi piace pescare e faccio meditazione un paio di volte a settimana per staccare. Il momento della nazionale argentina? Quello che sta accadendo è qualcosa che nessuno si aspettava, perché abbiamo tanti giocatori forti. Però questo è il calcio, e probabilmente il livello  negli ultimi anni è diventato molto più equilibrato e non esistono partite facili.

1
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Emidiocinosi
Tifoso
emidiocinosi

Ispirati a Icardi come giocatore ,ma non come uomo.

Articolo precedenteCarlos Sanchez: “La gente dovrà stare tranquilla. Pronti a tutto per andare al Mondiale”
Articolo successivoGiuseppe Rossi idea del Torino per sostituire l’infortunato Belotti
CONDIVIDI