Sottil e l’esordio in Serie A: “Emozione incredibile”

10

Il giovane esterno classe ’99 ha esordito ieri tra i professionisti, e in Serie A, nel finale di Sampdoria-Fiorentina.

Minuto 81′, cambio per Pioli: fuori Federico Chiesa, dentro Riccardo Sottil. E’ l’esordio in Serie A, e tra i professionisti, per il giovane esterno classe ’99, prodotto del vivaio viola. “Emozione indescrivibile”, il commento in una storia su Instagram per Sottil, che ha toccato pochi palloni a Marassi ma ha comunque fatto un passo importante nella sua carriera.

10
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Vanderone
Tifoso
Vander

Complimenti a Sottil e tanti auguri di una grande carriera spero di poterlo rivedere insieme ad altri giovani .Grande Pioli e Grande Sicietá che punta sui giovani.

Fabio
Ospite
Fabio

Per quelli che non hanno nemmeno visto la partita e commentano a vanvera “non ha nemmeno toccato palla” ed altre caxxate, vorrei dire che ero allo stadio, lato distinti e lo avevo sulla fascia proprio sotto di me, si è impegnato soprattutto in copertura, aiutando i suoi compagni ad arginare gli ultimi tentativi dei giocatori della Samp, si è anche proposto due volte davanti e sul tiro di Mirallas, che alcuni hanno elogiato invece ha fatto una vaccata unica, era completamente libero sulla destra al limite dell’area, se il belga gli avesse dato il pallone probabilmente saremmo qui a commentare… Leggi altro »

panda
Ospite
panda

Grazie .. un po’ di sana realtà nel mondo virtuale

walter
Ospite
walter

che sia entrato bene , ma non credo che abbia toccato nemmeno una palla

giuseppeů
Ospite
giuseppeů

Non ha toccato palla. Montiel e vlahovic valgono il doppio e sono costretti a giocarein primavera dove comunque sono devastanti

Aigor
Ospite
Aigor

E’ entrato in campo quando ormai la samp era praticamente padrona della partita, neanche gli altri attaccanti hanno toccato palla (a parte un bel tiro di Mirallas). Diamogli tempo zio caro

Pippo
Ospite
Pippo

Sottil titolare con la spal, è come chiesa!!

Bobbo
Ospite
Bobbo

Questo è il giusto processo per far crescere un giovane di 19 anni: aggregarlo alla prima squadra, farlo giocare a volte 10, 15, 20 minuti in gare comunque “vere” (cioé dove il risultato non è acquisito) e permettergli così di acquisire esperienza e consapevolezza dei proprio mezzi e delle situazioni dove deve migliorare. Speriamo sia finito il tempo dei rovinosi prestiti in B o Lega Pro per farsi le ossa(almeno per i giocatori più promettenti)!!!

Sergiop-Roma
Tifoso
Sergiop - roma

D’accordo. Io avrei tenuto anche Gori, come alternativa a Simeone…

Kiki
Ospite
Kiki

Sono proprio contento bravo continua così

Articolo precedentePjaca in rodaggio: prima fatica, poi manca il colpo da ko
Articolo successivoNiente paura, la Fiorentina archivia il ko di Napoli: reazione immediata
CONDIVIDI