Sousa aggiusta il tiro: Tino Costa e Zarate, gli specialisti su punizione… e da lontano

    0



    tino costaUN SOLO gol su punizione, cinque con tiri da lontano. In tutto 6 reti da fuori area in venti partite (Alonso su calcio piazzato contro il Milan, Rebic con un destro un poco sbilenco contro il Frosinone, Badelj con il destro deviato da Kalinic contro l’Udinese, Ilicic contro Chievo e Palermo, Roncaglia con la commovente complicità di Berisha contro la Lazio). Sei reti su trentasette sembrano poche, eppure nel campionato italiano solo il Napoli ha fatto meglio della Fiorentina in campionato (otto gol da fuori area), sfruttando soprattutto i traccianti di Insigne. L’arrivo di due specialisti come Tino Costa e Zarate non può che far piacere a Sousa, che nelle ultime settimane non è riuscito a rinnovare il gioco della squadra sottraendolo alle contromosse. 

    DALLA partita contro l’Empoli in poi, tutti gli avversari in base alle loro capacità e/o fisicità hanno messo in atto tre funzioni tattiche prestampate: pressing alto sui difensori che impostano l’azione, raddoppi di marcatura sugli uomini fra le linee alte (quasi sempre Borja e Ilicic), supercontrollo di Ilicic con i due centrali. Dal 22 novembre la Fiorentina ha vinto quattro partite, pareggiandone tre e perdendone altre quattro giocando sempre con gli stessi protagonisti. Avrebbero fatto comodo eccome specialisti dei calci piazzati e anche tiratori da lontano, essendo diminuità con il passare delle giornate la capacità di saltare l’uomo o arrivare in area attraverso verticalizzazioni.

    TINO Costa e Mauro Zarate hanno segnato molti gol sfruttando la loro potenza e soprattutto la precisione sui calci da fermo. Il primo, che è stato minacciosamente soprannominato «El canon» (non un grande cane, ma proprio un cannone) si è costruito la sua fama nella Liga quando era a Valencia, riuscendo a esportarla solo parzialmente nello Spartak Mosca e nel Genoa.
    Costa sta riemergendo da un infortunio e la sua convocazione è incerta, Zarate sbuca dalla Premier (West Ham) ed è senz’altro più pronto.