Sousa senza limiti: “Fiorentina avanti e poi sarà finale”

di Giovanni Sardelli - Gazzetta dello Sport

13



Qualche ossessione temporanea, come segnare ed essere concentrati. Propedeutica a quella finale: vincere. Dove, cosa o contro chi non importa. Quello che conta è canalizzare ogni goccia di energia verso l’obiettivo che ha stampato in testa. Questo sarà il presente di Paulo Sousa fatto di un giorno dopo l’altro fino alla fine della stagione. Poi il suo credo ed il suo calcio andranno altrove.

Magari proprio in Germania (non piace solo a Wolfsburg e Dortmund). O sempre in Italia (Juve?). Oppure in qualche altro top campionato: visto che il tecnico è, e resta, molto quotato malgrado una stagione eccellente in Europa, ma balbettante in Italia. Fino ad allora, però, testa solo al viola. «Il mio futuro passa dal presente», ripete da tempo Sousa, quasi fosse una filastrocca. E’ la sua convinzione, sono i suoi principi e soprattutto è ciò che concede a chi chiede. Giusto rispettarlo.

VOSi riparte dall’1-0 conquistato più con la forza che con la poesia al Borussia Park di Mönchengladbach. Anche se la traiettoria vincente di Bernardeschi resta un sogno balistico diventato realtà. Amministrare, però, sarebbe peccato calcisticamente mortale. «Il vantaggio ottenuto in Germania – incalza Sousa – non deve farci pensare di poterlo gestire. Altrimenti saranno guai. Dobbiamo attaccare e far gol. Con criterio. Ma solo segnando potremo passare il turno e l’ho ripetuto anche alla squadra». A proposito di turno superato, Paulo non arretra. «Confermo quanto già detto. Chi va avanti tra noi e Borussia può arrivare fino in fondo». Del resto le ossessioni non passano facilmente.

Il post San Siro è stato un diluvio di inchieste sulla formazione scelta dal portoghese. Gli esperimenti sono stati molti. Sanchez continua a giocare terzino, Salcedo dirottato a sinistra, Ilicic al posto di Saponara e Cristoforo quasi ala. Questi alcuni capi d’imputazione sulla squadra vista col Milan. Tutte scelte ampiamente difese anche ieri. «Voi analizzate il risultato, io penso ad altro. Abbiamo giocato per vincere e siamo stati superiori al Milan, non è stato un passo indietro. La qualità è stata buona, migliore di quella mostrata in Germania. È sempre il risultato della partita che influenza il giudizio esterno, ma io non sono un allenatore che per spostare il problema prende decisioni per rendere felici gli altri. Penso solo a migliorare la squadra per cercare di vincere». Parole ferme, ma l’animo è sereno. E anche il sorriso è tornato più ampio. Sousa vuole che passi solo un messaggio. Uniti per battere il Borussia, il resto non conta.

Chiesa ha saltato l’andata, Bernardeschi il Milan. Stasera ci saranno entrambi e dal talento freschissimo dei «Fede&Fede» i tifosi viola si aspettano parecchio. A proposito di tifosi. L’ultima carezza è per loro. «Ci danno il 20-30% in più e saranno fondamentali in questa impresa». Non ci sarà Milic, che ieri si è rotto il naso in allenamento. Dubbi in difesa con Tomovic e Sanchez che lottano per un posto. «Gioco con gioia dove servo – ha detto il colombiano – voglio dimostrare a tutti il mio impegno sempre massimo». In campo sarà battaglia, la posta in palio è alta. La vigilia è volata via all’insegna del divertimento. Testimoniato da un tweet del Borussia. «Ciao, Italia! Prego. Grazie. Bolognese. Gianluca Vialli. Questo è tutto l’italiano che conosciamo». Pronta la replica del club viola. «Possiamo suggerirvi anche «Dante, Antognoni e Lampredotto». Niente male.

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
RAFFAELE BONAVITACOLA
Ospite
Member

Il solito ottuso e presuntuoso fondamentalista. Pensa di aver inventato il calcio, ma a squadre invertite la gran parte degli allenatori delle piccole e medie- Giampaolo-Maran-Gasperini ecc gli darebbero vere proprie lezioni di calcio, visto che lo hanno già fatto con organici inferiori. Provate a mettere l’ottuso al Chievo e farebbe ridere col suo tic toc da operetta.

cerbero
Ospite
Member

ma ci piglia in giro?

paolo50
Ospite
Member

Dovrebbero conoscere anche “lattina” e “Boninsegna”. Sennò sono tifosi di mente corta.

SP61
Ospite
Member

chiacchiera meno e pensa meglio alle formazioni da mandare in campo

Gianfranco
Ospite
Member

Sousa era meglio averlo perso già lo scorso giugno, tanto lui rema contro per lo sgarbo subito a gennaio 2016. E questo lo sanno tutti, ma a tutti fa comodo tenerlo, così le colpe le fanno ricadere su di lui e basta. La società l’ha fatto apposta a non comprare terzini, così c’è un altro scaricabarile di colpe (Tomovic, Sanchez, Astori, ecc.). Purtroppo la Società è questa e finché il Comune non dirà NO alla Cittadella, resterà questa. Se tutto va bene e il Comune dice NO e loro venderanno, la speranza è che si faccia avanti qualche italiano (tanto i fiorentini non ci sono) che onestamente dica che farà una squadra da altalena fra A e B e poi staremo a vedere.

Claudio Granducato
Ospite
Member
Marco Mugello, ma non credi che, avendo giocatori buoni, non dico fuoriclasse, in ogni reparto, possibilmente anche con un potenziale sostituto in panchina o comunque giocatori per i quali si ha fiducia, qualsiasi allenatore andrebbe sul sicuro senza sperimentare? Per la proprietà transitiva opposta, non credi che, non avendo giocatori buoni in ogni reparto e neppure un sostituto in panchina o comunque giocatori per i quali si ha fiducia, qualsiasi allenatore sia costretto a sperimentare? Lungi da me difendere questo o quello ma direi che è evidente la mancanza di validi terzini. Se gioca Tomovic, apriti cielo… Se gioca chiunque altro, adattato, esperimento fallito. Vale pure per la fascia opposta come per le ali, ad esempio. Senza considerare il perenne problema a destra, la mancanza di valide alternative anche agli stessi Astori e Gonzalo non sono una preoccupazione? Un Alonso, un Savic ma anche un Basanta o un Pasqual non… Leggi altro »
Scudetto nel 2011
Ospite
Member

Dubitiamo fortemente

che i ciabattini, dottor gnigni compreso, abbiano mai assaggiato un panino con il lampredotto, figuriamoci se si possono permettere di consigliarlo ad altri.

E di Antognoni che dire, disconosciuto per 15 anni e adesso lo usano per farci i tweets online.

Che profonda amarezza

.

Speriamo almeno di non fare un clamoroso scivolone e di ripetere la semifinale con la Juventus di coppa Italia.

.

Un abbraccio

Il vostro Scudetto nel 2011

Mastiaccio
Ospite
Member

I panino co’ i’ lampredotto li mangiava Guerini, (fu il motivo per cui lo mandarono via), per questo lo sanno.

Piero Isolotto
Ospite
Member
vedi Paulo e’ vero i Milan lo abbiamo schiacciato. Loro avevano una squadretta con tanti titolari fuori. Datoche te non guardi solo il risultato, magari portresti notare il fatto che dei 18 tiri totali solo 8 sono in porta e che fra questi di pericolosi a parte 1 andato a segno non si annoverano miracoli di Donnarumma. Potresti notare che nella fase di costruzione siamo lenti, che una punta sola e’ isolata, che il centrocampo a due soffre e che noo copre a dovere la difesa, sempre lasciata in 1vs1. Cosi poi ce ne sarebbero altre… a me se passi tutta la partita nella lor meta campo collezionado claci d angolo che non sfrutti e tiracchiando in porta da fuori alla meno peggio non e’ che lo puopi giustificare come grande prestazione. Cosi giusto per non parlare del risultato come piace a te focato sul conecetto e i principi. Ma… Leggi altro »
Edoardo
Ospite
Member

Senza limiti è la mancanza di rispetto che il signor Sousa mostra nei confronti dei sostenitori della Fiorentina.

Asti Viola
Ospite
Member

Cioè conoscono Gianluca Vialli e non Roberto Baggio (pallone d’oro)? Sono messi bene…

Mastiaccio
Ospite
Member

Più della finale però no. Sennò si alza il tetto ingaggi, si fa la fine di Ceccogrullo e si spala la neve a Gubbio. Il massimo può essere solo il quarto posto in campionato e le finali perse in Coppa Italia e/o Coppa Uefa, qualsiasi vittoria ‘n’se po’…

Il rischio d’impresa nel calcio per questa, (Santa), Proprietà non è concepibile…

marco mugello
Ospite
Member

In qualsiasi campo solo un dilettante fa esperimenti su esperimenti senza compicciare niente, se ci devono volere mesi e mesi per trovare la soluzione migliore qualsiasi sia il problema, e si continua a girarci intorno, non è un buon segno…. Se non hai soluzioni, dai le dimissioni!!!!! Forse qualcun altro le trova…. o uno si agita per nascondere che sta fallendo tutti gli obbiettivi, e prima di andarsene dalla poltrona preferisce sembrare un politico italiano……. forse passeremo il turno, ma da qui a dire che andiamo in finale ce ne vuole….

wpDiscuz
Articolo precedenteIl Borussia Mönchengladbach ha un solo risultato, ma in difesa non sono fenomeni
Articolo successivoFiorentina-Torino: arbitra il sig. Giacomelli di Trieste
CONDIVIDI