Sousa, stavolta i calcoli valgono più della filosofia di gioco. Giovedì decisiva

di La Nazione

13



Giovedì sarà un giorno speciale e complicato, la Fiorentina sa bene che il destino della stagione dipenderà dal risultato della partita contro il Borussia. Sarà un giorno particolare anche per Sousa, che è sempre stato coerente – a volte troppo – alla sua idea di calcio propositivo basato sul possesso palla e sulla filosofia che i gol subiti non contano, basta segnarne uno in più dell’avversario. Pochi calcoli.

Invece giovedì sarà bene farne parecchi di calcoli, perché quella contro il Borussia Monchengladbach sarà la partita più importante della stagione. Lo sbarco eventuale negli ottavi di Europa League sarebbe un gran colpo anche per gestire con maggiore serenità l’improbabile rincorsa verso il sesto posto. Il Borussia arriva a Firenze convinto di poter recuperare e dalle parole dell’allenatore Hecking («Magari le porte a Firenze saranno più grandi rispetto alle nostre») traspare il senso del rimpianto per come si è snodato il match all’andata: dominio tedesco nel primo tempo con tre occasioni buttate, gol-chicca di Bernardeschi su punizione allo scadere, ripresa più equilibrata e confusionaria.

Al Borussia è rimasto il senso della grande occasione persa, ma rispetto al ritorno troverà una Fiorentina finalmente in grado di far giocare insieme Bernardeschi e Chiesa, i due che ora fanno la differenza.

Niente sarà scontato però, il pronostico è apertissimo. E per la prima volta – insistiamo sul concetto – Sousa dovrà dimostrare di saper calcolare gli effetti decisivi del risultato, impostando un piano-partita che abbia un senso compiuto. Non è esagerato dire che la Fiorentina si giocherà tutto giovedì sera e l’indubbio vantaggio che le consegna il gol di Bernardeschi non deve essere sopravvalutato.
Quindi, testa sulle spalle e in caso di svolgimento favorevole anche molta attenzione a mantenerlo ricordandosi della risposta che ha dato Zeman a chi gli chiedeva se non si sente troppo vecchio, a 70 anni, per tornare in panchina: «Io vecchio? Ci potrei stare altri 100 anni, almeno fino a quando ci saranno allenatori che insegnano solo il possesso palla».

Commenta la notizia

13 Commenti on "Sousa, stavolta i calcoli valgono più della filosofia di gioco. Giovedì decisiva"

avatar
ultimi più vecchi più votati
Vio
Ospite
Member

Sousa sei un bischero!

Svarowsky
Tifoso
Member

Eh…dopo quasi due anni a Firenze, con praticamnete la stessa rosa, sarebbe l’ora che il caro Sousa cominciasse a smetterla con esperimenti…
Non illudiamoci: in campionato il treno per l’Europal’é belle partito …ma da un bel po. Siamo troppo discontinui…Ne facciamo bene una e ne sbagliamo una e mezza. No,sarebbe l’ora di cambiare: non solo allenatore, anche motli giocatori che a Firenze sono arrivati al capolinea…Poi ci sarebbe il discorso presidente.ma si va sul ppesante…

SP61
Ospite
Member
Credo che domenica contro il Milan Montella abbia dato una bella lezione a Sousa e ai DDVV. Con lui la viola ha raggiunto tre quarti posti (il primo anno era un terzo posto se non ce lo avesse scippato proprio il Milan!!), una finale di Coppa Italia (persa male!!) ed una semi finale di E L. Con il “grande” Sousa un quinto posto, probabilmente un ottavo posto questa stagione (fuori anche dalla E.L. ) una eliminazione in Coppa Italia da parte del Carpi(!!!!) a Firenze, eliminazione dalla E.L. della passata stagione.Giovedì è l’ultima spiaggia ma quanto potremo proseguire? Cmq grazie… Leggi altro »
Frunky69
Ospite
Member

montella aveva ben altri giocatori

VecchioFrank
Ospite
Member
Giovedì sera conta solo passare il turno. Tutto, e dico tutto il resto, è secondario. Quindi, caro Sousa, niente esperimenti, nessun giocatore fuori ruolo, e che la formazione sia adeguata al tipo di gioco che ci serve. E in campo deve andare solo gente motivata, basta dover sentire a fine gara che “gli altri avevano più voglia di noi”. Se qualche calciatore ha la testa altrove, ed è svogliato, o visibilmente fuori condizione, si accomoda in tribuna. La gara sarà molto difficile, ma abbiamo un vantaggio, quindi sfruttiamolo; nessun attacco scriteriato, teniamo corta e coperta la squadra, ed evitiamo di… Leggi altro »
luca
Ospite
Member
non credo, come molti invece sostengono, che Sousa abbia insegnato alla squadra a non giocare a calcio o abbia fatto volutamente scelte tecniche “scellerate”. I risultati non sono positivi , e di questi normalmente paga l’allenatore; Quindi se Sousa il prossimo anno vuole allenare un’altra squadra e volesse una super squadra, sarebbe illogico che mostri ai suoi possibili acquirenti che “non ci capisca nulla”. O no!?!?!?!?….la verità e non lo si scopre ora è che la la squadra tecnicamente è scarsa, e meno male che ci sono tre/quattro giocatori forti che la tengono a galla. Giovedi sarà dura, perchè ogni… Leggi altro »
Martello viola
Ospite
Member
SCUSATE..MA È VERAMENTE FOLLE QUELLO CHE SCRIVETE…E ORA CAPISCO FA IL PAIO CON LA PARTITA CONTRO LA JUVE…QUESTA È UN’ANNATA SBAGLIATA SU TUTTO DAI 2 MERCATI FATTI ANZI NON FATTI AL PROSEGUO CON SOUSA ED AGLI OBBIETTIVI LE CUI PRIORITÀ SONO STATE TUTTE SBAGLIATE NON ULTIMA QUELLA DI MANDARE ALLE ORTICHE UN CAMPIONATO UNA COPPA ITALIA PER UNA E.L. TROPPO AMBIZIOSA PER QUESTA FORMAZIONE E VEDERSI IN FINALE È PURA FOLLIA E VUOL DIRE NON AVERE LA MIMIMA PERCEZIONE DELLE POTENZIALITÀ DI QUESTA SQUADRA NON CERTO DA FINALE…TUTTO QUESTO MI SAREBBE STATO BENE SE FOSSIMO A QUOTA LAZIO ATALANTA MA… Leggi altro »
marco mugello
Ospite
Member

Riposto questa verità assoluta…..deve fare riflettere. Ma tanto tanto….” Quindi, testa sulle spalle e in caso di svolgimento favorevole anche molta attenzione a mantenerlo ricordandosi della risposta che ha dato Zeman a chi gli chiedeva se non si sente troppo vecchio, a 70 anni, per tornare in panchina: «Io vecchio? Ci potrei stare altri 100 anni, almeno fino a quando ci saranno allenatori che insegnano solo il possesso palla».
Bravi davvero a pescare questa perla.

Pizzulaficu
Tifoso
Member
Sono d’accordo su tutto, sopra ogni cosa su quel che dice quel genio incompreso di Zeman . Non abbandono la mia idea che il bardotto portoghese abbia ricevuto delle precise indicazioni comportamentali dalla dirigenza, troppe evidentissime cose avrebbero dovuto far imbestialire la stessa. Non c’è stata alcuna reazione societaria ed allora sono autorizzato a pensare che vadano d’amore e d’accordo. Penso sul serio, e l’ho già scritto ad uso e consumo degli esimi tattici , che il modulo applicato dall’allenatore sia il 118 !! Fesseggiatemi pure, prima di farlo però vi invito a rifletterci bene e di non telefonare a… Leggi altro »
angelo scandicci
Ospite
Member
Allora. Sousa ha “semplicemente” mandato a monte la stagione per questioni personali di risentimento verso la società. Mi sembra chiarissimo che avevano ragione tutti quelli che dicevano che questo allenatore doveva essere mandato via a luglio (io nn ero fra questi ma avevo torto). Non penso sia uno sciocco, ma è evidente che ci stia usando per fare esperimenti tatticitecnici (e forse pure di preparazione), a discapito della squadra e dei risultati; così facendo peraltro, come ha già osservato qualcuno, prende in giro la società, ma sopratutto noi tifosi. I giocatori acquistati non andavano bene? sono scarsi? non ne ha… Leggi altro »
CALENZANO
Ospite
Member
Non sono d’accordo. Non e’ decisiva, decisiva e’ una finale. Spero ovviamente di passare il turno, ma poi vi immaginate con Roma o Manchester, non sara’ facile, ma non saranno decisive. Decisiva c’e’ solo la finale, senno’ tutte le partite son decisive, mi ricordo un anno che non arrivammo terzi perche’ perdemmo in casa col pescara, ma era decisiva fiorentina pescara? No, eppure poi lo fu. Per il modulo o filosofie o cose varie, non abbiamo una difesa presentabile nemmeno in serie b, percui l’unica cosa che possiamo fare e’ fare gol quanti ne faranno loro, o di piu’, non… Leggi altro »
Asti_Viola
Ospite
Member

Come si può dire che una partita ad eliminazione diretta non sia decisiva? Se perdi questa alla finale non ci arriverai mai. L’esempio col Pescara non regge, era una di 38 partite e solo alla fine si rivelò fatale (più che decisiva). Ma questa sai già a priori che se perdi sei fuori, quindi è decisiva per definizione.

CALENZANO
Ospite
Member

Ciao, ho il sospetto che stiamo dicendo la stessa cosa, ogni partita, specialmente se a eliminazione diretta, e’ decisiva in definitiva. Quindi e’ inutile dire ogni volta partita decisiva, come in campionato comunque, col pescara o con i gobbi i punti in palio son sempre tre, percui tutte son decisive

Articolo precedenteProgramma di oggi: allenamento al mattino verso la gara col Borussia di E.L.
Articolo successivoValzer delle panchine: tutti i nomi in ballo per la Fiorentina. C’è anche Ranieri
CONDIVIDI