Spareggio Mondiale: Milano, Torino o Palermo le sedi per il playoff di metà novembre

7



Il 17 ottobre la Fifa procederà agli accoppiamenti per i play off del Mondiale, che si svolgeranno con partite di andata e ritorno, il 9-12, il 10-13 e l’11-14 di novembre. Sarà definito anche chi giocherà prima in casa e poi in trasferta. E a quel punto la sede italiana del match: Milano (favorita) o Torino (JStadium) o Palermo nel caso dovessimo vedercela con la Croazia. Il 4 novembre Ventura renderà nota la lista dei convocati per lo spareggio. L’Italia si radunerà a Coverciano la domenica sera. Così riporta il Corriere Dello Sport.

7
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Braccinocorto.com
Ospite
Braccinocorto.com

Irlanda del Nord, Svezia, Irlanda, Grecia tutte abbrodabili su due partite. Non andare al mondiale sarebbe un disastro ed un duro colpo all’immagine della squadra, federazione e paese.

Fabriziofrancia
Tifoso
Fabriziofrancia

Basta con la nazionale

IL LIBANESE
Ospite
IL LIBANESE

Vedo bene anche la candidatura di Avellino!
Direi di organizzare una bella carovana di pullman a sostegno dei nostri eroi e magari tutti con gonnellone e borsa alla Bernardeschi tanto per non farlo sentire solo senza Lapo e Patrizia.

Biancorossoviola
Tifoso
biancorossoviola

Se le cose stanno effettivamente come scritto sopra, poiché con la Croazia non è possibile che ci giochiamo contro (le squadre sono entrambe teste di serie) questo significa che Palermo è già esclusa.

Sinapsilondon
Tifoso
Sinapsilondon

REDAZIONE Perché con la Croazia dobbiamo sempre giocare a Palermo? FORZA VIOLA SEMPRE

SATANELLO VIOLA
Ospite
SATANELLO VIOLA

peche’ napoli no…………E SPERIAMO DI NON INCONTRARE LA CROAZIA O LA SVEZIA .. SE NO I MONDIALE E SI VEDE DA I BINOCOLO……….MEGLIO IRLANDA O GRECIA…E DIO CE LA MANDI BONA……………………..

vedova rosicone
Ospite
vedova rosicone

Perchè non a Firenze, noi si che gli si vole bene alla Nazionale.

w M E X I C O. nostalgia canaglia.

Articolo precedenteA lezione da Pioli. Il tecnico della Fiorentina condivide il suo lavoro con i giornalisti
Articolo successivoArticolo del tifoso – Tutto il resto è noia
CONDIVIDI