Stadio, famiglia Casini pronta a cedere 38 ettari alla Fiorentina nel comune di Campi

210



Offerta alla Fiorentina per comprare un terreno di circa 38 ettari, ad un costo inferiore all’area Mercafir. Formalizzata la proposta alla società

La famiglia Casini (Alma Spa, Pointex) che fa capo a Carla Casini, madre di Alessio Ranaldo, presidente di Confindustria Toscana, insieme ai cugini, titolari della Manifattura Maiano, ha offerto alla Fiorentina un terreno di una superficie complessiva di 38 ettari a un prezzo notevolmente inferiore rispetto a quanto costerebbe alla società viola il terreno della Mercafir a Novoli, dove da tempo si immagina di costruire il nuovo stadio. L’offerta è stata formalizzata in questi giorni dall’avvocato Marco Baccichet in una lettera alla società, scrive Il Tirreno nella sua versione on-line.

Su quei terreni era già stata stipulata un’opzione di acquisto la scorsa primavera, quando al timone della Fiorentina c’era ancora la famiglia Della Valle. L’opzione vale solo per una parte del terreno e scade il 31 ottobre, ma non è una dead line. La famiglia Casini, tramite l’Immobiliare Centronord spa, sarebbe disposta ad aggiungere altri appezzamenti per arrivare alla superficie complessiva di 38 ettari.

Nel frattempo Rocco Commisso, il nuovo proprietario della Fiorentina, ha scelto Bagno a Ripoli per costruire il suo nuovo centro sportivo, ma ha ancora il problema dello stadio e non sembra convinto della soluzione Mercafir, che oltretutto presenta tempi molto lunghi. Joe Barone, il plenipotenziario di Commisso, ha già parlato col sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi, che farebbe ponti d’oro per avere lo stadio della Fiorentina nel suo comune. Ma si dovrà scontrare con l’opposizione del collega Dario Nardella, che ha detto che farà di tutto perché non si faccia lo stadio a Campi.

Intorno ai terreni di proprietà della famiglia Casini, nel caso la Fiorentina li scegliesse per il nuovo stadio, bisognerebbe realizzare le opere di urbanizzazione (strade e parcheggi) e il Comune di Campi Bisenzio sarebbe disponibile a fare le necessarie varianti urbanistiche. La famiglia Casini ha già fatto sapere che se l’affare andasse in porto, una parte dei proventi sarebbero versati alla Fondazione dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze.

210
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
AntonioViola
Ospite
AntonioViola

Dalle vicende in corso mi sembra di capire una cosa semplice: si giocherà al Franchi ancora a lungo, molto a lungo.

Meglio piglialla che pigliallo
Ospite
Meglio piglialla che pigliallo

visto che tanti dicano che su campi passeranno gli aerei, vorrei sommessamente far notare che per la mercafir il discorso è identico!
quindi o stadio o aeroporto bellini!
date un occhio qui
http://www.associazione-aeroporto-firenze.it/wp/aeroporto-firenze/pista-aree-di-rischio-e-stadio/

petrus58.bo
Ospite
petrus58.bo

Egoisticamente parlando dico : ..magari lo facessero a Campi B…….per Me logisticamente sarebbe comodissimo!!!……L’importante qua o la’ ..e’ che si diano una ‘mossa’ a porre la prima pietra ..e ROCCO vuole proprio questo ,non chiacchere e promesse politiche. FVdal1968.

Foglionco
Member
foglionco

solo una domanda : ma per una alienazione di una proprietà comunale non serve prima indire un’asta pubblica ?

fagiano
Ospite
fagiano

leccamercafir…. leccacampi….. ahahahahahahahaah

Paolo
Ospite
Paolo

Mercafir e basta

Mau 46
Ospite
Mau 46

Nardella e la Sua Task Force : ARRIVARONO I BRIGANTI E CINCI AL CULO A TUTTI QUANTI!!!

moViola
Ospite
moViola

La soluzione più semplice sarebbe di chiudere l’aeroporto e potenziare davvero i collegamenti con Pisa, dove gli aerei provengono e partono verso il mare, quindi senza pericoli per le aree abitate e dove, data la posizione, non ci sono mai problemi tipo nebbia. Tra l’altro già in precedenza il treno arrivava in aeroporto, prima di quell’obbrobrio del PisaMover, nato solo da uno scambio con gli svedesi per i permessi del Ikea. In tutte le grandi città gli aeroporti sono a distanze considerevoli ed i tempi di percorrenza sono assicurati da collegamenti efficienti. A quel punto ci sarebbe tutto lo spazio… Leggi altro »

Darth
Tifoso
darth

Ancora con questa novella dello scalo a pisa? Ancora con questa novella degli aeroporti tutti lontani nelle grandi città? Ti dico due cose: Linate, è a Milano, Milano città, per tua informazione, a 20 minuti dalla stazione centrale. Lo stanno potenziando. Bologna, aeroporto a 30 minuti di treno + 15 di mover da Santa Maria Novella, meno di un’ora di autostrada da Firenze. E vuoi spendere milioni per potenziare i collegamenti con Pisa? Se Firenze vuole essere una città centrale in Europa deve avere un’aeroporto, altrimenti rassegnamoci a non crescere mai dal punto di vista economico. Fate una scelta, assumetevi… Leggi altro »

fagiano
Ospite
fagiano

leccaeroporto chetati invece di scrivere falsità. Firenze non ha modo di avere un aerporto vero. punto.

David Amato
Ospite
David Amato

Le favolette secondo me le racconta lei, mi scusi. Firenze e’ una citta’ che qualunque turista visiterebbe nonostante la mancanza di aeroporto, come del resto e’ sempre stato. In merito allo sviluppo economico, secondo me l’aeroporto farebbe si comodo ma avrebbe comunque un ruolo marginale. I provvedimenti da fare secondo me sono altri.

Darth
Tifoso
darth

Vedo che non risponde nel merito. Ho fatto due precise affermazioni che dimostrano che il primo post è la solita demagogia, vuota e senza fondamento. I turisti sono sempre arrivati e sempre arriveranno lo dice lei, i numeri rispetto alle grandi mete dicono altro. Parlo di turismo di qualità, non il mordi e fuggi fatto da comitive che passano in città per un giro e un panino. Inoltre l’economia non è solo turismo e le imprese per crescere e radicarsi hanno bisogno di infrastrutture. Io ho una visione di un paese che ambisce a crescere e a diventare sempre più… Leggi altro »

SoloViola
Ospite
SoloViola

Ed i 1000 lavoratori vengono a mangiare a casa tua…con le famiglie ovviamente… che pzdmrd

fagiano
Ospite
fagiano

cita già pensato Renzi con la sua riforma del lavoro a levargli anche l’ultimo tozzo di pane fidati

Seghina
Ospite
Seghina

1000 lavoratori????? Ma dove gli hai mai visti???? In tutta Firenze se escludi i bottegai un ci sono 1000 persone xhe lavorano

Il Canguro
Ospite
Il Canguro

A parte che non ci sono 100 impiegati all aeroporto di firenze, la soluzione giusta sarebbe trasformare il terminal dell aeroporto in un piccolo termianal per check in e stazione di una linea (nuova) ferroviaria ultraveloce. A Pisa ci si arriverebbe in 15 minuti ed i lavoratori potrebbero lavorare la..

Il Canguro
Ospite
Il Canguro

E nuovo stadio al posto delle precedenti strutture della aeroporto

Lorenzo
Ospite
Lorenzo

concordo tranne per il discorso nebbia.
A Pisa ogni tanto c’è e chiudono tutto.

manuela
Ospite
manuela

Se tu se’ pisano dillo…!

David Amato
Ospite
David Amato

Non dimentichiamo anche l’aeroporto di Bologna, magari creando, se possibile, un collegamento ferroviario diretto

Darth
Tifoso
darth

Questo fare il tifo per l’ubicazione dello stadio è semplicemente patetico. Un misto di provincialismo, faziosità politica (come se in Italia esistessero politici capaci…) e banalità. Io faccio il tifo perché si faccia, dove non mi interessa. Chi deve investire farà tutte le valutazioni del caso, poi deciderà. Personalmente la soluzione più comoda è proprio il Campo di Marte, ma sarò ben felice di muovere il cxxxx per andare finalmente in un un’impianto moderno ed efficiente.

Viola dentro
Ospite
Viola dentro

Secondo me a Campi è possibile avere tempi e costi ben chiari e ben inferiori alla Mercafir. Se sceglieranno la seconda sono sicuro che fra qualche mese apparirà come x magia un intoppo, un imprevisto, una qualunque supercazzola che ribloccherà tutto. Poi fatelo dove vi pare io vado al Franchi, alla Mercafir, a Campi, in piazza del Duomo, alla Futa, …

Cristina
Ospite
Cristina

Infatti i commercianti hanno già fatto delle obiezioni

Ales
Ospite
Ales

Comprereste un terreno occupato dal mercato centrale dove operano decine di societa che danno lavoro a un migliaio di persone aspettare che lo stato espropri un terreno privato dove lo ricostruisca accontentando tutti poi faccia il trasloco e ponga limiti come posso costruire la mia casa. Quando con meta dei soldi compro un terreno libero più grande e posso costruire la casa come voglio…

Articolo precedenteFiorentina: domani conferenza stampa di Venuti e Pradè. Altro rinnovo in vista
Articolo successivoBatistuta: “Non ero un talento, ma sono migliorato. Il calcio non mi manca”
CONDIVIDI