Stadio, primi passi sul bando. Ieri la task force voluta da Nardella

Mauro Bonciani - Il Corriere Fiorentino

55



Ieri la riunione della task force con Sindaco, assessori e presidente della Mercafir. Allo studio la valutazione del prezzo di vendita dell’area e il cronoprogramma degli spostamenti

«Riunione in Comune con la task force per il nuovo stadio della Fiorentina nell’area #Mercafir. Basta polemiche, facciamo sul serio». Così con un tweet a metà pomeriggio il sindaco Dario Nardella è tornato alla carica sul nuovo stadio della Fiorentina. Il patron della società, Rocco Commisso, sarà a Firenze il 25 ottobre e per allora il sindaco vuole fargli trovare pronto anche nei dettagli il piano per realizzare l’impianto sportivo, entro 48 mesi, scrive stamani Il Corriere Fiorentino.

Così per un’ora e mezzo il primo cittadino e gli assessori allo sport Cosimo Guccione e all’urbanistica, Cecilia Del Re, assieme ai tecnici ed al presidente della Mercafir, Giacomo Lucibello, hanno analizzato lo scenario delineato dalla delibera di lunedì. Lavorando soprattutto sul bando per una parte dei terreni dell’attuale Mercafir e sui tempi e modi dello spostamento del mercato ortofrutticolo nell’area nord.

Il gruppo di lavoro voluto da Nardella si è riunito dopo la delibera di giunta che prevede la cessione del comparto sud della Mercafir così da costruirvi lo stadio di proprietà della Fiorentina e soprattutto dopo l’accelerazione data da Nardella per evitare l’eventualità che lo stadio si faccia a Campi. «Vogliamo rendere possibile l’ipotesi di realizzare uno stadio di proprietà privata, accelerando i tempi e senza impegnare risorse comunali nella futura manutenzione dell’impianto» ha spiegato lunedì il sindaco aggiungendo che gli incassi della vendita dell’area sud della Mercafir serviranno per la realizzazione nella zona nord del mercato ortofrutticolo. Così ieri, carte alla mano, amministratori e tecnici hanno iniziato ad esaminare il percorso che porterà alla perizia sul valore della parte da mettere in vendita e il cronoprogramma dello spostamento della Mercafir, così da liberare l’area in cui poi sarà costruito lo stadio. La consegna dell’amministrazione comunale è prevista entro 24 mesi ma far tornare il puzzle dei padiglioni da lasciare senza interrompere mai l’attività del mercato non è semplice, così come capire i costi dell’operazione e chi dovrà sostenerli. Servono certezze sul trasferimento del mercato, sia per il Comune che per la Fiorentina, e parallelamente sul bando di cessione dell’area che dovrà essere acquistata dalla società di Rocco Commisso.

55
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
mutu63
Ospite
mutu63

Per dispetto lo farei a Campi

Tucamazzo
Ospite
Tucamazzo

10 anni di niente e ora la task force? Niente come un po’ di pepe al cu.lo eh Sardella?

Tolomeo Cherici
Ospite
Tolomeo Cherici

Posso fare una domanda?

Ma se per costruire uno stadio, ci vogliono 25/30 milioni per il terreno, poi altri 150 diciamo per fare: lo stadio stesso, il commerciale, gli annessi etc etc, come si spendono i suddetti 25/30 milioni per costruire diciamo 1000 capannoni sopra un terreno giá di propietá del comune?

Gli faranno d’oro massiccio, ma qui tanta foga naturalmente vuol nascondere mazzette a destra e a manca.

O no? Nardella cosí inasprito non l’ho mai visto, anni e anni a raccontare frottole, poi la “Task Force”, si caro, per le tue Taske!!

Socrates
Ospite
Socrates

Commisso non ti far prendere in giro da Nardella e dai leccaNardella, lo stadio alla Mercafir non si fará mai. Fiorentini è l’ora di diventare meno provinciali e di aprirsi, Firenze non è famosa per le sue mura, la Fiorentina non è solo dei fiorentini ma di tutte le persone che la tifano, che siano di campi, di Fucecchio di incisa o di San Giovanni. Commisso per favore sono anni che raccontano la favoletta dello stadio e questi bocchi fiorentini continuano a votarli… Come è decaduta Firenze una volta luogo di cultura e innovazione, adesso luogo di ignoranza e servilismo.… Leggi altro »

Dar88
Ospite
Dar88

Ragazzi, almeno noi non prendiamoci in giro. Non si possono paragonare le tempistiche tra Campi, dove devono essere realizzate delle strade in prossimità dello stadio e potenziate quelle successive, e la Mercafir, dove deve essere spostato un mercato intero. Se a Campi non sono 3 anni, realisticamente possono essere 4 o 5, ma alla Mercafir non sono sicuramente 4, che è la versione più ottimistica detta da Nardella, ma molti di più, vista la moltitudine di inconvenienti che possono venire a crearsi.

Pinogoodman
Member
pinogoodman

Il sig. Nardella se la sta facendo addosso, per paura di Campi.
Secondo me è la soluzione ideale.
C’è il terreno, libero, non si deve spostare alcunchè’, sarebbe da strullo non farlo a Campi.

pippo77
Ospite
pippo77

siamo in italia: basta che un lavoratore della mercafir alzi un dito che parte un ricorso, basta che uno pseudo ambiebtalista metta su un comitato che ai blocca tutto, basta un piccolo nodo burocratico, un avvocatucolo in cerca di gloria, un ragnolo che piscia che si blocca tutto.
Serve un terreno libero dovunque esso sia, Campi, Novoli, Signa…. dovunque ma LIBERO.

CALABRONE NERO
Ospite
CALABRONE NERO

Commosso gli basta dire ho 10 ruspe ferme pronte a partire chi mo da prima l OK faccio lo stadio

Sfiammacarciofi
Ospite
Sfiammacarciofi

L unico modo per fare fast….? Convincere Rocco a comprare anche la Mercafir.

montecatiniviola
Ospite
montecatiniviola

Ultim’ora, Mercafir al Franchi. Banchetti sulle scale elicoidali e campo di gioco adibito a coltivazione pomodorini km zero

Articolo precedenteFiorentina, il pericolo parte (quasi sempre) dai piedi di… Pulgar
Articolo successivoA Brescia servirà anche un super Drago per fermare Balotelli
CONDIVIDI