Tifosi divisi sui Della Valle. Contestazione e lavoro per tornare uniti contro la Roma

    0



    Tifosi Fiorentina - ChievoUn messaggio duro e inequivocabile, ma anche la voglia di trovare di nuovo una strada comune. La Fiorentina sta vivendo ore di grande tensione ma ora dopo ora c’è chi lavora per trovare una via comune fra i Della Valle e i suoi tifosi. 
    Dopo la notte del comunicato della curva Fiesole, dopo le prime ore del giorno piene di commenti e di preoccupazioni con l’intervento anche del sindaco della città, dopo l’aria di rottura che ha spaventato davvero tutti, dopo una città che è parsi spaccarsi, c’è stato il pomeriggio nel quale la diplomazia sotterranea ha iniziato a cercare di ricostruire. Ora l’appuntamento con il Franchi, il 18 nel match con la Roma, fa un po’ meno paura. Ci sono due settimane per far sì che le «Penelopi» del gruppo Della Valle e i leader del tifo, trovino il modo di rammendare la situazione. 

    Oltre all’opinione dei club della Fiesole, scrive Il Corriere dello Sport – Stadio, esiste anche un partito pro-Della Valle. Insomma città in buona parte divisa. Il presidente dell’ATF, associazione tifosi fiorentini: «Nel tifo viola ci sia un sentimento generale di insofferenza e scarsa soddisfazione per quello che è stato fatto in questa finestra di mercato. Una parte del tifo però attenderà quello che dirà il campo, che rimane un giudice sovrano».  
    Atteso il commento del sindaco della città, Dario Nardella: «Non do un giudizio tecnico, certo non mi stupirei se ci fosse qualche delusione da parte di alcuni tifosi – le parole ripotate da firenzetoday -, ma credo che alla fine la società abbia fatto un buon lavoro. Mi pare che tutti i reparti siano coperti bene. Tifiamo Fiorentina e speriamo che prenda subito il ritmo giusto. Lo stadio? Sento spesso i Della Valle e da parte anzi tutto di Andrea c’è una grande passione e concentrazione per gli obiettivi della società. Questo vale anche per lo stadio. C’è un confronto con i nostri tecnici per andare avanti con questo progetto». 

    Toccherà ai Della Valle la prossima mossa. Potrebbero, come nel passato, irrigidirsi e scegliere…l’Aventino, oppure dare un mandato a Corvino (stimato da tutte le parti) per cercare un chiarimento.