Torino-Fiorentina, l’ALFABETO VIOLA..A Torino per la sesta di fila..

    0



    Alfabeto ViolaLunch match a Torino tra Toro e Fiorentina. Senza Pepito Rossi i viola, senza Immobile i granata. Questo l’Alfabeto Viola di Torino-Fiorentina: 

    A come ALESSIO CERCI E’ IL LORO MESSI  “Alessio Cerci è il nostro Messi”, era un coro ironico con il quale Firenze appellava l’esterno romano nel suo periodo viola. Adesso Cerci è il Messi del Toro, rinato con il suo mentore Giampiero Ventura, col quale tuttavia non mancano le litigate e i problemi caratteriali, ma sul profilo tecnico e di rendimento niente da dire. Quest’anno 9 gol e 7 assist, con la voglia di rifarsi contro la Fiorentina. L’anno scorso segnò all’andata ed al ritorno..Quest’anno speriamo di no..

    B come BUON COMPLEANNO BORJA Lo spagnolo della Fiorentina compie oggi 29 anni. Firenze è impazzita per lui, todocampista, grandissimo giocatore, ma grande uomo in primis. E festeggiare il compleanno con un bel regalo di compleanno, magari con un gol, non sarebbe di certo male..Firenze ci spera.. 

    C come CERCASI SESTA DI FILA Fiorentina reduce da 5 vittorie consecutive tra campionato e coppe. La squadra viola prova a centrare la sesta oggi, su un campo dove fino ad oggi è passata solo la Juve (con gol in fuorigioco). Vincere oggi vorrebbe dire tantissimo, senza Pepito, senza Gomez, in emergenza, e su un campo difficile. 

    D come D’AMBROSIO Ormai l’esterno difensivo del Toro sembra destinato ad altri lidi. L’Inter è in vantaggio su tutti, ma piace anche al Milan. Pradè lo ha seguito molto da vicino, lui che è stato anche nelle giovanili della Fiorentina e che poteva tornare a Firenze, ma che a sto punto è quasi impossibile 

    E come EL TORERO JOAQUIN Per lo spagnolo potrebbe esserci una maglia da titolare anche oggi contro il Toro. Dopo il gol al Chievo Joaquin convince sempre di più..Certo, per lui, segnare e fare il gesto del torero, a Torino, bè..sarebbe davvero speciale.. 

    F di FACUNDO IN ASCESA Era scomparso dai radar viola diventando la seconda scelta dietro a Tomovic. In campionato non giocava da ottobre, poi la risalita. Titolare col Livorno e col Chievo Facundo ha fatto benissimo, e le voci di una possibile partenza sono state allontanate. 

    G come GOMEZ-ROSSI Attesa, sognata, prima, e quasi mai assaporata. 4 volte soltanto l’abbiamo vista per un totale di 261 minuti. Prima l’infortunio di uno, poi quello dell’altro mentre Gomez stava rientrando. E adesso l’attesa per la prossima stagione. Rossi-Gomez promette spettacolo, ma quanto si fa attendere..Maledetta malasorte.. 

    H come HOIHOI..CON QUESTO BORRIELLO Non c’è sessione di mercato che si rispetti senza che il nome di Marco Borriello spunti per l’attacco della Fiorentina. Accade così da una vita, salvo poi arrestare il tutto alla scoperta che Borriello guadagna 3 milioni di euro. Adesso c’è il West Ham su di lui, anche se l’attaccante della Roma vorrebbe restare in Italia. Chissà che per una volta non sia la volta buona per vederlo a Firenze, anche se non pare essere certo la prima scelta di Pradè e Montella. 

    I come ILICIC FALSO NUEVE Senza Rossi e Gomez lo sloveno farà il falso nueve alla Fabregas. Paragone importante per Ilicic, che fino ad un mesetto fa era pressoché un oggetto misterioso. Poi il gol al Bologna e le presenze da titolare contro Sassuolo con tanto di palo e Livorno. A lui il compito di buttarla dentro, oggi più che mai. 

    L di LUNCH MATCH 6 successi, 7 pareggi  ed 1 sola sconfitta. La tradizione del lunch match non dice male alla Fiorentina, che nelle gare all’ora di pranzo ha ottenuto 25 punti in 14 gare giocate. Quest’anno però sono arrivati i pareggi col Cagliari e la sconfitta di Roma..Adesso serve tornare a vincere.. 

    M come MATRI PIACE, LA NARGI ANCHE DI PIU’ Alessandro Matri piace, è l’obiettivo numero uno della Fiorentina per rinforzare l’attacco a Gennaio viste le assenze di Gomez (temporanea) e Rossi (tutta la stagione). Piace, lui, ed anche la fidanzata al popolo viola, che vedrebbe di buon grado un suo arrivo a Firenze per vedere da vicino ogni tanto la splendida Federica Nargi..Anche se al momento, a prevalere, è l’aspetto calcistico, ovviamente. 

    N di NON SEGNA IN CAMPIONATO DAL 27 OTTOBRE Juan Cuadrado sarà anche oggi titolare, Montella vuole qualcosa di più dal colombiano. Soprattutto sotto porta ed in fase realizzativa. Ha segnato solo due gol in campionato quest’anno a Verona col Chievo, a fronte di un potenziale dimostratosi essere pressoché infinito. Cuadrado vuole e deve tornare a segnare. 

    O come ORGOGLIO GRANATA E VIOLA Sarà una bolgia l’Olimpico di Torino oggi, oltre 20 mila tifosi con anche 1000 sostenitori gigliati che tutti uniti, in nome di un gemellaggio decennale, ogni tanto si lasceranno andare ad un chi non salta bianconero è che regalerà brividi ed emozioni..La Juventus è il nemico comune..Orgoglio viola e granata 

    P come PEPITO NON MOLLARE Lesione di secondo grado al collaterale mediale, più sollecitazione al crociato. 3 settimane di stop, riabilitazione, e poi la nuova visita per vedere un po’, soprattutto come sta il crociato che preoccupa casa Fiorentina. Il Dott. Steadman tra tre settimane ci farà sapere di più. Firenze attende notizie, l’Italia lo aspetta fiduciosa per il mondiale, anche se i tre mesi di stop sono cosa praticamente fatta. Quindi stagione finita con la maglia viola 

    Q come QUATTRO DI FILA SENZA PRENDERE GOL La difesa viola si è riscoperta forte tutta insieme. Finita sotto accusa per diverso tempo, da 4 gare non prende gol. Chievo-Livorno-Sassuolo-Bologna, senza prendere gol con vittoria. Oggi Neto prova a fare la quinta da imbattuto 

    R di REBIC E WOLSKI Giovani viola crescono, ma ancora non soddisfano a pieno. Il giovane croato ha trovato il primo gol in maglia viola in Coppa contro il Chievo, Wolski ha servito l’assist per il gol di Joaquin, ma sono ancora troppo acerbi..Devono crescere, ma le potenzialità ci sono 

    S come SPETTACOLO GARANTITO Ventura e Montella sono due garanzie. 2-2 e 4-3 l’anno scorso, 3 gol di media a partita tra fatti e subiti per i viola, 3,22 per il Toro. Con questi due tecnici in panchina lo 0-0 è roba dura da vedersi. Peccato per le assenze di Immobile da una parte, ma soprattutto di Rossi dall’altra. 

    T come TI RICORDI OSVALDO?  Pablo Daniel Osvaldo al minuto 73 di un 18 maggio qualunque..e la Fiorentina dopo le due Champions negate da Calciopoli tornava in Paradiso..Quel gol in rovesciata non se lo dimentica nessuno, impossibile..Quel gol è ancora il segno di una giornata di gioia immensa.. 

    U come UNA SOLA VITTORIA TORO NEGLI ULTIMI 13 ANNI L’ultima sconfitta a Torino per i viola è della stagione 2001-02, decise un gol di Scarchilli, e quella Fiorentina si avvicinava sempre piu’ alla retrocessione sul campo che precedette il fallimento della presidenza Cecchi Gori.

    V di VAI VERONA! Spera in un risultato positivo la Fiorentina che arrivi da Verona. Al Bentegodi c’è Hellas-Napoli,e se la corsa degli azzurri di Benitez si fermasse, bè, il sogno Champions tornerebbead essere meno miraggio vista la settimana triste che Firenze ha vissuto con l’infortunio di Pepito 

    Z come ZERO VITTORIE CON VALERI Con  l’arbitro Valeri il bilancio Viola è assolutamente da tabù: su 9 direzioni totali, la Fiorentina non ha mai vinto una partita, ben 7 pareggi e 2 sconfitte. E’ il momento di rompere la maledizione…