Torna il maestro Borja Valero: “State sereni, la stagione è ancora aperta”

    0



    Borja ValeroBorja è il più insostituibile di tutti e quasi arrossisce quando un giornalista danese gli chiede se è vero, lui per caso si sente così? Sorriso durante la traduzione. Poi la solita voce bassa, un po’ da cantante d’opera vestito con la tuta sportiva: «Qualsiasi giocatore può essere sostituito da un altro. Questo vale anche per me». Sintetico Borja, marcato stretto da Montella durante la conferenza stampa di presentazione del match. Solito teatrino in salsa mista. Battute, qualche frecciata, poche verità. Ma ascoltare Borja comunque è un piacere: «Non è vero che siamo stanchi, lo dico io che sono il più riposato di tutti perché non ho giocato le ultime due partite, ma dall’esterno i miei compagni li ho visti in forma». Montella lì accanto conferma. Ma non era stato proprio l’allenatore a rivelare che la squadra era un po’ sulle corde? Montella _ e qui facciamo un’intrusione all’interno dell’intervista a Borja _ risponde duro: «Gli allenatori spesso dicono bugie e a volte anche qualche verità».
    Torniamo a Borja, che assiste alle puntualizzazioni di Montella senza cambiare espressione: «La nostra stagione è ancora tutta aperta, siamo in una buona posizione in campionato e ci siamo già guadagnati l’accesso alla finale di coppa Italia. Il terzo posto per andare in Champions è ancora alla nostra portata e in Europa League abbiamo l’opportunità di giocarcela. Certo contro l’Esbjerg dovremo stare molto attenti, loro sono arrivati a questo punto meritandosi la qualificazione e battendo avversari molto forti». Per chiarire ancora di più il concetto a proposito del clima interno alla Fiorentina: «Aver raggiunto la finale di coppa Italia è un bellissimo risultato, ma non ci sentiamo appagati. Abbiamo una grande possibilità quest’anno per ottenere risultati di tutto riguardo su più fronti, non dobbiamo farcela scappare. E, state tranquilli, ci proveremo fino in fondo».