Totalmente dipendente..Non so stare senza…Borja Valero

    0



    Esbjerg - Fiorentina Borja ValeroSarà un caso, anzi no. Torna Borja Valero e la Fiorentina torna a vincere. Dopo la settimana di stop forzato per squalifica, lo spagnolo si è ripreso le chiavi del centrocampo gigliato e la squadra di Montella è tornata a vincere.

     

    Dal keep calm and pass to Borja, al Borja il Magnifico, passando per un né vodka né pampero, ubriachi di Borja Valero, arrivando fino al c’è solo Borja Valero.. C’era una volta la Pek-dipendenza, oggi la squadra gigliata non può proprio fare a meno del suo todocampista. Lo spagnolo è un intoccabile di Montella, che non lo lascia fuori praticamente mai. 

     

    L’anno scorso ha saltato solo una partita, a Cagliari, per squalifica, e guarda caso fu sconfitta. Quest’anno solita musica, sempre presente, o quasi. Assente contro l’Inter, con ko, assente contro il Genoa, e fu 3-3, assente in Portogallo contro il Pacos e fu 0-0, assente con l’Udinese nel ritorno della semifinale di Coppa Italia e lì è stata vittoria. Bilancio senza Borja Valero: 1 vittoria, 2 pareggi ed 1 ko per una media punti di 1,25 punti a partita. Con Borja Valero in campo, invece, lo score viola dice 22 vittorie, 4 pareggi e 7 sconfitte per una media di 2,12 punti a partita, praticamente il doppio.

     

    Manca lui e la manovra viola contro l’Inter non aveva né capo né coda. Fatica immensa nel far ripartire l’azione, e spesso senza testa. Quella che mette in campo Borja Valero, cervello di questo giocattolo creato dall’aeroplanino dove tutti sono importanti, ma lui è fondamentale insieme a Gonzalo Rodriguez dietro. Torna lui e tutto diventa più facile, più manovrato, più ragionato.

     

    Ogni tanto Montella ha provato a lasciarlo fuori per farlo rifiatare, tipo a Dnipropetrovsk, salvo poi doverlo mettere nel secondo tempo con assist per il gol vittoria, o in Romania col Pandurii dove entrò e segnò allo scadere il gol vittoria. Come a dire, niente da fare, senza di lui la Fiorentina non può stare.

     

    I suoi numeri parlano da soli, 1337 passaggi, 10° in Serie A, con primato per quanto riguarda i passaggi in zona d’attacco, 873, come a dire, regista, creatore, si, ma anche rifinitore ed assist man. Sono 7 gli assist dello spagnolo in Serie A, meglio hanno fatto solo Romulo e Cerci con 8. Con l’Europa League fanno 6 gol e 9 assist totali. Per numero di reti segnate ha già eguagliato il suo record stagionale, di 6 reti in 43 presenze col Villareal nel 2011-12, quanto agli assist è ancora lontano dal suo record, messo a referto l’anno scorso con 13 assist totali.

    Totalmente dipendente, non so stare senza te, recita un coro del tifo viola, e per Borja Valero, miglior esemplificazione, proprio non potrebbe esserci.