Tra la Fiorentina e Sousa c’è di mezzo solo il Basilea. Oggi il Cda, ecco i temi

0



Giornata decisiva, di quelle da vivere tutte d’un fiato. Il futuro immediato della Fiorentina passa da qui, dalla scelta dell’allenatore a cui affidare il post Montella. E allora non resta che fare cronaca, perché sull’addio dell’Aeroplanino è già stato scritto e detto di tutto. I contatti di ieri con l’entourage di Paulo Sousa sono stati fitti e proficui. Pradè e Rogg hanno lavorato tutto il giorno per limare le distanze e, in serata, l’accordo tra la Fiorentina ed il tecnico portoghese è arrivato. Fumata bianca dunque e, si mormora, che anche la famiglia Della Valle abbia dato il proprio assenso all’operazione. Anche Diego, che in principio avrebbe voluto un allenatore italiano, ma poi sembra essersi fatto convincere dalle relazioni dei suoi uomini di calcio. Insomma, la Fiorentina ha messo le mani sull’allenatore del Basilea, che adesso però deve liberarsi dal club campione di Svizzera. Qui l’accordo manca ancora, ma la Fiorentina con Sousa è stata chiara: non sarà tirato fuori un euro. Dovrà essere l’allenatore a trovare un accordo per rescindere il contratto e legarsi alla Fiorentina. Oltretutto, per arrivare in Serie A, Sousa si taglierebbe anche l’ingaggio. Dal milione e 400 mila euro che avrebbe percepito in Svizzera, passerebbe al milione e 300.000 euro che gli ha offerto la Fiorentina. Un segnale importante, che dimostra la voglia di Paulo Sousa di misurarsi in un campionato più probante di quello elvetico. Insomma, la Fiorentina aspetta un cenno dall’allenatore, atteso ad una risposta definitiva nelle prossime ore.

 

L’alternativa è ormai legata solo al nome di Roberto Donadoni, che con la Fiorentina ha già trovato un accordo economico. L’ex allenatore del Parma aspetta solo una chiamata, che forse non arriverà mai. Sarà ingaggiato solo se Sousa non riuscirà a liberarsi dal Basilea ed, al momento, l’ipotesi è piuttosto remota. Anche se non è da scartare, perché in questi giorni il borsino degli allenatori accostati ai viola ha visto oscillazioni particolarmente repentine.

 

Capitolo Consiglio d’Amministrazione. Si terrà oggi, è un appuntamento trimestrale di routine. Non saranno presenti i fratelli Della Valle, ma al Franchi si vedrà Mario Cognigni, insieme agli altri dirigenti e consiglieri viola. E’ un CdA tecnico, nel quale non si parlerà del nuovo allenatore, ma di questioni economico-finanziarie. In primo luogo saranno ratificati i nuovi ingressi in società (Angeloni e Pereira) e dovrebbe essere ratificato anche il rinnovo del contratto del ds Pradè. Poi si farà il punto della situazione per quanto riguarda il main sponsor, che la Fiorentina non ha avuto nella passata stagione. C’è l’esigenza, ovviamente economica, di trovarlo. Inoltre, sul piano sportivo si cercherà di disegnare un piano per abbattere, gradualmente, il monte ingaggi. Infine, dovrebbe essere fatto un punto della situazione per quanto riguarda nuove entrate economiche, legate a sponsorizzazioni, eventi e merchandising. L’appuntamento è inizialmente previsto per le ore 15.

Autore: Alessandro Latini – Fiorentina.it