Tuttosport: ‘Sboccia la Viola’. Fiorentina Women’s determinata e vincente, Juve ko

3



Su Tuttosport l’analisi della vittoria della Fiorentina Women’s contro la Juve in Supercoppa

Primo round alla Fiorentina, in quello che sembra proporsi come il duello che caratterizzerà la stagione femminile quest’anno (con il Milan pronto a fare da terzo incomodo). La Juventus deve soltanto piangere sulla propria incapacità di trovare la porta avversaria, dopo aver offerto una prova ordinata, convincente, a tratti anche divertente. Il problema è che le bianconere si bloccano al momento di dover concretizzare. L’unico brivido lo procura Girelli, con un colpo di testa che scheggia l’incrocio nel primo tempo.

PRATICITA’. Ben più pratica la Fiorentina, che sfrutta la sola occasione avuta nella ripresa per portare a casa quella Supercoppa che, l’anno scorso, le era stata negata dallo scomparso Brescia. E Mauro punisce, favorita da un errore di posizione della difesa bianconera, infilata da Clelland nell’unica iniziativa convincente della scozzese in tutta la serata. Unica, ma decisiva. Ed è ciò che fa la differenza.

PARTENZA. Partenza bruciante della Fiorentina (Kostova non inquadra dalla distanza la porta lasciata sguarnita da Giuliani dopo un rinvio sballato, quindi l’occasione di Mauro). Poi, gradualmente, la Juventus prende possesso del campo: trame precise, aperture di gioco sui due fronti, dialoghi serrati in area. Ma tiri verso la porta, poco o nulla. Il pallone finisce sempre fuori dallo specchio e, quando lo centra, le conclusioni sono fiacche oppure sfortunate, come l’inzuccata di Girelli, su invito di Bonansea, respinta dai pali al 43′.

GOL VIOLA. Nella ripresa il trio Bonansea-Girelli-Aluko si cerca, si trova anche, ma non individua quegli sbocchi necessari per mettere qualche pensiero addosso a Ohrstrom. Così arriva, inesorabile, l’episodio che risolve il match. Clelland si sposta di fascia e, sulla sinistra, punta Hyyrynen, lasciandola sul posto. Il suo cross rasoterra attraversa la linea juventina, ma trova puntualissima Mauro sul secondo palo, brava a punire la scivolata fuori tempo di Boattin. Mancano 22′ alla fine, ma il colpo si abbatte sulla Juventus.

LEZIONE. Arrivano qualche mischione in area, molte situazioni confuse però nulla che scalfisca le certezze di una Fiorentina determinata in ogni situazione, anche troppo, come quando Tortelli viene “graziata” con la sola ammonizione dopo un’entrataccia su Boattin. Una lezione salutare per le bianconere, come ha dimostrato anche la repentina eliminazione al primo turno di Champions. A volte è meglio essere sporche e cattive, però vincenti.

3
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Mikaluka
Ospite
Mikaluka

Per una volta che si vedono le ragazze in tv in chiaro mi sono dovuto inc….are per il commento che tanto per non fare disparità con i colleghi maschi è stato vergognoso. Sono stati tutta la partita a sostenere quanto sono state brave le ragazze della juve che hanno fatto mezzo tiro in porta contro le 3-4 occasioni da rete della Viola e la rete della Mauro. Ah in nazionale pare ci sia solo la bonansea…chiamata sempre “la nazionale azzurra” le nostre Guagni, Mauro & C. invece non ci sono. Anche qui ci hanno visto il busco e sono apparse… Leggi altro »

Jo Goodman
Ospite
Jo Goodman

“A volte è meglio essere sporche e cattive, però vincenti.” Senti da che pulpito arriva una lezione di stile di marca Rubbentus!!!

Kermit71
Tifoso
kermit71

per essere sporche basta quella magliacciaa strisce che indossano le gobbette bianconere

Articolo precedenteIachini: “Chiesa e Pjaca tra i migliori, devono insistere sulle loro qualità. Viola da Europa”
Articolo successivoNations League: Serbia in Romania alle 15:00. Dal 1′ il difensore viola Nikola Milenkovic
CONDIVIDI